Delusione

La delusione è la sensazione di insoddisfazione che segue il fallimento delle aspettative o delle speranze di manifestarsi.

Simile al rimpianto, differisce in quanto una persona che prova rimpianto si concentra principalmente sulle scelte personali che hanno contribuito a un risultato negativo, mentre una persona che prova delusione si concentra sul risultato stesso.[1] È una fonte di stress psicologico.[2] Lo studio della delusione - le sue cause, l'impatto e il grado in cui le decisioni individuali sono motivate dal desiderio di evitarla - è un punto focale nel campo dell'analisi decisionale,[3] poiché la delusione è, insieme al rimpianto, una delle due emozioni primarie coinvolte nel processo decisionale.[4]

EtimologiaModifica

La delusione viene fatta risalire all'inglese medio deluso per mezzo del desapointer francese antico. In senso letterale, è rimuovere dall'incarico.[5] Il suo uso nel senso di frustrazione generale risale alla fine del XV secolo e appare registrato per la prima volta in inglese come uno stato emotivo di abbattimento nella metà del XVIII secolo.

PsicologiaModifica

La delusione è una risposta soggettiva correlata a ricompense anticipate. Il tempo di recupero della delusione dipende dall'intensità della delusione, così come dalla persona che sta vivendo la delusione. Per alcuni possono volerci alcuni minuti mentre per altri la stessa delusione può richiedere alcuni giorni.

Anche la delusione e l'incapacità di prepararsi sono state ipotizzate come fonte di occasionale compromissione del sistema immunitario negli ottimisti.[6] Mentre gli ottimisti mostrano generalmente una salute migliore, possono in alternativa mostrare meno immunità quando sono sottoposti a stress prolungato o incontrollabile, un fenomeno che i ricercatori hanno attribuito all'"effetto delusione". L'"effetto delusione" presuppone che gli ottimisti non utilizzino l' "ammortizzazione emotiva" per prepararsi alla delusione e quindi sono meno in grado di affrontarla quando la sperimentano.[7][8] Questo effetto di delusione è stato contestato dalla metà degli anni '90 dalla ricercatrice Suzanne Segerstrom, che ha pubblicato, da sola e di comune accordo, diversi articoli per valutarne la plausibilità. Le sue scoperte suggeriscono che, invece di essere incapaci di affrontare la delusione, gli ottimisti hanno maggiori probabilità di affrontare attivamente i loro problemi e di conseguenza subire una compromissione dell'immunità.[9]

Nel 1994, lo psicoterapeuta Ian Craib ha pubblicato il libro The Importance of Disappointment, in cui ha attinto alle opere di Melanie Klein e Sigmund Freud nel portare avanti la teoria che la cultura che evita le delusioni - in particolare la cultura della terapia - fornisce false aspettative di perfezione nella vita e previene persone dal raggiungimento di una sana identità. Craib ha offerto come due esempi le vittime litigiose di errori medici, che una volta avrebbero accettato gli incidenti come un corso della vita, e le persone che soffrono di dolore in seguito alla morte di una persona cara che, ha detto, viene fornito un falso modello scenico di recupero che è più progettato per confortare i terapeuti del lutto rispetto ai lutto.

I lacaniani consideravano la delusione infantile essenziale per entrare nel mondo simbolico della cultura;[10] la delusione nell'età adulta - la frustrazione delle nostre richieste da parte del mondo - come chiave per scoprire chi siamo in realtà.[11]

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ Bell, David E. (January 1985). "Putting a premium on regret". Management Science. 31 (1): 117–20. doi:10.1287/mnsc.31.1.117. JSTOR 2631680.
  2. ^ (EN) Down But Not Out, su Psychology Today (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2005).
  3. ^ (EN) Blessed are those who expect nothing: Lowering expectations as a way of avoiding disappointment, su Journal of Economic Psychology.
  4. ^ (EN) Investigating the appraisal patterns of regret and disappointment, su Motivation and Emotion.
  5. ^ "disappoint". The American Heritage Dictionary of the English Language, 3rd ed. Houghton Mifflin Company. 1992. p. 529.
  6. ^ (EN) Positive thinking, su Wayback Machine Chronicle.
  7. ^ (EN) The optimism revolution, su Psychology Today.
  8. ^ (EN) Is it best to expect the worst? Psychologists test long-held theory of emotional cushioning, su psychcentral.com. URL consultato il 29 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2015).
  9. ^ (EN) How does optimism suppress immunity? Evaluation of three affective pathways, su Health Psychol.
  10. ^ W. Ver Eccke, Phenomenology and Lacan on Schizophrenia (2001) p. 181
  11. ^ P Hill, Lacan for Beginners (London 1997) p. 68

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85038287 · GND (DE4124841-7
  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia