Diocesi di Arpasa

Arpasa
Sede vescovile titolare
Dioecesis Harpasena
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Arpasa
Mappa della diocesi civile di Asia (V secolo)
Vescovo titolaresede vacante
IstituitaXIX secolo[1]
StatoTurchia
Diocesi soppressa di Arpasa
Suffraganea diStauropoli
Erettacirca V secolo
Soppressacirca XII secolo
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Arpasa (in latino: Dioecesis Harpasena) è una sede soppressa del patriarcato di Costantinopoli e una sede titolare della Chiesa cattolica.

StoriaModifica

Arpasa, identificabile con le rovine di Harpaskale nell'odierna Turchia, è un'antica sede episcopale della provincia romana della Caria nella diocesi civile di Asia. Faceva parte del patriarcato di Costantinopoli ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Stauropoli.

La diocesi è documentata nelle Notitiae Episcopatuum del patriarcato di Costantinopoli fino al XII secolo.[2]

Sono quattro i vescovi documentati di Arpasa. Fania partecipò al concilio di Efeso del 431 e verso la fine dello stesso anno sottoscrisse la lettera sinodale del patriarca Massimiano diretta al clero della diocesi di Tenedo per annunciare la deposizione del loro vescovo Anastasio.[3] Zotico non prese parte al concilio di Calcedonia del 451, dove fu rappresentato dal presbitero Filoteo, che sottoscrisse tutte le decisioni conciliari al posto del suo vescovo.[4] Ireneo fu un vescovo monofisita vissuto all'inizio del VI secolo, noto per un'opera teologica oggi perduta a favore dell'Hénotikon contro il concilio calcedonese.[5] Leone partecipò al concilio di Costantinopoli dell'879-880 che riabilitò il patriarca Fozio di Costantinopoli.

Dal XIX secolo Arpasa è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; il titolo non è più assegnato dal 6 dicembre 1969.

CronotassiModifica

Vescovi greciModifica

  • Fania † (menzionato nel 431)
  • Zotico † (menzionato nel 451)
  • Leone † (menzionato nell'879)

Vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ La sede è già menzionata negli Annuari Pontifici dell'Ottocento.
  2. ^ Jean Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae. Texte critique, introduction et notes, Parigi 1981, indice p. 492, voce Harpasa.
  3. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 793-794.
  4. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 980.
  5. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 237-238.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi