Apri il menu principale
Diocesi di Duitama-Sogamoso
Dioecesis Duitamensis-Sogamosensis
Chiesa latina
Iglesia Duitama boy col.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Tunja
Stemma della diocesi Mappa della diocesi
Vescovo Misael Vacca Ramírez
Sacerdoti 118 di cui 113 secolari e 5 regolari
2.646 battezzati per sacerdote
Religiosi 8 uomini, 86 donne
Diaconi 12 permanenti
Abitanti 353.811
Battezzati 312.286 (88,3% del totale)
Superficie 4.928 km² in Colombia
Parrocchie 64 (8 vicariati)
Erezione 7 marzo 1955
Rito romano
Cattedrale San Lorenzo
Concattedrali San Martino
Santi patroni Nostra Signora di Monguì
San Giuseppe
Indirizzo Calle 13 No. 15-34, Duitama (Boyacá), Colombia
Sito web diocesisduitamasogamoso.org
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Colombia

La diocesi di Duitama-Sogamoso (in latino: Dioecesis Duitamensis-Sogamosensis) è una sede della Chiesa cattolica in Colombia suffraganea dell'arcidiocesi di Tunja. Nel 2016 contava 312.286 battezzati su 353.811 abitanti. È retta dal vescovo Misael Vacca Ramírez.

Indice

TerritorioModifica

La diocesi comprende 26 comuni del dipartimento colombiano di Boyacá: Duitama, Tibasosa, Sogamoso, Monguí, Mongua, Labranzagrande, Santa Rosa de Viterbo, Floresta, Busbanzá, Nobsa, Tópaga, Corrales, Gámeza, Cerinza, Beteitiva, Tasco, Socha, Belén, Paz de Río, Sativasur, Tutazá, Sativanorte, Jericó, Socotá, Pisba e Paya (eccetto il distretto di Morcote, che appartiene alla diocesi di Yopal).

Sede vescovile è la città di Duitama, dove si trova la cattedrale di San Lorenzo. A Sogamoso si trova la concattedrale di San Martino. A Monguí sorge la basilica minore di Nostra Signora (Nuestra Señora de Monguí).

Il territorio si estende su una superficie di 4.928 km² ed è suddiviso in 64 parrocchie, raggruppate in 8 vicariati: San Pablo Apóstol, San Juan Maria Vianney, Santiago el Menor, Nuestra Señora de Monguí, Nuestra Señora de Tutaza, San Juan Pablo II, San Francisco de Asís, San Francisco Javier.

StoriaModifica

La diocesi di Duitama fu eretta il 7 marzo 1955 con la bolla Idem ardens di papa Pio XII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Tunja (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Bogotà.

Il 6 agosto 1955, con la lettera apostolica Deus miserentissimus, papa Pio XII proclamò la Beata Maria Vergine, venerata con il titolo di Nostra Signora di Monguì, patrona principale della diocesi, e San Giuseppe patrono secondario.[1]

Il 20 giugno 1964 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Tunja.

Il 24 novembre 1971, in forza del decreto Cum urbs della Congregazione per i vescovi, la chiesa di San Martino di Sogamoso è stata elevata al rango di concattedrale della diocesi.

Il 9 luglio 1987 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Málaga-Soatá.

Il 4 giugno 1994, in virtù del decreto Cum Congregatio della Congregazione per i vescovi, ha assunto il nome attuale.

Il 6 febbraio 1996 è stato inaugurato il seminario maggiore Salvador Mundi, che tuttavia durò un solo anno. Il 6 febbraio 2006 è stato eretto con decreto vescovile un nuovo seminario diocesano.

Il 29 ottobre 1999 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Yopal.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • José Joaquín Flórez Hernández † (7 marzo 1955 - 17 marzo 1964 nominato vescovo di Ibagué)
  • Julio Franco Arango † (4 giugno 1964 - 16 settembre 1980 deceduto)
  • Jesús María Coronado Caro, S.D.B. † (30 luglio 1981 - 21 giugno 1994 ritirato)
  • Carlos Prada Sanmiguel † (21 giugno 1994 - 15 ottobre 2012 dimesso)
    • Sede vacante (2012-2015)
  • Misael Vacca Ramírez, dal 18 aprile 2015

StatisticheModifica

La diocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 353.811 persone contava 312.286 battezzati, corrispondenti all'88,3% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1966 349.000 351.961 99,2 94 82 12 3.712 66 272 43
1970 398.000 400.000 99,5 89 81 8 4.471 11 201 45
1976 448.000 455.500 98,4 90 82 8 4.977 11 220 51
1980 476.000 490.000 97,1 82 76 6 5.804 7 219 52
1990 331.000 343.000 96,5 78 75 3 4.243 5 127 46
1999 260.000 280.000 92,9 100 96 4 2.600 12 87 55
2000 259.000 278.000 93,2 110 104 6 2.354 12 102 58
2001 270.000 289.000 93,4 125 119 6 2.160 17 119 58
2002 260.000 265.000 98,1 113 106 7 2.300 15 144 58
2003 261.000 270.000 96,7 108 104 4 2.416 8 138 59
2004 310.000 349.000 88,8 112 106 6 2.767 10 137 60
2006 375.000 394.000 95,2 114 108 6 3.289 10 130 62
2013 418.000 432.000 96,8 131 126 5 3.190 14 8 121 64
2016 312.286 353.811 88,3 118 113 5 2.646 12 8 86 64

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (LA) Lettera apostolica Deus miserentissimus, AAS 48 (1956), pp. 562-563.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi