Diocesi di Fiumepiscense

Fiumepiscense
Sede vescovile titolare
Dioecesis Flumenpiscensis
Chiesa latina
Vescovo titolareReinhard Hauke
Istituita1933
StatoAlgeria
Diocesi soppressa di Fiumepiscense
Eretta?
Soppressa?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Fiumepiscense (in latino: Dioecesis Flumenpiscensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

StoriaModifica

Fiumepiscense, forse identificabile con le rovine di Kherbet-Ced-Bel-Abbas nell'odierna Algeria, è un'antica sede episcopale della provincia romana della Mauritania Sitifense.

Il primo vescovo noto di questa diocesi africana è documentato nel De schismate donatistarum di Ottato di Milevi. Il donatista Ianuario fu uno dei responsabili, assieme a Felice di Zabi, degli eccessi causati dai donatisti dopo le leggi dell'imperatore Giuliano in loro favore, eccessi che causarono a Lemellefa la morte dei diaconi cattolici Primo e Donato all'interno della basilica cittadina.[1]

Alla conferenza di Cartagine del 411, che vide riuniti assieme i vescovi cattolici e donatisti dell'Africa romana, partecipò per parte donatista il vescovo Restituto. A causa di una lacuna testuale, non è noto sapere il nome del vescovo cattolico di questa diocesi e nemmeno, poiché il nome della sede non è indicato, se si tratti di Restituto di Fiumepiscense o Restituto di Lari Castello.[2]

Terzo vescovo noto di Fiumepiscense è Vittore, il cui nome appare al 25º posto nella lista dei vescovi della Mauritania Sitifense convocati a Cartagine dal re vandalo Unerico nel 484; Vittore, come tutti gli altri vescovi cattolici africani, fu condannato all'esilio.[3]

Dal 1933 Fiumepiscense è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; dall'11 ottobre 2005 il vescovo titolare è Reinhard Hauke, vescovo ausiliare di Erfurt.

CronotassiModifica

Vescovi residentiModifica

  • Ianuario † (menzionato nel 362 circa) (vescovo donatista)
  • Restituto † (menzionato nel 411) (vescovo donatista)
  • Vittore † (menzionato nel 484)

Vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ Mandouze, Prosopographie de l'Afrique chrétienne, p. 583, Ianuarius 5.
  2. ^ Mandouze, Prosopographie de l'Afrique chrétienne, p. 975, Restitutus 13.
  3. ^ Mandouze, Prosopographie de l'Afrique chrétienne, p. 1177, Victor 69.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi