Dormagen

città della Germania

Dormagen è una città di 64 553 abitanti[1] della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania.

Dormagen
Grande città di circondario
Dormagen – Stemma
Dormagen – Bandiera
Dormagen – Veduta
Dormagen – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Germania Germania
Land Renania Settentrionale-Vestfalia
DistrettoDüsseldorf
CircondarioReno-Neuss
Territorio
Coordinate51°05′47.04″N 6°50′24″E / 51.0964°N 6.84°E51.0964; 6.84 (Dormagen)
Altitudine45 m s.l.m.
Superficie85,5 km²
Abitanti64 553[1] (31-12-2021)
Densità755,01 ab./km²
FrazioniDelhoven, Delrath, Mitte, Gohr und Broich, Hackenbroich und Hackhausen, Horrem, Nievenheim, Ückerath, Rheinfeld, Straberg und Knechsteden, Stürzelberg und Sankt Peter, Zons.
Altre informazioni
Cod. postale41539–41542
Prefisso02133, 02182
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis05 1 62 004
TargaNE
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Dormagen
Dormagen
Dormagen – Mappa
Dormagen – Mappa
Sito istituzionale

Appartiene al distretto governativo (Regierungsbezirk) di Düsseldorf ed al circondario (Kreis) del Reno-Neuss (targa NE).

Dormagen si fregia del titolo di Grande città di circondario (Große kreisangehörige Stadt).

Cultura modifica

Media modifica

Nel comune di Dormagen, segnatamente nella frazione di Zons, è stata girata la serie di RTL Television con protagonista Daniel Donsoy Sankt Maik.[2][3]

Geografia antropica modifica

Frazioni modifica

Dormagen è suddivisa nelle seguenti frazioni (Stadtteile): Delhoven, Delrath, Mitte, Gohr und Broich, Hackenbroich und Hackhausen, Horrem, Nievenheim, Ückerath, Rheinfeld, Straberg und Knechsteden, Stürzelberg und Sankt Peter, Zons.

Amministrazione modifica

Gemellaggi modifica

Note modifica

  1. ^ a b Ente statistico della Renania Settentrionale-Vestfalia - Dati sulla popolazione
  2. ^ (DE) Anwohner beschweren sich über Parkverbote und Sperrungen, in RP-Online, 11 agosto 2020. URL consultato il 24 giugno 2022.
  3. ^ (DE) Carina Wernig, Zons. Serie „Sankt Maik“: Anwohner beschweren sich über Parkverbote und Sperrungen, in Westdeutsche Zeitung, 12 agosto 2020. URL consultato il 24 giugno 2022.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127930473 · LCCN (ENn86816312 · GND (DE4012788-6 · BNF (FRcb11931896s (data) · J9U (ENHE987007567236005171
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Germania