Edda Bresciani

egittologa, archeologa e accademica italiana

Edda Bresciani (Lucca, 23 settembre 1930Lucca, 29 novembre 2020) è stata un'egittologa, archeologa e accademica italiana.

BiografiaModifica

Si laureò all'Università di Pisa, nel 1955, in egittologia, e fu quindi docente di Lingua e Letteratura copta nell'Università di Roma "La Sapienza". Divenne poi ordinaria di egittologia all'Università di Pisa, dove insegnò anche lingua e letteratura demotica.

Fondatrice della rivista Egitto e Vicino Oriente nel 1978, fu autrice di numerose pubblicazioni sull'Antico Egitto. Diresse varie missioni archeologiche in Egitto e ricevette l'Ordine del Cherubino e la Medaglia d'oro ai benemeriti della scienza e cultura.

Per conto dell'Università di Pisa, di cui fu infine docente emerita, diresse il progetto Issemm, finanziato dal ministero italiano per gli affari esteri – Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo, destinato a dare un supporto tecnico e scientifico per il monitoraggio e la gestione dei siti archeologici egiziani, in collaborazione con lo SCA egiziano. Grazie all'Issemm vennero realizzati il Parco archeologico e il Visitor Centre di Medinet Madi nel Fayum in Egitto (inaugurato l'8 maggio 2011).

Fu socia nazionale dell'Accademia Nazionale dei Lincei e socia ordinaria dell'Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti; in Francia era membro dell'Académie des inscriptions et belles-lettres.

Edda Bresciani è morta novantenne il 29 novembre 2020, durante un ricovero nella clinica Barbantini di Lucca.[1]

OpereModifica

  • con Sergio Pernigotti, ASSUAN. Il tempio Tolemaico di Isi. I blocchi decorati e iscritti, Pisa Giardini 1978
  • L'Antico Egitto di Ippolito Rosellini nelle tavole dai monumenti dell'Egitto e della Nubia, Ed. Istituto geografico de Agostini, ISBN 8841504102
  • Grande Enciclopedia illustrata dell'Antico Egitto (a cura di E. Bresciani), Ed. De Agostini 1998, 2005, ISBN 884155259X
  • Il Volto Di Osiri: Tele Funerarie Dipinte nell'Egitto Romano, Ed. Maria Pacini Fazzi, ISBN 8872462320
  • Khelua: Una Necropoli Del Medio Regno Nel Fayum, ETS, ISBN 8846702085
  • Nozioni elementari di grammatica demotica, Ed. Cisalpino-Goliardica, ISBN 8820501503
  • Sulle Rive Del Nilo: L'Egitto Al Tempo Dei Faraoni, GLF editori Laterza, ISBN 8842061662
  • Food and drink. Life resources in ancient Egypt, Pacini Fazzi 1997
  • Letteratura e poesia dell'antico Egitto. Cultura e società attraverso i testi, Einaudi Tascabili 2007, ISBN 9788806190781
  • I testi religiosi dell'antico Egitto, Mondadori, collana I Meridiani 2001
  • La piramide e la Torre. Duecento anni di archeologia egiziana (a cura di E.Bresciani), Pisa 2000
  • Nove Faraoni, Plus Pisa 2001 (Nine Pharaohs, traduzione in inglese, Plus Pisa 2002)
  • Kom Madi 1977 e 1978. Le pitture murali del cenotafio di Alessandro Magno, Prima ristampa con aggiornamenti. With English text, Pisa, 2003
  • Egypt in India. Egyptian Collection in indian Museums (a cura di E. Bresciani, M. Betrò), Pisa Plus 2004, ISBN 9788884921895
  • con Mario Del Tacca, Arte medica e cosmetica alla corte dei Faraoni/Medicine and cosmetics at Pharaohs' court, Pisa 2005, Pacini, ISBN 8877816686 (88-7781-668-6)
  • La porta dei sogni. Interpreti e sognatori nell'Egitto antico, Einaudi Saggi, 2005, vincitore Premio Nazionale Letterario Pisa per la Saggistica,[2] ISBN 9788806177935
  • Medinet Madi. Venti anni di esplorazione archeologica (1984-2005) a cura di Edda Bresciani, Antonio Giammarusti, Rosario Pintaudi, Flora Silvano, Pisa, 2006
  • Ramesse II, Firenze, Giunti Editore, 2012, ISBN 9788809763227

OnorificenzeModifica

  Medaglia ai benemeriti della scienza e della cultura
— Roma, 17 maggio 1996.[3]

NoteModifica

  1. ^ https://www.lanazione.it/lucca/cronaca/morta-edda-bresciani-1.5764940
  2. ^ Albo d'oro, su premionazionaleletterariopisa.onweb.it. URL consultato il 7 novembre 2019.
  3. ^ dal sito del Quirinale, su quirinale.it. URL consultato il 3 novembre 2012.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17219817 · ISNI (EN0000 0000 7938 4764 · SBN IT\ICCU\CFIV\034800 · LCCN (ENn79055089 · GND (DE129166804 · BNF (FRcb11893917g (data) · BNE (ESXX1593727 (data) · BAV (EN495/141854 · WorldCat Identities (ENlccn-n79055089