Erik Larson

scrittore statunitense

Erik Larson (3 gennaio 1954) è uno scrittore statunitense.

Erik Larson nel 2007

È autore di vari libri di ambientazione storica, bestseller come Il giardino delle bestie - Berlino 1934, pubblicato nel 2011, sulla figura dell'ambasciatore USA a Berlino negli anni trenta William Dodd e quella dei suoi familiari che lo accompagnarono nella trasferta europea nella Germania nazista.

BiografiaModifica

Cresciuto fra Freeport (New York) e Long Island, ha vissuto in diverse località degli USA fra cui Bristol (Pennsylvania), Filadelfia, San Francisco (in due epoche diverse), Baltimora (anche in questo caso in due epoche differenti) e, infine, Seattle.

Autore di testi non-fiction, ha scritto Isaac's Storm (1999), riguardo all'esperienza di Isaac Cline durante l'uragano che colpì la città di Galveston nel 1900, The Devil in the White City: Murder, Magic and Madness at the Fair That Changed America (2003, vincitore l'anno successivo dell'Edgar Award nella categoria Best Fact Crime e in nomination al National Book Award per la saggistica), sull'Expo colombiana del 1893 che si tenne a Chicago e che vide una serie di omicidi da parte di un serial killer, H. H. Holmes. È stato autore anche di Thunderstruck (2006), sulla figura di Hawley Harvey Crippen. Fra gli altri suoi scritti figurano The Naked Consumer: How Our Private Lives Become Public Commodities (1992) e Lethal Passage: The Story of a Gun (1995).

Il suo primo impiego come giornalista lo ha visto impegnato in un giornale di provincia, il The Bucks County Courier Times di Levittown (Pennsylvania), dove si è occupato di cronaca nera. Dopo di allora ha collaborato - e in taluni casi continua a collaborare - con The Wall Street Journal e Time magazine. Alcune sue storie sono state pubblicate anche sul The New Yorker, The Atlantic Monthly, Harper's e su altre pubblicazioni.

Ha studiato storia della Russia alla Università della Pennsylvania diplomandosi con summa cum laude nel 1976. Successivamente ha studiato giornalismo alla Columbia University, laureandosi nel 1978.

Larson si è interessato alla letteratura non-fiction frequentando seminari specifici riguardo a questa branca della scrittura alla San Francisco State University, alla Johns Hopkins University e alla Università dell'Oregon. Ha tenuto sull'argomento conferenze da un lato all'altro degli USA.

Vive a Seattle con la moglie e i tre figli, oltre che con diversi animali domestici.

OpereModifica

(EN) Erik Larson parla di Il giardino delle bestie. Berlino 1934 a Bookbits radio
  • The Naked Consumer: How Our Private Lives Become Public Commodities (1992)
  • Lethal Passage: How the Travels of a Single Handgun Expose the Roots of America's Gun Crisis (1994)
  • Il tifone di Galveston. Il più terribile uragano della storia (Isaac's Storm: A Man, a Time, and the Deadliest Hurricane in History, 1999), traduzione di Marco Papi, Collezione Memorie, documenti, biografie, Milano, Garzanti, 2001, ISBN 978-88-117-3887-9.
  • La Città Bianca e il diavolo (The Devil in the White City: Murder, Magic and Madness at the Fair That Changed America, 2002), traduzione di Grazia Maria Griffini, Collana Strade blu, Milano, Mondadori, 2005, ISBN 978-88-045-4384-8. - Collana Bloom n.108, Vicenza, Neri Pozza, 2016, ISBN 978-88-545-0588-9.
  • Guglielmo Marconi e l'omicidio di Cora Crippen (Thunderstruck, 2006), traduzione di Marco Lunari, Collana Bloom n.80, Vicenza, Neri Pozza, 2014.
  • Il giardino delle bestie - Berlino 1934 (In The Garden of Beasts: Love, Terror, and An American Family in Hitler's Berlin, 2011), traduzione di Raffaella Vitangeli, Collana Bloom n.52, Vicenza, Neri Pozza, 2012, ISBN 978-88-545-0574-2.
  • Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania (Dead Wake: The Last Crossing of the Lusitania. Crown Publishers, 2015), traduzione di Laura Prandino, Collana Bloom n.96, Vicenza, Neri Pozza, 2015, ISBN 978-88-545-0817-0.
  • Splendore e viltà (The Splendid and the Vile, 2020), traduzione di Raffaella Vitangeli, Collana Bloom, Vicenza, Neri Pozza, 2020, ISBN 978-88-545-1700-4.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52556024 · ISNI (EN0000 0001 1491 8822 · LCCN (ENn92040975 · GND (DE121843459 · BNF (FRcb166176299 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n92040975