Apri il menu principale

Every Little Thing (brano musicale)

canzone dei Beatles
Every Little Thing
ArtistaThe Beatles
Autore/iLennon-McCartney
GenereSoft rock
Rock
British invasion
Beat
Pop
Country
StileA-B-A-B-B
Edito daEMI
Pubblicazione
IncisioneBeatles for Sale
Data1964
EtichettaParlophone
Beatles for Sale – tracce
Precedente

Every Little Thing è un brano dei Beatles pubblicato sull'album Beatles for Sale del 1964 in Europa e su Beatles VI del 1965 in America.

Il branoModifica

Every Little Thing è stata composta solamente da Paul McCartney. Spesso è stato detto che sia stata ceduta a John Lennon, analogamente a Eight Days a Week dello stesso album; in realtà il brano è cantato all'unisono da Lennon e McCartney, sebbene il mixaggio, o forse la differente distanza dal microfono, ha tenuto molto bassa la voce di quest'ultimo (lo stesso accorgimento è presente in altri brani dell'LP, come No Reply o Eight Days A Week). L'idea originale era di farla pubblicare come singolo, e la fece sentire dietro le quinte di un concerto al manager Brian Epstein[1]; risultò "senza i requisiti adatti" per apparire su un 45 giri, e, come anche McCartney ha detto, quasi un riempitivo[2]. Mentre McCartney è sicuro di averla scritta al pianoforte della casa di Jane Asher[1] o nel tour dei Beatles negli USA dell'agosto 1964[3], Lennon ipotizza anche della possibilità di un piccolo contributo[1].

È stato pensato che George Harrison sia stato assente alla registrazione e che sia la chitarra solista che la chitarra acustica siano state suonate da John Lennon[1], ma la maggior parte delle fonti afferma nella partecipazione del beatle[2][3]. Altre fonti ancora sostengono nella presenza dei due chitarre acustiche, una suonata da Lennon ed una da Harrison[2]. I timpani, suonati da Ringo Starr, caratterizzano la canzone: nei brani dei Beatles sono apparsi, oltre che ad Every Little Thing, Strawberry Fields Forever[4] e Mother Nature's Son[5], suonati rispettivamente da Harrison[4] e McCartney[5].

Il 29 settembre 1964 avvenne una prima registrazione, su quattro nastri, del brano; l'indomani, su altri cinque nastri, avvenne un rifacimento[1]. Il nono nastro contiene la sovraincisione del pianoforte, della chitarra acustica e dei timpani. Mark Lewisohn racconta che il sesto nastro venne interrotto quando McCartney fece un rutto cantando[3]. Il mixaggio, sia monofonico che stereofonico avvenne il 27 ottobre[1].

FormazioneModifica

CoverModifica

Il brano è stato reinterpretato, tra gli altri, da:

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Luca Biagini, Every Little Thing, Pepperland. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  2. ^ a b c Guido Micheloni, Pazzi per i Beatles - La storia dietro ogni canzone, Barbera Editore, pag. 52
  3. ^ a b c d (EN) Every Little Thing, The Beatles Bible. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  4. ^ a b Luca Biagini, George Harrison: timpani, Pepperland. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  5. ^ a b Luca Biagini, Paul McCartney: timpani, Pepperland. URL consultato il 10 gennaio 2014.

Collegamenti esterniModifica