Apri il menu principale

Nello sport, la falsa partenza è una partenza compiuta dall'atleta antecedentemente al colpo di pistola sparato dall'arbitro oppure al segnale di via.

Atletica leggeraModifica

Nell'atletica leggera, lo starter (o giudice di partenza) coordina la partenza degli atleti tramite comandi. In gare di velocità, i comandi sono:

  1. «Ai vostri posti» (gli atleti si dispongono sui blocchi di partenza);
  2. «Pronti» (gli atleti alzano il ginocchio, precedentemente posto a terra);
  3. «Via» (colpo di pistola).

In gare di fondo, l'unico comando impartito prima del colpo di pistola è «ai vostri posti».

La falsa partenza è ritenuta tale con un tempo di reazione inferiore a 1/10 di secondo. In eventi di alto livello e gare internazionali, il tempo è rilevato da sensori dinamometrici applicati ai blocchi; in altre gare, il controllo è demandato ai giudici di gara. L'atleta che si renda responsabile di tale infrazione è sanzionato con l'immediata squalifica: tale norma è stata introdotta dalla IAAF nel 2010.[1]

In specialità di prove multiple, agli atleti è invece concessa una seconda possibilità di partenza.

NuotoModifica

Nel nuoto, l'infrazione consiste nel tuffo anticipato o nella perdita d'immobilità nel tempo trascorso dall'avviso vocale («A posto», oppure «Take your mark» in lingua inglese) al fischio di partenza. L'eventuale errore è segnalato dallo starter, e verificato tramite i sensori posti sui blocchi: dal 2000, tramite una modifica regolamentare, è possibile decretarla (senza ripetizione) anche al termine della prova o batteria.[2]

Anche in questo caso, viene punita con l'automatica squalifica.

Sport motoristiciModifica

In sport motoristici, si ricorre a sensori annegati nell'asfalto per gare su circuito e alla fotocellula per enduro e rally: nel motocross, è presente una sbarra che si abbassa al comando di partenza.[3]

Sci alpinoModifica

Nello sci alpino e nello sci di fondo con partenza individuale, l'infrazione è rilevata da un cancelletto che aziona un contatto elettrico: si misura quindi il tempo effettivo di partenza, che risulta irregolare se precede oppure supera di 5" il segnale del cronometro.[4]

In altri sport, per esempio nel podismo e nel ciclismo, la rilevazione è interamente affidata ai giudici di gara.

NoteModifica

  1. ^ Falsa partenza, si cambia ancora. Il primo che sbaglia è fuori, Repubblica.it, 12 agosto 2009. URL consultato il 6 novembre 2012.
  2. ^ (EN) Plus: Swimming -- Olympics; Rule Eliminates Any False Start, New York Times, 12 novembre 1998. URL consultato il 6 novembre 2012.
  3. ^ Impianti Sportivi - Sezione Motocross (PDF), Pdmx.it. URL consultato il 6 novembre 2012.
  4. ^ Federazione Italiana Sport Invernali, Regolamento tecnico federale sci alpino edizione 2015/2016 (PDF), 2012, pp. p. 29. URL consultato il 20 dicembre 2017.

Altri progettiModifica