Apri il menu principale
Far Side Virtual
ArtistaJames Ferraro
Tipo albumStudio
Pubblicazione2011
GenereMusica elettronica
Vaporwave
EtichettaHippos in Tanks
James Ferraro - cronologia
Album precedente
Night Dolls With Hairspray
(2010)
Album successivo
Sushi
(2012)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Pitchfork 7.6[1]
Ondarock 5/10 stelle[2]
Piero Scaruffi 7/10 stelle[3]
Metacritic 77/100[4]
Rumore 7/10 stelle[5]

Far Side Virtual è un album in studio di James Ferraro pubblicato nel 2011.

Il discoModifica

L'album, che segnò una dipartita dalle pubblicazioni di drone music a bassa fedeltà che hanno caratterizzato le precedenti pubblicazioni di Ferraro, rievoca deliberatamente la musica "da ascensore" aziendale e i suoni emessi dai computer di vecchia data. Il musicista dichiarò di aver concepito il disco come una serie di suonerie per il cellulare da far scaricare ai suoi ascoltatori.[6][7] L'album affronta temi quali l'iperrealtà, il consumismo, il retro-futurismo degli anni novanta, la pubblicità, la pop art e il kitsch musicale.[8][9] La critica è concorde nel considerare Far Side Virtual un disco che offre un'immagine cupa e distopica del mondo moderno.[8][10] Far Side Virtual viene anche citato come uno degli album che hanno contribuito maggiormente alla nascita della vaporwave, corrente musicale che condivide molte delle tematiche concettuali del disco.[10][11][12]

AccoglienzaModifica

L'album ha ricevuto giudizi generalmente positivi e molti critici hanno apprezzato maggiormente le tematiche affrontate dall'album rispetto alla qualità della musica in sé.[1][13][14] L'album ha però avuto alcuni detrattori; in modo particolare, è stata oggetto di alcune critiche la scelta della rivista The Wire di inserirlo al primo posto nella classifica dei migliori album del 2011.[15][16][17][18][19]

TracceModifica

  1. Linden Dollars – 1:57
  2. Global Lunch – 2:13
  3. Dubai Dream Tone – 1:49
  4. Sim – 2:53
  5. Bags – 3:25
  6. PIXARnia and the Future of Norman Rockwell – 1:44
  7. Palm Trees, Wi-Fi and Dream Sushi – 2:39
  8. Fro Yo and Cellular Bits – 2:19
  9. Google Poesies – 3:51
  10. Starbucks, Dr. Seussism, and While Your Mac Is Sleeping – 2:25
  11. Adventures in Green Foot Printing – 3:28
  12. Dream On – 3:07
  13. Earth Minutes – 4:17
  14. Tomorrow's Baby of the Year – 1:49
  15. Condo Pets – 3:31
  16. Solar Panel Smile – 4:08

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Bebetune$ Inhale C-4 $$$$$, su pitchfork.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  2. ^ James Ferraro - Onda Rock, su ondarock.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  3. ^ (EN) Skaters and James Ferraro, su scaruffi.com. URL consultato l'11 novembre 2019.
  4. ^ (EN) Critic Reviews for Far Side Virtual, su metacritic.com. URL consultato l'11 novembre 2019.
  5. ^ Far Side Virtual - James Ferraro, in Rumore Magazine, ottobre 2011.
  6. ^ (EN) Interview: James Ferraro And His Music Multiverse, su daily.redbullmusicacademy.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  7. ^ (EN) James Ferraro Versace Dreams, su elle.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  8. ^ a b (EN) James Ferraro Interview, su the-drone.com. URL consultato il 15 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2016).
  9. ^ (EN) The year’s best and weirdest protest songs., su slate.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  10. ^ a b (EN) Comment: Vaporwave and the pop-art of the virtual plaza, su dummymag.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  11. ^ (EN) The Month's Electronic Music: Through The Looking Glass, su thequietus.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  12. ^ (EN) Is Vaporwave The Next Seapunk?, su thump.vice.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  13. ^ (EN) daily.redbullmusicacademy.com, http://daily.redbullmusicacademy.com/2012/03/james-ferraro-fireside-chat. URL consultato il 15 luglio 2016.
  14. ^ (EN) 2011: Dispatches from the Pop Museum, su tinymixtapes.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  15. ^ (EN) Underwhelmed And Overstimulated, Part Eight: What Happened When Skrillex Helped America Discover Rave, su villagevoice.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  16. ^ (EN) The 10 Best Record Labels of 2011, su factmag.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  17. ^ (EN) 2011 Rewind Chart: Top 50 Releases of the Year, su thewire.co.uk. URL consultato il 15 luglio 2016.
  18. ^ (EN) BEBETUNE$ inhale C-4 $$$$$, su tinymixtapes.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  19. ^ (EN) The Mire: Tangents, threads and opinions from The Wire HQ, su thewire.co.uk. URL consultato il 15 luglio 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica