Apri il menu principale
Barco – Montecchio
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza4 km
Apertura1909
Chiusura1955
GestoreCCPR (1909-1936)
CCFR (1936-1955)
Scartamentonormale
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia BarcoMontecchio era una linea delle Ferrovie Reggiane; inaugurata nel 1909, venne soppressa nel 1955 nell'ambito della politica di taglio dei rami secchi, che in quell'anno vide anche la soppressione della Bagnolo – Carpi e della Reggio – Boretto.

Indice

StoriaModifica

 
L'ex stazione di Montecchio

La ferrovia arrivò a Montecchio nel 1909, quando dalla stazione di Barco, posta sulla Reggio – Ciano, venne costruita una diramazione. Precedentemente furono proposti diversi tracciati, alla fine ne restarono in lizza solamente due: il progetto Benassi, quello poi realizzato, e quello sostenuto dall'Amministrazione Comunale Montecchiese, il quale da Barco avrebbe dovuto raggiungere il paese e di qui proseguire per Bibbiano, San Polo e Ciano.

Nel 1901 fu inaugurata la tranvia Pilastrello-Montecchio, diramazione della linea Parma-Traversetolo, chiusa nel 1934; i due impianti, disposti sul medesimo asse, nel 1910 furono collegati nel 1940 mediante un binario di raccordo lungo 113,3 m[1].

Il 15 agosto 1909 il tronco ReggioBarcoMontecchio venne aperto al traffico, per vedere l'apertura completa della linea si dovette attendere l'anno successivo. Dunque, per Montecchio a Barco si cambiava il treno.

Il declinoModifica

 
La stazione FER di Barco, punto di partenza della dismessa Barco – Montecchio

Il declino di questa breve ferrovia cominciò nel novembre 1944 quando la Wehrmacht distrusse gli impianti della stazione di Montecchio senza una precisa motivazione. Al termine della guerra la stazione venne ricostruita e il servizio riprese regolarmente, tuttavia sempre più montecchiesi e reggiani iniziarono a servirsi dell'automobile. Pian piano la ferrovia perdeva terreno, e così, nel 1955, il CCFR decise di chiudere al traffico il ramo BarcoMontecchio attuando la politica d'eliminazione dei rami secchi.

VestigiaModifica

Sebbene la tratta sia stata autosostituita e le rotaie rimosse, permagono ancora alcuni caselli. Il fabbricato di stazione di Montecchio è ancora esistente, mentre il lungo rettilineo finale è diventato sede della SP ReggioMontecchio.

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
     
linea per Reggio Emilia
 
3+665 Barco
     
linea per Ciano d'Enza
 
0+000 Montecchio
 
Stazione tranviaria
 
per Parma

NoteModifica

  1. ^ Gabriele Savi, Binari per la val d'Enza, in Tutto Treno & Storia, n. 15, aprile 2006, pp. 58-70.

BibliografiaModifica

  • Luigi Alpi, Montecchio:mezzo secolo di storia ferroviaria, Reggiostoria n°27, 1985.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti