Festa di compleanno

programma televisivo italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando i festeggiamenti in occasione di un compleanno, vedi Compleanno.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film omonimo di William Friedkin, vedi Festa di compleanno (film).
Festa di compleanno
PaeseItalia
Anno1991-1992
Generevarietà
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreLoretta Goggi, Gigliola Cinquetti
RegiaGianni Brezza
Casa di produzioneTelemontecarlo
Rete televisivaTMC

Festa di compleanno è stato un programma televisivo condotto da Loretta Goggi e successivamente da Gigliola Cinquetti, andato in onda tra il 1991 e il 1992 su Telemontecarlo, dal lunedì al venerdi alle 22:30[1].

Il programmaModifica

Dopo un anno e mezzo di assenza dai teleschermi televisivi, la Goggi ripartì da Telemontecarlo in seconda serata con un programma dal titolo Festa di compleanno, una vera e propria festa in diretta con torta, candeline, brindisi e regali per festeggiare l'ospite di turno.

Ideato da Filiberto Bandini e Gianfranco Clerici, il programma offriva la possibilità a personaggi del mondo della cultura, della politica, dell'arte, dello spettacolo, della scienza e dello sport, di festeggiare il proprio compleanno in televisione, insieme ad amici e parenti, per trarre un bilancio della propria vita, ricordando momenti importanti dell'infanzia - anche con fotografie e filmini - e chiacchierando del passato, del presente e del futuro.

Lo studio era allestito come una lussuosa villa, con tanto di veduta sul mare.

Secondo Clovis Prates, responsabile della programmazione della rete, il programma era la trasmissione di punta, per quanto riguarda la fascia di ascolto della seconda serata, rappresentando una novità nel panorama televisivo italiano in quanto rompeva la consuetudine di collocare alle 22:30, nei palinsesti delle varie reti, appuntamenti settimanali e non programmi in "striscia"[1].

Nel corso delle puntate la Goggi interpretava, accompagnata da Federico Capranica, ospite fisso, i brani tratti dall'album Si faran... canzone, in cui è contenuta anche Storie all'italiana, la sigla del programma.

A partire dal 7 ottobre 1991 Gigliola Cinquetti subentrò alla conduzione, da lei tenuta fino alla chiusura definitiva del programma l'11 marzo 1992.

ControversieModifica

Il due maggio 1991 Marco Pannella, leader del Partito Radicale, avrebbe dovuto partecipare come ospite al programma. Poche ore prima dalla messa in onda, intervistato da alcuni giornalisti, definì "inaccettabile" il commento dell'allora Presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga, che appellò come "miserabile" Eugenio Scalfari, in seguito alle considerazioni di quest'ultimo in un editoriale per il quotidiano la Repubblica in merito alle vicende del tentativo di colpo di stato Piano Solo e sullo scandalo della loggia massonica P2, che vedevano coinvolto il Presidente[2][3]. Pannella dichiarò che avrebbe risposto a Cossiga durante la diretta della trasmissione, ma a poche ore dalla messa in onda fu contattato dalla rete che, per esigenze tecniche gli comunicò che avrebbe realizzato la puntata in differita e dalla quale a suo dire, avrebbe subito una vera e propria censura[4].

Cast tecnicoModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Joseph Baroni, Dizionario della Televisione, Raffaello Cortina Editore, ISBN 88-7078-972-1.
  • Aldo Grasso, Enciclopedia della televisione, le Garzantine , Mondadori
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione