Apri il menu principale

Fiamma imperitura

fantasy
(Reindirizzamento da Fiamma Imperitura)

La fiamma imperitura o fuoco segreto è, nelle opere di J.R.R. Tolkien, l'essenza divina di Eru Ilúvatar, lo spirito divino di cui sono animate le creature della terra di Arda. Tale fiamma possiede, per sua stessa natura, la capacità di conferire esistenza a pensieri e sensazioni.

Ne Il Silmarillion si dice che Melkor bramò per sé la fiamma imperitura perché voleva creare esseri propri su cui comandare. Ma commise due errori: cercò la fiamma nel vuoto esterno, mentre essa è con Ilúvatar; e non capì che la fiamma non dà vita a esseri che sono sotto il dominio del proprio creatore, ma a creature indipendenti, che il creatore può amare e a cui il creatore può dare preziosi insegnamenti. Tutto ciò che è afferente alla cosa creata, inoltre, pur essendo diverso dal creatore, è tuttavia legato a esso. In sintesi, il creatore può essere la guida degli esseri che vengono creati col potere della fiamma, ma non il dominatore; o meglio, il creatore può esercitare il controllo sulle cose create, ma esse sono per loro intima natura indipendenti. Successivamente, infatti, quando Aulë creò i nani, Eru lo ammonì, spiegandogli che se lui non avesse accettato quell'opera e non l'avesse consacrata con la fiamma, i nani non sarebbero rimasti altro che fantocci nelle mani di Aulë, necessitanti della sua volontà per muoversi, e sarebbero stati legati a lui in tutto e per tutto.

Ancora più avanti si ha un'ulteriore prova di questo fatto: le creature di Melkor (orchi, troll e balrog) non furono create da lui, ma sedotte dal male (i balrog) oppure torturate fino all'estremo (orchi e troll derivano in ordine da elfi ed ent), ed è appunto il fatto di essere state, in origine, creature toccate dalla fiamma a permettere loro di avere un'esistenza autonoma pur se corrotti da Melkor.

Un importante riferimento al fuoco segreto si trova ne La compagnia dell'anello, dove Gandalf, rivolgendosi al balrog incontrato nelle grotte di Moria, dice "Sono un servitore del fuoco segreto, e reggo la fiamma di Anor". Essendo Gandalf proveniente da Aman come inviato dei Valar, rappresentanti su Arda di Eru, poteva benissimo definirsi tale, e contrapporsi al fuoco oscuro, fiamma di Udûn ("Udûn" è la parola sindarin per Utumno).

Voci correlateModifica

  Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien