Humphrey Carpenter

scrittore britannico

Humphrey William Bouverie Carpenter (Oxford, 29 aprile 1946Oxford, 4 gennaio 2005) è stato uno scrittore e biografo britannico.

La sua grande produzione letteraria include opere per l'infanzia più le biografie di J. R. R. Tolkien (1977) - del quale curò nel 1981 una scelta dell'epistolario - W. H. Auden (1981), Ezra Pound (1988), Evelyn Waugh (1989), Benjamin Britten (1992), Robert Runcie (1997), e Spike Milligan (2004).

Morì a causa di un infarto, favorito dalla malattia di Parkinson di cui soffriva da molti anni[1].

Opere tradotte in italianoModifica

  • La vita di J. R. R. Tolkien (J. R. R. Tolkien: A Biography, 1977), Milano, Ares, 1991 traduzione di Franca Malago e Paolo Pugni
  • Gli Inklings: Clive S. Lewis, John R. R. Tolkien, Charles Williams & Co. (The Inklings: CS Lewis, JRR Tolkien, Charles Williams and their Friends, 1978), Milano, Jaca Book, 1985 traduzione di Maria Elena Ruggerini ISBN 88-16-51003-X.
  • Gesù (Jesus), Milano, Dall'Oglio, 1980 traduzione di Anna Colombo
  • Mister Magic (Mr Majeika, 1984), Ozzano Emilia, Panini ragazzi, 1993 traduzione di Auretta Atzeni ISBN 88-248-1113-2.
  • Ezra Pound: il grande fabbro della poesia moderna (A Serious Character: The Life of Ezra Pound, 1988), Milano, Rusconi, 1997 traduzione di Cristina De Grandis ISBN 88-18-93002-8.

Premi e riconoscimentiModifica

  • Somerset Maugham Award: 1980 vincitore con Gli Inklings: Clive S. Lewis, John R. R. Tolkien, Charles Williams & Co.[2]
  • E. M. Forster Award: 1984 vincitore con W.H. Auden, a biography[3]
  • Duff Cooper Prize: 1988 vincitore con Ezra Pound: il grande fabbro della poesia moderna[4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Christopher Lehmann-Haupt, Humphrey Carpenter, English Biographer, Dies at 58, su nytimes.com, 19 gennaio 2005. URL consultato il 28 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Albo d'oro, su societyofauthors.org. URL consultato il 28 aprile 2020.
  3. ^ Oxford Dictionary of National Biography 2005-2008, p. 188, p. 188.
  4. ^ (EN) Past Winners, su theduffcooperprize.org. URL consultato il 28 aprile 2020.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41837660 · ISNI (EN0000 0003 7404 9707 · Europeana agent/base/62984 · LCCN (ENn80001545 · GND (DE123681022 · BNF (FRcb11895267k (data) · BNE (ESXX1647224 (data) · NDL (ENJA00435343 · WorldCat Identities (ENlccn-n80001545