Apri il menu principale
Maddalena di Canossa
La chiesa veneziana di Santa Lucia prima della distruzione

I Figli della Carità (in latino Congregatio Filiorum a Caritate) sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione, detti comunemente Canossiani, pospongono al loro nome la sigla F.d.C.C.[1]

Indice

Cenni storiciModifica

Le origini di questa congregazione risalgono all'oratorio maschile istituito da Maddalena di Canossa (1774-1835) presso la "casa di carità" annessa alla chiesa di Santa Lucia a Venezia, accanto al convento delle Figlie della Carità: l'opera, finalizzata all'educazione dei fanciulli poveri, venne affidata dalla Canossa al sacerdote Francesco Luzzo, divenuto poi frate carmelitano scalzo.[2]

Alla morte della fondatrice la congregazione maschile, diversamente dal ramo femminile, era scarsamente organizzata e aveva avuto uno sviluppo assai limitato; sopravvisse soprattutto grazie al sostegno dei patriarchi di Venezia.[2]

Nel 1844 la chiesa di Santa Lucia venne abbattuta per far posto alla nuova stazione ferroviaria e la comunità dei sacerdoti si separò dalle suore per trasferirsi presso l'ex convento francescano di San Giobbe. I canossiani presero l'abito religioso il 29 aprile 1860 per volere del patriarca Angelo Ramazzotti e nel 1897 ebbero la loro prima regola a opera del patriarca Giuseppe Melchiorre Sarto.[2]

La congregazione conobbe un notevole sviluppo tra il 1923 e il 1927, quando vennero aperte le prime filiali. I canossiani ricevettero il pontificio decreto di lode nel 1949 e l'approvazione definitiva dalla Santa Sede il 19 gennaio 1960.[3]

Attività e diffusioneModifica

I canossiani si dedicano alla catechesi, all'educazione e all'istruzione della gioventù in scuole, oratori, collegi, orfanotrofi e istituti professionali; sono attivi anche in campo missionario.[1]

Oltre che in Italia, i canossiani sono presenti in Brasile, Filippine, Kenya, India e Tanzania;[4] il moderatore supremo, che porta il titolo di preposito generale, risiede a Verona.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 35 case con 153 religiosi, 114 dei quali presbiteri.[1]

L'attuale Superiore è Padre Carlo Bittante, eletto il 28 aprile 2018.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Ann. Pont. 2010, p. 1458.
  2. ^ a b c D.M. Montagna, DIP, vol. III (1976), col. 1493.
  3. ^ D.M. Montagna, DIP, vol. III (1976), col. 1494.
  4. ^ Figli della Carità. Le nostre comunità, su canossiani.org. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2010).

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo