Apri il menu principale

Filippo Galli (Monticiano, ... – Siena, 1503) è stato un poeta italiano.

BiografiaModifica

Cresciuto nell'ambiente poetico bucolico senese, con lo pseudonimo di Filenio Gallo si fece conoscere a Napoli per le sue egloghe pastorali A Saphyra che successivamente ispirarono l'Arcadia di Jacopo Sannazaro.

Nel 1486 si spostò a Padova dove studio' teologia e prese l'abito agostiniano e passo' poi a Venezia dove comincio' un sodalizio artistico con il poeta veneziano Giovanni Badoer e il montevarchino Francesco Pitti.

Al periodo veneziano risalgono anche due canzonieri di, rispettivamente, 129 e 265 componimenti, indirizzati a due donne veneziane chiamate con gli pseudonimi di Lilia e Safira; sempre a Venezia scrisse un poemetto dedicato a Caterina Cornaro e varie altre poesie.

Ritorno' a Siena nel 1500 dove fu ammesso nell'Accademia Senese degli Intronati e frequentò il circolo letterario detto Congrega dei Rozzi.

La prima versione a stampa delle sue opere uscì postuma a Siena nel 1524.

BibliografiaModifica

  • M. A. Grignani, Badoer, Filenio, Pizio: un trio bucolico a Venezia in Studi di filologia e letteratura offerti a C. Dionisotti, Milano-Napoli, Ricciardi, 1973
  • Eugenio Billanovich, Italia medioevale e umanistica, Antenore, 1974
  • Maria Corti, Nuovi metodi e fantasmi, Feltrinelli, 2001
  • Antonio Gargano, Con accordato canto, Liguori, 2005
  • Giovanni Da Pozzo, Storia letteraria d'Italia. Il Cinquecento, Vallardi, 2006
Controllo di autoritàVIAF (EN204465240