Apri il menu principale
Forte di Boara
Forti Austriaci
Rappresentazione del forte di Boara Polesine.tif
Rappresentazione del forte di Boara Polesine
Ubicazione
StatoFlag of the Habsburg Monarchy.svg Impero austriaco
Stato attualeItalia Italia
CittàRovigo
Coordinate45°05′41.7″N 11°47′07.7″E / 45.094917°N 11.785472°E45.094917; 11.785472Coordinate: 45°05′41.7″N 11°47′07.7″E / 45.094917°N 11.785472°E45.094917; 11.785472
Mappa di localizzazione: Italia
Forti austriaci nel Polesine
Informazioni generali
TipoTurmfort
MaterialeCemento armato
Demolizione9 luglio 1866
Condizione attualeNessuna traccia visibile
Informazioni militari
ArmamentoCannoni
Azioni di guerraNessuna
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Forte di Sarzano
Rappresentazione del forte di Boara Polesine.tif
Ubicazione
Coordinate45°04′28.7″N 11°49′17.5″E / 45.074639°N 11.821528°E45.074639; 11.821528
Informazioni generali
TipoTurmfort
MaterialeCemento armato
Demolizione9 luglio 1866
Condizione attualeNessuna traccia visibile
Informazioni militari
ArmamentoCannoni
Azioni di guerraNessuna
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Forte di Borsea
Rappresentazione del forte di Boara Polesine.tif
Ubicazione
Coordinate45°03′06.3″N 11°47′13.7″E / 45.05175°N 11.787139°E45.05175; 11.787139
Informazioni generali
TipoTurmfort
MaterialeCemento armato
Demolizione9 luglio 1866
Condizione attualeNessuna traccia visibile
Informazioni militari
ArmamentoCannoni
Azioni di guerraNessuna
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Forte di Roverdicrè
Rappresentazione del forte di Boara Polesine.tif
Ubicazione
Coordinate45°04′15.7″N 11°46′07.9″E / 45.071028°N 11.768861°E45.071028; 11.768861
Informazioni generali
TipoTurmfort
MaterialeCemento armato
Demolizione9 luglio 1866
Condizione attualeNessuna traccia visibile
Informazioni militari
ArmamentoCannoni
Azioni di guerraNessuna
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La rete difensiva del Polesine nel periodo della dominazione austriaca era composta da 4 fortificazioni situate rispettivamente nelle località di Boara Polesine, Sarzano, Roverdicrè e Borsea.[1] Esse facevano parte di una struttura più ampia composta da lunette e cinta difensive che a loro volta rientravano in un più ampio piano difensivo per il Veneto.

Ad oggi non vi restano più tracce visibili a causa della demolizione nel 1866 e della successiva costruzione di edifici.

StoriaModifica

Dopo la seconda guerra d'indipendenza, nel 1859, a seguito della cessione della Lombardia all'Italia, il Comando Supremo Imperiale Austriaco decise di costruire una rete di fortificazioni per la difesa del Veneto dal neo-nascente stato Italiano. A motivo di ciò tra il 1859 e il 1862 in Polesine vennero costruiti quattro forti nelle posizioni strategiche di Boara Polesine, Sarzano, Roverdicrè e Borsea assieme a 20 batterie dì artiglieria tra cui quattro “lunette”.

Questi formavano un quadrilatero attorno alla città di Rovigo . Questa tipologia di strutture la si può ritrovare in altre città tra Lombardia e Veneto quali Legnago, Mantova, Verona e Peschiera.

Nel pieno della terza guerra d'indipendenza nel 1866 le truppe presenti a Rovigo si spostarono verso Stanghella ed il 9 luglio dello stesso anno, le strutture difensive vennero fatte demolire alle ore 23:00 per ordine dell'impero Austro Ungarico.

Vennero usate ingenti quantità di esplosivo e le testimonianze dell'epoca riportano che l'esplosione si sia udita fino alle città di Ferrara, Adria e Monselice.

I fortiModifica

I quattro forti appartenevano alla categoria dei “Turmfort“ (letteralmente ”forte a torre”) in quanto presentavano una struttura piramidale a base circolare che si innalzava su tre piani.

Ogni forte era circondato da un fossato che ne delimitava il perimetro.

ArmamentiModifica

Secondo le memorie del tenente colonnello in comando Salis Soglio ogni forte era armato con 49 cannoni di ferro da 12 libbre a retrocarica, 24 cannoni di ferro per granata da 7 libbre, 4 pezzi d'artiglieria per razzi da 6 libbre per un totale di 77 pezzi d'artiglieria. I forti di Borsea e Roverdicrè erano inoltre equipaggiati con altri tre pezzi d'artiglieria per un totale di 80.

A differenza di ciò che afferma Salis Soglio, Biscaccia afferma che il numero di cannoni era nettamente inferiore; infatti riporta un totale di soli 48 cannoni per forte.

Impiego operativoModifica

I forti di Borsea, Roverdicrè e Sarzano, salvo che per il collaudo avvenuto il 1º luglio 1863, non vennero mai utilizzati in combattimenti.

Il forte di Boara invece, venne utilizzato il 3 febbraio 1866 in una simulazione che risultò fallimentare a seguito di problemi strutturali che, a causa del terreno sabbioso e il peso eccessivo dei materiali impiegati, fecero sprofondare il forte.

CostiModifica

Per la costruzione delle quattro fortificazione furono spesi:

  • forte di Sarzano: 230,000 fiorini;
  • forte di Borsea: 200,000 fiorini;
  • forte di Roverdicrè: 198,000 fiorini;
  • forte di Boara: 440,000 fiorini.

NoteModifica

  1. ^ Biscaccia (1865), p. 240.

BibliografiaModifica

Galleria d'immaginiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto