Apri il menu principale

Boara Polesine

frazione del comune italiano di Rovigo
Boara Polesine
frazione
Boara Polesine – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Rovigo-Stemma.png Rovigo
ComuneRovigo-Stemma.png Rovigo
Territorio
Coordinate45°06′21.88″N 11°47′42.65″E / 45.106078°N 11.795181°E45.106078; 11.795181 (Boara Polesine)Coordinate: 45°06′21.88″N 11°47′42.65″E / 45.106078°N 11.795181°E45.106078; 11.795181 (Boara Polesine)
Altitudinem s.l.m.
Superficie8,12 km²
Abitanti2 616[1] (2007)
Densità322,17 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale45100
Prefisso0425
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiboaresi, boarati in dialetto veneto
PatronoSan Zenone Vescovo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Boara Polesine
Boara Polesine

Boara Polesine è una frazione del comune di Rovigo. Già comune autonomo, assieme alla confinante frazione Granzette, sorge sulla riva destra dell'Adige, che la divide dall'abitato di Boara Pisani, in provincia di Padova, collegandola tramite un ponte sulla Strada statale 16 Adriatica.

StoriaModifica

 
Il ponte stradale della Strada statale 16 Adriatica che supera l'Adige.

Boara Polesine è una delle comunità più antiche del Polesine di Rovigo. Le prime notizie documentali risalgono al XII secolo e ci danno notizia di un insediamento abitato di esigue dimensioni, composto da costruzioni in legno e canna realizzate attorno al corso del fiume Adige. Da sempre ha incuriosito il significato del nome pel paese, Boara, il cui significato si spiega facendo ricorso al sostantivo longobardo bouga che significa anello, curva, ansa. Tale espressione era usata in longobardo anche per indicare le tortuosità dei fiumi. Se si considera che in questa zona la conformazione primitiva del corso del fiume Adige era caratterizzata da molteplici anse e tortuosità (progressivamente rettificate a partire dal XVII secolo per evitare disastrose rotte), si comprende che il significato del toponimo di Boara è Curva del Fiume. Comunità unitaria che si sviluppava attorno ad entrambe le sponde dell'Adige, si riconosceva nella chiesa di san Zenone vescovo, sotto la giurisdizione della diocesi di Adria, senza distinzione fra Polesine e Pisani. Solo a seguito della creazione nel 1563 da parte dei Pisani di una nuova parrocchia nelle loro possessioni in sinistra Adige si può parlare di Boara nel Polesine, per distinguerla dalla parte sinistra Adige. Attività tipica era la pesca, la saltura del pesce e, più tardi, l'attività della macinazione dei cereali grazie alla presenza di numerosi mulini fluviali, come pure quella del trasporto di merci sul fiume esercitata di barcari. A partire dal XVII secolo si intensifica anche l'agricoltura. Durante la seconda guerra mondiale (1940-1945) a motivo della presenza dei ponti sull'Adige, Boara Polesine fu oggetto di oltre centoquaranta bombardamenti aerei, che distrussero il ponte ferroviario (17 agosto 1944), il ponte sulla Statale 16 (20 aprile 1945), ma anche molte abitazioni civili, la parrocchiale, il comune ottocentesco e l'intera piazza del paese, facendo quattordici vittime civili. Boara Polesine fu comune autonomo assieme alla frazione Granzette (il codice ISTAT era 029802) sino al 1927, anno in cui venne soppresso e inglobato nel comune di Rovigo assieme a Borsea, Buso Sarzano, Concadirame, Grignano di Polesine e Sant'Apollinare con Selva.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Rappresentazione del forte di Boara Polesine.

A Boara Polesine esisteva uno dei quattro forti austriaci costruiti dopo la seconda guerra d'indipendenza e distrutti durante la terza.
Ad oggi non v'è più traccia se non una rappresentazione su carta.

Architetture religioseModifica

 
La chiesa parrocchiale di San Zenone Vescovo.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

 

NoteModifica

  1. ^ Carla Cibola, Luca Chioetto, Pierluigi Venturini, Dario Bozzo, Rovigo ed i suoi numeri. Anno 2007 (PDF), Comune di Rovigo, 2007. URL consultato il 27 ottobre 2010.
  2. ^ La Storia della Nostra Comunità, su Parrocchia di San Zenone Boara Polesine - Rovigo. URL consultato il 15 gennaio 2015.

BibliografiaModifica

  • Mauro Agnoletto, Boara Polesine tra storia, cronaca, cultura e fede..., Stanghella 2005.

Altri progettiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto