Freestyle (genere musicale)

Freestyle
Origini stilistiche Electro-funk, musica latinoamericana, musica house, bubblegum pop
Origini culturali anni ottanta, East coast degli Stati Uniti
Strumenti tipici sintetizzatore, drum machine, voce
Popolarità Popolare a cavallo fra gli anni ottanta e novanta nelle città della East coast.
Generi derivati
Funk carioca
Generi correlati
Miami bass
Categorie correlate

Gruppi musicali freestyle · Musicisti freestyle · Album freestyle · EP freestyle · Singoli freestyle · Album video freestyle

Per freestyle, anche noto come latin hip hop, latin rap e latin freestyle, si intende un genere di musica dance diffuso in diverse città della East Coast statunitense lungo la fine degli anni ottanta.[1][2] Godette di vasta notorietà fra gli immigrati, perlopiù latinoamericani e italiani, siti in grandi città come New York.[1]

CaratteristicheModifica

Ispirato a Planet Rock (1982) di Afrika Bambaataa[1] e alla musica latinoamericana,[3][4] il freestyle discende dall'electro del periodo. Tuttavia, a differenza di quest'ultima, è più vicino all'electropop, presenta linee di sintetizzatore più marcate, ritmi più veloci e contaminazioni house.[1] Le liriche si concentrano su tematiche d'amore colme di romanticismo adolescenziale. Alcuni lo hanno definito "bubble-salsa di synth pesanti di Lisa Lisa e i suoi discendenti capelloni" e "ballate bubblegum accompagnate da una drum machine". Gli artisti freestyle sono perlopiù latinoamericani e includono George Lamond, Coro, Judy Torres, Noel Pagan, Joey Kidd, La India, Marc Anthony, Jocelyn Enriquez, Cover Girls, Exposé, TKA, Latin Rascals, Sa-Fire e Brenda K. Starr.[1][3][4]

SottogeneriModifica

Brazilian freestyleModifica

Funk melody
Origini stilistiche freestyle, miami bass, dance-pop
Origini culturali anni 1990, Brasile
Strumenti tipici drum machine, giradischi, campionatore, sintetizzatore
Popolarità
Generi derivati
Funk melody
Categorie correlate

Gruppi musicali freestyle · Musicisti freestyle · Album freestyle · EP freestyle · Singoli freestyle · Album video freestyle

Il programma radiofonico di DJ Marlboro "Big Mix", trasmesso dagli anni '80, ha reso popolare una versione fluida del funk underground a Rio. Queste versioni soft formavano un sottogenere romantico in Brasile, aggiungendo melodie e arrangiamenti alle melodie del funk battuto e grezzo.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Autori vari, Positively No Filipinos Allowed: Building Communities and Discourse, Temple University, 2006, p. 175.
  2. ^ (EN) Ilan Stavans, Latin Music: Musicians, Genres, and Themes [2 volumes], ABC-Clio, 2014, p. 27.
  3. ^ a b (EN) Jon Pare, No Song to Sing: How I got screwed out of $400,000 in the music industry, Xlibris, 2009, p. 14.
  4. ^ a b (EN) Deborah Pacini Hernandez, Oye Como Va!: Hybridity and Identity in Latino Popular Music, Temple University, 2010, p. 148.
  5. ^ (EN) Chris McGowan, Ricardo Pessanha, The Brazilian Sound: Samba, Bossa Nova, and the Popular Music of Brazil, Temple University, 2009, p. 226.

BibliografiaModifica

  • (EN) R. Rivera, New York Ricans from the Hip Hop Zone, Springer, 2003, capitolo dedicato al freestyle.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica