Apri il menu principale

Game Informer

rivista di videogiochi statunitense
Game Informer
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
LinguaInglese
PeriodicitàMensile
GenereStampa nazionale
FormatoRivista
Fondazione1991
SedeMinneapolis
EditoreGameStop
DirettoreAndy McNamara
ISSN1067-6392 (WC · ACNP)
Distribuzione
cartacea
Edizione cartaceasingola copia/
abbonamento
multimediale
Edizione digitalesingolo numero/
abbonamento
Sito webwww.gameinformer.com
 

Game Informer (GI) è una rivista di videogiochi statunitense fondata nell'agosto 1991, anno in cui la FuncoLand iniziò la pubblicazione di una rivista di sei pagine gratuita.[1] Attualmente, conta circa tre milioni di abbonati, il che la rende la rivista di videogiochi più diffusa al mondo,[2] e al 2009, la dodicesima rivista generica più diffusa.[3] Game Informer è classificata fra le prime quattro riviste maggiormente lette dagli uomini fra i diciotto ed i trentaquattro anni.[2]

La rivista è di proprietà della GameStop Corp., l'azienda che possiede anche l'omonima catena di negozi diffusi in tutto il mondo, che ha rilevato la Funcoland nel 2000. A causa di ciò, la rivista è stata ampiamente pubblicizzata nei negozi del gruppo, cosa che ha notevolmente contribuito all'aumentare degli abbonamenti,[4] che spesso erano collegati ad alcune promozioni dei punti di vendita GameStop.

Nel novembre 2009 Game Informer è stata oggetto di un completo restyling,[5] poco prima dell'uscita del duecentesimo numero, pubblicato a dicembre del 2009. In occasione dell'ultimo numero, The Legend of Zelda è stato nominato il miglior videogioco di tutti i tempi. Gli altri giochi della Top 10 sono Super Mario Bros., Tetris, Grand Theft Auto III, Half-Life 2, Doom, Metroid, Final Fantasy VI, Super Mario Bros. 3 e Ms. Pac-Man.[6]

NoteModifica

  1. ^ (EN) 10 Years of Game Informer, in Game Informer, agosto 2001, p. 42.
    «In August of 1991, Funcoland began publishing a six-page circular to be handed out free in all of its retail locations».
  2. ^ a b (EN) Game Informer Announces Rate Base Increase to 2.3 Million, su Business Wire, 9 aprile 2007. URL consultato il 24 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2012).
  3. ^ (EN) Alexander Sliwinski, Game Informer is one of the top 15 magazines by subscriptions, su Joystiq, 1º aprile 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  4. ^ (EN) Jose Antonio Vargas, A Magazine Whose Lineup Is Always in Play, in The Washington Post, 18 aprile 2005. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) The Beatles Rockband, in Game Informer, nº 197.
  6. ^ (EN) Top 200 Games of All Time, su Nintendo Everything. URL consultato il 25 settembre 2014.

Collegamenti esterniModifica