Gian Niccolò Trivulzio

condottiero italiano
Gian Niccolò Trivulzio
Portrait of Catellano Trivulzio by Bernardino dei Conti.jpg
Gian Niccolò Trivulzio ritratto da Bernardino de' Conti nel 1505. Oggi questo dipinto è situato nel Brooklyn Museum
Conte di Musocco
Stemma
In carica 1495 –
1512
Predecessore Titolo creato
Successore Gian Francesco
Trattamento Sua Eccellenza
Don
Altri titoli Gran Cacciatore e Falconiere del Ducato di Milano
Signore di San Giovanni in Croce
Nascita Milano, Ducato di Milano (oggi Italia), 1479
Morte Torino, Ducato di Savoia (oggi Italia), 1512
Dinastia Trivulzio
Padre Gian Giacomo Trivulzio
Madre Margherita Colleoni
Consorte Paola Gonzaga
Figli Ippolita
Luigi
Margherita
Gian Francesco
Bianca
Giulia
Religione Cattolicesimo
Gian Niccolò Trivulzio
NascitaMilano, 1479
MorteTorino, 1512
Dati militari
Paese servitoRoyal Standard of the King of France.svg Francia
Forza armataCondottiero
Unitàcavalleria
Anni di servizio1495-1512
Gradocapitano
BattaglieBattaglia di Fornovo
Battaglia di Agnadello
Comandante di100 lance
voci di militari presenti su Wikipedia

Gian Niccolò Trivulzio, conte di Musocco (Milano, 1479Torino, 1512), è stato un nobile e condottiero italiano, era figlio del famoso comandante Gian Giacomo Trivulzio, marchese di Vigevano.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Ritratto equestre di Gian Giacomo Trivulzio di Raymond Monvoisin, 1834. Oggi questo dipinto è conservato nella Reggia di Versailles

Era figlio del condottiero Gian Giacomo Trivulzio e di Margherita Colleoni.

MatrimonioModifica

Giovan Niccolò sposò nel 1501 Paola Gonzaga, figlia di Rodolfo Gonzaga ed ebbero sei figli.

Carriera militareModifica

 
Fornovo di Taro, lapide a ricordo della battaglia del 1495

Apprese dal padre l'arte delle armi e lo seguì nel Regno di Napoli. Passò al servizio di Carlo VIII e combatté sedicenne nella Battaglia di Fornovo del 1495 venendo nominato sul campo cavaliere. Negli scontri con Carlo VIII perse la vita il futuro suocero di Gian Niccolò, Rodolfo Gonzaga, signore di Castiglione, Castel Goffredo e Solferino.

Nel 1499 fu a fianco del padre contro gli Sforza, quando prese Milano. Nel 1501 ricevette il feudo di Castelnuovo di Tortona. Nel 1509 partecipò alla battaglia di Agnadello contro i veneziani e ricevette il feudo di San Giovanni in Croce nel cremonese.

MorteModifica

Morì a Torino nel 1512 all'età di trentatré anni.

DiscendenzaModifica

Giovan Niccolò e Paola Gonzaga ebbero sei figli:[1]

  • Ippolita, morta giovane
  • Luigi, morto giovane
  • Margherita, morta giovane
  • Gian Francesco (?-1573), condottiero al servizio del Ducato di Milano
  • Bianca
  • Giulia, sposò il marchese Gerolamo Talenti

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine di San Michele

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Trivulzio di Milano, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Collegamenti esterniModifica