Apri il menu principale

Giancarlo Snidaro

allenatore di calcio e calciatore italiano
Giancarlo Snidaro
Snidaro Giancarlo.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex mediano)
Ritirato 1989 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1972-1973 Alessandria 1 (0)
1973-1974 Anconitana 23 (6)
1974-1975 Alessandria 3 (1)
1975-1976 Civitavecchia 34 (17)
1976-1981 Reggina 152 (16)
1981-1984 Atalanta 93 (4)
1984-1988 Piacenza 103 (8)
1988-1989 Trevigliese 27 (8)
Carriera da allenatore
2011LoretoJuniores regionale
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giancarlo Snidaro (Pradamano, 21 settembre 1954) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Inizia la carriera nell'Alessandria, con cui esordisce nel campionato di Serie C 1972-1973. Dopo una stagione in Serie D nell'Anconitana, ritorna ad Alessandria debuttando in Serie B nella stagione 1974-1975, durante la quale disputa 3 gare di campionato. Esordisce nella serie cadetta il 22 dicembre 1974, nella vittoria interna sul Brindisi.

Nel campionato 1975-1976 scende di nuovo in Serie D con la maglia del Civitavecchia, dove viene impiegato in appoggio alle punte[1] realizzando 17 reti e contribuendo al secondo posto della formazione laziale. Fa ritorno in Serie C con la maglia della Reggina, con cui disputa cinque campionati consecutivi di terza serie nel suo ruolo di mediano, sfiorando la promozione in Serie B[1].

Nell'estate 1981 si trasferisce all'Atalanta[1], società appena retrocessa per la prima volta nella sua storia in Serie C1. In nerazzurro contribuisce alla promozione in Serie B ed è titolare anche nella stagione 1982-1983, schierato al fianco del regista Andrea Agostinelli come centrocampista di copertura[1]. Nel campionato 1983-1984 l'Atalanta ritorna in Serie A e Snidaro contribuisce con 12 presenze, retrocesso a riserva dopo l'acquisto di Carmine Gentile e lo spostamento di Eugenio Perico a centrocampo[1].

Dopo l'esperienza bergamasca si trasferisce al Piacenza, di nuovo in Serie C1[2]. In Emilia disputa quattro stagioni, conquistando la promozione nella serie cadetta nel 1987 e la Coppa Anglo-Italiana 1986, nella quale realizza una doppietta nella finale contro il Pontedera di Marcello Lippi[3]. Dopo la salvezza nel campionato di Serie B 1987-1988 passa fra i dilettanti della Trevigliese[1], con cui conclude la carriera.

In totale, ha disputato 76 partite in Serie B.

AllenatoreModifica

Nel 2011 ha allenato la juniores regionale della squadra parrocchiale Loreto, di Bergamo.[4]

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Giancarlo Snidaro, l'antieroe degli anni bui tuttoatalanta.com
  2. ^ Rosa 1984-1985 storiapiacenza1919.it
  3. ^ Coppa Anglo-Italiana 1986 storiapiacenza1919.it
  4. ^ Anno sociale 2011[collegamento interrotto] Parrocchiadiloreto.it

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica