Apri il menu principale

Gian Mario Filelfo o Giovanni Mario Filelfo (Pera, 1426Mantova, 1480) è stato un umanista italiano.

BiografiaModifica

Nacque dal più noto umanista Francesco e da Teodora Crisolora (figlia di un famoso umanista bizantino e della genovese Manfredina Doria) nel quartiere genovese di Costantinopoli, dove il padre risedette per sette anni. Fra il 1427 e il 1440 visse a Venezia, Bologna, Firenze e Siena, dove il padre ebbe incarichi di insegnamento universitario. Seguì poi il padre alla corte dei Visconti, ma verso i vent'anni si recò alla corte dei Del Carretto, Signori di Finale e alleati dei Visconti. Proprio allora, però, morì Filippo Maria Visconti e a Genova prese il sopravvento il partito dei Campofregoso (o Fregoso). Il nuovo doge, Giano Fregoso, decise di sottomettere i Del Carretto dando origine a una guerra (1447-1451), a cui Gian Mario poté assistere e di cui scrisse nella sua opera più famosa, il Bellum Finariense (1453). Durante l'occupazione genovese di Finale, Gian Mario si stabilì a Savona, dove insegnò e ricevette la cittadinanza onoraria. In quel periodo sposò Maria Del Carretto, del ramo di Millesimo. Si appoggiò, quindi, a Renato d'Angiò, di cui divenne segretario e che gli procurò una magistratura a Marsiglia. Viaggiò lungamente per l'Italia e la Francia. Fu consigliere e cavaliere del duca Ludovico di Savoia. Come ambasciatore dei Savoia si recò presso il re di Francia Carlo VII. Il duca d'Urbino invece lo inviò presso il marchese di Mantova. Fu anche invitato al servizio del pontefice Pio II con l'incarico di avvocato concistoriale, ma rifiutò l'ufficio. Il Filelfo terminò i suoi giorni a Mantova alla corte di Federico I Gonzaga.

OpereModifica

 
Ludovico Antonio Muratori

I suoi scritti sono numerosi e tutti in latino. Furono scoperti molti anni dopo la sua scomparsa. Oltre alla storia, coltivò la poesia e fu coronato poeta "laureato". L'opera di maggior impegno è il Bellum Finariense (1453), che rimase manoscritto per tre secoli, sino a quando Ludovico Antonio Muratori volle inserirlo nell'ultimo volume dei Rerum Italicarum Scriptores. Egli, però, dovette cedere alle pressioni politiche genovesi, sostituire nel volume l'opera del Filelfo, già pronta per la stampa dal 1733, con testi oscuri e malridotti e dichiarare di averne distrutto i tipi[1]. Fortunatamente lo stampatore, di sua iniziativa o su ordine del Muratori stesso, tirò nascostamente alcune copie, che probabilmente furono messe in circolazione solo durante la partecipazione genovese alla guerra di successione austriaca (1745-1748), se non dopo la morte del Muratori (1750). Le pagine più significative furono tradotte in italiano e pubblicate solo nel 1979 da Giovanni Battista Cavasola.

NoteModifica

  1. ^ Il 2 gennaio 1734 Ludovico Muratori scrisse: «Intanto è sbucata dall'inferno la discordia per dare tracollo anche alle lettere. Et io oltre al non sapere se si terminerà la mia raccolta "Rerum Italicarum", la quale era presso al fine...». In effetti l'ultimo volume uscì solo cinque anni dopo, completamente rifatto, dopo che il Muratori aveva atteso sino al 1735, sperando di salvare l'opera del Filelfo.

BibliografiaModifica

  • Lavinio Agostinelli e Giovanni Benadduci, Biografia e bibliografia di Giovan Mario Filelfo, Tolentino, Stab. Tip. Francesco Filelfo, 1899. Copia digitalizzata, eBook di SLUB (eBooks on Demand).
  • Filelfo Francesco e i suoi figli Gianmario e Senofonte, in Enciclopedia Italiana Treccani, Vol. XV, p. 281.
  • Franco Pignatti, FILELFO, Giovanni Mario in Dizionario Biografico degli Italiani.
  • Gian Mario Filelfo, La guerra del Finale (traduzione, riassunti e note di Gian Battista Cavasola), seconda edizione, Ed. Centro Storico del Finale, Finale Ligure 1995. (La seconda edizione comprende anche tutti e due gli studi sulla ritardata pubblicazione muratoriana, pubblicati separatamente dal curatore e traduttore).
  • Filelfo, Giovanni Mario. Orazione epitalamica di Giovan Mario Filelfo; edita per la prima volta secondo il codice chigiano 1. 7. 241 da Giovanni Benadduci. Tolentino. Stab. Tip. Francesco Filelfo, 1893.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Filèlfo, Gian Mario la voce in Enciclopedie on line, sito "Treccani.it L'Enciclopedia italiana". URL visitato il 6 maggio 2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN9926370 · ISNI (EN0000 0000 8339 2011 · SBN IT\ICCU\RAVV\076394 · LCCN (ENn79059946 · BNF (FRcb12363571t (data) · WorldCat Identities (ENn79-059946
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie