Apri il menu principale
Giardino alpino Chanousia
Chanousia.jpg
Il giardino botanico alpino Chanousia
Ubicazione
StatoFrancia Francia
LocalitàSéez
IndirizzoColle del Piccolo San Bernardo, D1090
Caratteristiche
Superficie8.000 m²
Inaugurazione1897
GestoreAssociazione "Jardin historique du Col du Petit St. Bernard - La Chanousia"
Aperturaprimi di luglio-terza domenica di settembre 9:00-18:00
Realizzazione
CostruttorePierre Chanoux
ProprietarioComune di La Thuile (AO)
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°40′49″N 6°53′02″E / 45.680278°N 6.883889°E45.680278; 6.883889

Il giardino alpino Chanousia (in francese Jardin botanique alpin Chanousia) è un giardino alpino nel dipartimento francese della Savoia, situato a 2170 m di altitudine presso il colle del Piccolo San Bernardo, al confine con l'Italia. È aperto al pubblico da luglio a settembre.

Indice

StoriaModifica

Dal 1860 al 1909 l'ospizio del Piccolo San Bernardo, allora in territorio italiano, fu diretto dall'abate Pierre Chanoux. Quest'ultimo, appassionato di botanica, a partire dal 1880 realizzò davanti all'ospizio un piccolo giardino alpino, la cui nascita «venne formalizzata nel 1893 con una delibera del comune di La Thuile[1]. Il giardino fu chiamato Chanousia in onore del suo fondatore.

Successivamente diretto, tra gli altri, da Lino Vaccari e Marco De Marchi, arrivò a ospitare oltre 4000 specie di piante alpine. Si può considerare uno dei primi giardini a ospitare centinaia di specie, locali e non[2].

Devastato dai combattimenti della seconda guerra mondiale, al termine della quale il trattato di Parigi lo assegnò alla Francia, rimase in abbandono fino al 1978, quando riaprì per iniziativa della Societé de la flore valdôtaine e del suo direttore Efisio Noussan.

Malgrado si trovi in territorio francese, è di proprietà del comune di La Thuile e dell'Ordine Mauriziano[3].

Gli ambientiModifica

 
Vista dall'alto del giardino botanico

Il giardino Chanousia è suddiviso in ambienti tematici:

Il semenzaio e le roccere sono in corso di ristrutturazione.

NoteModifica

  1. ^ Giovanna Dal Vesco, "La Chanousia", in Francesco Maria Raimondo (a cura di), Orti botanici, giardini alpini, arboreti italiani, Palermo, Ed. Grifo, 1992, p. 381.
  2. ^ I giardini alpini della Valdigne
  3. ^ Storia del giardino alpino Chanousia.
  4. ^ Cos'è un macereto, sul sito del Giardino alpino Saussurea.

BibliografiaModifica

  • Giovanna Dal Vesco, "La Chanousia", in Francesco Maria Raimondo (a cura di), Orti botanici, giardini alpini, arboreti italiani, Palermo, Ed. Grifo, 1992.
  • Carla Lombardi, La vita delle piante alpine studiata alla "Chanousia", Roma, Soc. tip. Luzzatti, 1928
  • Bernard Janin, Chanousia, Aosta, Musumeci, 1978
  • Chanousia : annuario, a cura del Giardino botanico alpino dell'ordine mauriziano al piccolo San Bernardo, Roma, Soc. tip. Luzzatti, 1928-1940
  • Lino Vaccari, Le celebrazioni per il quarantennio della Chanousia, Torino, Checchini, 1940
  • Lino Vaccari, L. Pavarino, Catalogo delle piante spontanee e coltivate nell'anno 1897 nella Chanousia al piccolo S. Bernardo, alt. 2200, Aosta, Edoardo Duc, 1897
  • Barbara Barisani, Vanna Dal Vesco, Chanousia: giardino botanico alpino, 2170 m, s. l., Neos, 1998

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica