Apri il menu principale

Gilberto Forti

giornalista, scrittore e traduttore italiano

BiografiaModifica

Nel 1945 iniziò a lavorare per la Associated Press; mantenne l'incarico fino al 1956.[1] In seguito, lavorò per 25 anni per il gruppo Rusconi; negli anni 1980 pubblicò due sue raccolte di poesie narrative in versi endecasillabi per Adelphi, casa editrice per cui fu anche traduttore dall'inglese e dal tedesco. Iniziò la carriera di traduttore con Longanesi, e lavorò anche per Arnoldo Mondadori Editore. Per la traduzione di La verità, vi prego, sull'amore di Auden vinse il XV Premio Monselice per la traduzione letteraria (1995).

OpereModifica

CurateleModifica

Raccolte poeticheModifica

  • Piccolo almanacco di Radetzky, Milano, Adelphi, 1983
  • A Sarajevo il 28 giugno, Milano, Adelphi, 1984

TraduzioniModifica

NoteModifica

  1. ^ È morto Gilberto Forti traduttore e scrittore, in Corriere della Sera, 17 novembre 1999, p. 35 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71517246 · ISNI (EN0000 0000 6308 066X · LCCN (ENn85065629 · BNF (FRcb12754244t (data) · WorldCat Identities (ENn85-065629