Apri il menu principale

Giovanni Battista Tommasi

principe e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta
Giovanni Battista Tommasi
SMOM 73. GM Giovanni Battista Tommasi.jpg
Sua Altezza Eminentissima il Gran maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta
Conte, Patrizio Cortonese
In carica 9 febbraio 1803 - 13 giugno 1805
Predecessore Nikolay Saltykov (luogotenente de facto)
Successore Innico Maria Guevara-Suardo (luogotenente generale)
Conte
Nome completo Giovanni Battista Tommasi
Trattamento S.A.R.
Nascita Cortona, Granducato di Toscana, 6 ottobre 1731
Morte Catania, Regno di Napoli, 13 giugno 1805 (73 anni)
Padre Annibale Tommasi
Madre Maria Mancini

Fra' Giovanni Battista Tommasi (Cortona, 6 ottobre 1731Catania, 13 giugno 1805) fu principe e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta.

BiografiaModifica

Nato a Cortona[1], fu figlio cadetto di una delle più importanti famiglie cortonesi che fin dal XV secolo aveva donato all'ordine dodici cavalieri. Visse in patria fino al 1745 anno nel quale si recò a Malta per essere ricevuto nell'Ordine Gerosomilitano in qualità di Paggio del Gran Maestro Pinto de Fonseca, sotto la protezione degli zii paterni e materni. Nell'archivio di casa Tommasi si conservano quarantanove suoi Giornali di bordo, a partire dalla prima Caravana del 1749 per arrivare alla Campagna del 1784 nella quale comandò la Squadra delle navi maltesi al bombardamento di Algeri, come Luogo Tenente Generale delle Armi in mare del Gran Maestro, massima carica militare dell'ordine.

Dopo cinque campagne compiute come Caravanista, prima sopranumerario poi fisso, divenne Insegna, poi Tenente, quindi Ufficiale in seconda e nel 1760 Campitano assumendo il comando di uno Sciabecco, nave non molto grande ma veloce e ben armata che imbarcava 250 uomini ed adatta al pattugliamento costiero. Dopo una brillante carriera che lo vide da prima come semplice cavaliere divenne Commendatore, Balì e, infine, Gran Croce. Fu Capitano di Paviglione della Squadra e, infine, Luogotenente Generale delle Armi in mare del Gran Maestro e Comandante dei Vascelli nel 1783. A compenso dei suoi servigi godette della Commenda Fiorucci di Pietralunga in Umbria, di quella di Modica e Randazzo in Sicilia, di quella di San Giovanni di Troia in Puglia, del Baliaggio di San Cassiano in Umbria e di altri importanti benefici. Alla morte del Gran maestro di Rohan il Balì Tommasi era fra i più qualificati alla successione e presso di lui si radunò l'Assemblea del partito antitedesco, ma gli intrighi internazionali dei quali è ricco questo periodo storico, favorì l'elezione di Ferdinando von Hompesch che avvenne il 17 luglio 1797.

Nel 1798 a seguito della conquista francese dell'isola di Malta, i cavalieri vennero costretti all'esilio. Una parte dei cavalieri andò in Russia e scelse come nuovo gran maestro l'imperatore Paolo I, ma la scelta non fu accettata dal Papa perché l'imperatore era di religione ortodossa. Alla morte di Paolo I, il nuovo imperatore Alessandro I rinunciò ad assumere la carica di gran maestro e nominò luogotenente il suo primo ministro in attesa che l'Ordine eleggesse un nuovo gran maestro. Per l'impossibilità di riunire i cavalieri, la scelta fu demandata al Papa e cadde su Tommasi, che accettò e convocò un'assemblea generale dell'Ordine a Messina, dove i cavalieri convenuti ratificarono la sua nomina (1803). Dopo l'assemblea, i cavalieri si stabilirono temporaneamente a Messina. Anche Alessandro I riconobbe l'elezione, inviando a Tommasi le insegne di gran maestro che erano state detenute da suo padre Paolo I[2].

Trasferito poi l'ordine a Catania nel 1804, risultati vani i progetti di riprendere l'isola di Malta, occupata dagli Inglesi, qui morì il 13 giugno 1805. Alla sua morte, per 75 anni, non venne eletto alcun gran maestro ma semplicemente dei luogotenenti generali con il compito di reggere l'ordine in attesa di una regolare elezione, che sarebbe stata approvata dal pontefice solo nel 1879.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Alfredo D'Auria, L'Ordine di Malta nel Mezzogiorno d'Italia: 1743-1913, Taranto, Centro studi melitensi, 2002, p. 200.
  2. ^ Marcello Maria Marrocco Trischitta, Cavalieri di Malta, Roma, 1995

BibliografiaModifica

  • Dizionario biografico universale, traduzione di Felice Sciponi, vol. 5, Firenze, David Passigli, 1849, p. 365.
  • Giovanni Scarabelli, Lettere di fra' Giovanni Battista Tommasi dalla Sicilia ai fratelli in Toscana (1800-1805), La Villa, 2018, ISBN 9788831971003.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica