Apri il menu principale
Giovanni Palladino
Giovanni Palladino daticamera 2015.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 27 luglio 2015 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- Civici e Innovatori (Dal 27/07/2015 al 16/06/2017)

- Partito Democratico (Dal 16/06/2017 a fine legislatura)

Circoscrizione Campania 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2017)
Precedenti:
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
PD (2007-2012)
SC (2012-2016)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Dirigente

Giovanni Palladino (Napoli, 5 luglio 1974) è un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Attività politicaModifica

Già esponente del Partito Popolare Italiano, de La Margherita e del Partito Democratico; alle elezioni amministrative del 2001 viene eletto Consigliere municipale a Napoli, nel quartiere Piscinola.

Alle elezioni amministrative del 2006 a Napoli viene eletto consigliere comunale nelle liste de La Margherita. Si ricandida anche nel 2011, ma non viene rieletto.

Nel 2012 abbandona il PD ed aderisce a Scelta Civica del Premier uscente Mario Monti.

Elezione a deputatoModifica

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 1, nelle liste di Scelta Civica (in terza posizione), risultando il primo dei non eletti.

Il 27 luglio 2015, in seguito alle dimissioni di Luciano Cimmino dalla carica di parlamentare, viene eletto deputato della XVII Legislatura.

A luglio 2016 è tra coloro i quali si schiera contro la fusione di Scelta Civica con Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA) di Denis Verdini, pertanto abbandona il partito assieme ad altri 14 deputati e dà vita al gruppo parlamentare Civici e Innovatori.[1]

Il ritorno nel Partito DemocraticoModifica

Dopo aver annunciato il proprio sostegno a Matteo Renzi in occasione delle elezioni primarie del PD del 30 aprile 2017,[2] il 16 giugno 2017 abbandona il gruppo parlamentare Civici e Innovatori ed aderisce ufficialmente al Partito Democratico, di cui già faceva parte fino al 2012.[3][4]

Ricandidato nel 2018, non è più rieletto.

NoteModifica

  1. ^ Scelta Civica, Zanetti e verdiniani vincono la battaglia per il nome. Monti contrario: "Pressione Pd", su Il Fatto Quotidiano, 12 ottobre 2016. URL consultato il 2 novembre 2016.
  2. ^ Palladino da Scelta civica ai democratici, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 19 giugno 2017.
  3. ^ Pd, Palladino lascia Civici e Innovatori e aderisce ai dem: domani presentazione con Rosato, Tartaglione, Bonavitacola e Casillo | Agenparl, in Agenparl, 15 giugno 2017. URL consultato il 19 giugno 2017.
  4. ^ Giovanni Palladino 'ritorna' nel Pd: "Un passaggio doveroso" - Agorà24, in Agorà24, 16 giugno 2017. URL consultato il 19 giugno 2017.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica