Apri il menu principale
Matteo Renzi
Matteo Renzi 2015.jpeg

Presidente del Consiglio dei ministri
della Repubblica Italiana
Durata mandato 22 febbraio 2014 –
12 dicembre 2016
Capo di Stato Giorgio Napolitano
Sergio Mattarella
Predecessore Enrico Letta
Successore Paolo Gentiloni

Segretario del Partito Democratico
Durata mandato 15 dicembre 2013 –
19 febbraio 2017
Presidente Gianni Cuperlo
Matteo Orfini
Predecessore Guglielmo Epifani
Successore Matteo Orfini (ad interim)

Durata mandato 7 maggio 2017 –
12 marzo 2018
Presidente Matteo Orfini
Predecessore Matteo Orfini (ad interim)
Successore Maurizio Martina

Ministro dello sviluppo economico
(ad interim)
Durata mandato 5 aprile 2016 –
10 maggio 2016
Presidente se stesso
Predecessore Federica Guidi
Successore Carlo Calenda

Ministro delle infrastrutture e dei trasporti
(ad interim)
Durata mandato 20 marzo 2015 –
2 aprile 2015
Presidente se stesso
Predecessore Maurizio Lupi
Successore Graziano Delrio

Presidente del Consiglio dell'Unione europea
Durata mandato 1º luglio 2014 –
31 dicembre 2014
Predecessore Antōnīs Samaras
Successore Laimdota Straujuma

Sindaco di Firenze
Durata mandato 24 giugno 2009 –
24 marzo 2014
Predecessore Leonardo Domenici
Successore Dario Nardella

Presidente della Provincia di Firenze
Durata mandato 13 giugno 2004 –
8 giugno 2009
Predecessore Michele Gesualdi
Successore Andrea Barducci

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico (fino al 17 settembre 2019)

Italia Viva - PSI (dal 18 settembre 2019)

Circoscrizione Toscana
Collegio 1 (Firenze)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Italia Viva (dal 2019)
Precedenti:
PPI (1996-2002)
DL (2002-2007)
PD (2007-2019)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Firenze
Professione Dirigente d'azienda
Firma Firma di Matteo Renzi

Matteo Renzi (Firenze, 11 gennaio 1975) è un politico italiano, senatore di Italia Viva. È stato presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016[1] e segretario del Partito Democratico eletto per due mandati dal 15 dicembre 2013 al 12 marzo 2018. È stato presidente della Provincia di Firenze dal 2004 al 2009, sindaco di Firenze dal 2009 al 2014[2], ministro delle infrastrutture e dei trasporti ad interim dal 20 marzo al 2 aprile 2015 in seguito alle dimissioni di Maurizio Lupi[3] e ministro dello sviluppo economico ad interim dal 5 aprile al 10 maggio 2016 in seguito alle dimissioni di Federica Guidi.

Divenendo presidente del Consiglio dei ministri a 39 anni e un mese, è stato il capo di governo più giovane nella storia dello Stato italiano e il primo sindaco in servizio a divenire Primo ministro; è stato inoltre il primo presidente del Consiglio della Repubblica Italiana, con l'eccezione dei governi tecnici, a non essere parlamentare al momento della nomina e il leader più giovane del G7. Quello da lui presieduto è stato il quarto governo più longevo della storia della Repubblica.

Nel 2014 è stato classificato dalla rivista americana Fortune come la terza persona con meno di quarant'anni più influente al mondo e indicato come uno dei cento più importanti pensatori globali di politica estera.[4][5] Inoltre, Renzi è soprannominato il Rottamatore per la sua ambizione di rinnovare l'establishment politico italiano.[6]

A seguito dell'esito negativo del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, il 7 dicembre rassegna le dimissioni proprie da presidente del Consiglio e dell'esecutivo da lui presieduto nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per poi dimettersi in febbraio anche dalla segreteria del PD. Renzi, che non ha ricoperto un seggio in nessuna delle Camere del Parlamento durante il suo mandato come Presidente del Consiglio dei Ministri, è diventato membro del Senato a seguito delle elezioni generali del 2018. Rieletto segretario, rassegna una seconda volta le dimissioni in seguito al deludente risultato conseguito dal suo partito sempre alle elezioni politiche italiane del 2018.

Biografia

 
Matteo Renzi con la moglie Agnese Landini e i coniugi Obama nel 2016.
 
Matteo Renzi in uniforme da scout.
 
Matteo Renzi e Mike Bongiorno a La ruota della fortuna (1994).

Figlio di Laura Bovoli e Tiziano Renzi,[7][8] che è stato consigliere comunale di Rignano sull'Arno tra il 1985 e il 1990 per la Democrazia Cristiana,[9] è il secondo dei quattro figli della coppia: la sorella maggiore Benedetta è nata nel 1972 (è entrata in politica nel 2014), il fratello Samuele nel 1983 e la sorella minore Matilde nel 1984.[8][10] Sposato dal 1999 con Agnese Landini, insegnante di liceo, ha tre figli: Francesco, Emanuele ed Ester.[11][12] Cresce a Rignano sull'Arno,[13] paese dei genitori, e studia a Firenze: prima al liceo ginnasio Dante (con votazione finale di 60/60, pur rischiando la bocciatura perché, in qualità di rappresentante d'istituto, rifiutò di ritirare le copie del giornalino scolastico contenenti forti critiche alla professoressa di matematica)[14] e poi all'Università degli Studi di Firenze dove si laurea nel 1999 in Giurisprudenza[15] con una tesi in Storia del Diritto dal titolo Amministrazione e cultura politica: Giorgio La Pira Sindaco del Comune di Firenze 1951-1956 con relatore il professor Bernardo Sordi e la votazione finale di 109/110[16][17].

Ha una formazione scout nell'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani e ha collaborato, firmandosi Zac, con la rivista nazionale della branca Rover/Scolte Camminiamo insieme della quale è stato anche caporedattore.[18] Ha lavorato con varie responsabilità per la CHIL Srl,[15] società di servizi di marketing di proprietà della sua famiglia (il cui nome è ispirato dall'omonimo personaggio del Il libro della giungla), in particolare coordinando il servizio di vendita del quotidiano La Nazione sul territorio fiorentino con la diretta gestione degli strilloni. Inoltre consegnava volantini e distribuiva elenchi del telefono.

Ancora diciannovenne, nel 1994 partecipa come concorrente per cinque puntate consecutive al programma televisivo La ruota della fortuna, vincendo 48,3 milioni di lire.[19][20] Nella prima metà degli anni novanta arbitrò alcune partite calcistiche di Seconda Categoria: fino al 1995 fu infatti iscritto alla sezione arbitrale di Firenze, ma la sua carriera da fischietto non decollò a causa di alcuni limiti atletici.[21]

A seguito delle successive scelte ed impegni di natura politica si pone in aspettativa nell'azienda di famiglia, da cui nel maggio 2014 si dimette.[22]

Carriera politica

Primi passi

Renzi comincia la propria attività politica durante gli anni del liceo.[15][23] Nel 1996 contribuisce nei Comitati per l'Italia che vogliamo in Toscana a sostegno di Romano Prodi[24]. Dopo essersi iscritto nel 1996 al Partito Popolare Italiano, ne è diventato segretario giovanile nel 1997 e segretario provinciale nel 1999 all'età di 24 anni.[25]

Nel 2001 il PPI confluisce ne La Margherita e Matteo Renzi viene chiamato a coordinarne la sezione fiorentina e, nel 2003, a ricoprire il ruolo di segretario provinciale.[26]

Presidente della Provincia di Firenze

 
Matteo Renzi tra Lapo Pistelli e Ciriaco De Mita nel 2006.

Tra il 2004 e il 2009 è presidente della Provincia di Firenze;[15] alle elezioni del 12 e 13 giugno 2004 ottiene il 58,8% dei voti, in rappresentanza di una coalizione di centro-sinistra.[25] In linea con il suo messaggio di lotta alla cosiddetta casta politica e agli sprechi sostiene di avere, durante il suo mandato, diminuito le tasse provinciali, diminuito il numero del personale e dimezzato i dirigenti dell'ente fiorentino.[27] Tuttavia nel 2012 la Corte dei conti ha aperto un'indagine sulle spese di rappresentanza effettuate dalla Provincia durante il mandato di Renzi, che ammontano a circa 600 000 euro[28][29] e, secondo il Fatto Quotidiano, il ministero del Tesoro indaga su Florence Multimedia, società in house voluta da Renzi, alla quale la Provincia di Firenze, durante la sua presidenza, avrebbe concesso un affidamento di servizi alla suddetta società "per un importo superiore a quello previsto dai regolari contratti di servizio".[30]

Sindaco di Firenze

Il 29 settembre 2008 si candida alle elezioni primarie del centro-sinistra per la candidatura a sindaco di Firenze riuscendo a vincerle con il 40,52% battendo il deputato e responsabile nazionale Esteri del PD Lapo Pistelli (26,91%), l'assessore comunale all'Istruzione e ai giovani del PD Daniela Lastri al 14,59%, il ministro ombra per l'attuazione del programma di governo e vicecapogruppo vicario PD alla Camera Michele Ventura al 12,48% e il presidente del Consiglio comunale per la Sinistra Eros Cruccolini al 5,49%,[31] su 37 468 votanti totali.[32][33]

 
Matteo Renzi all'inaugurazione dell'incubatore per le Imprese di Sesto Fiorentino nel 2009.

Il 9 giugno 2009, alle successive elezioni amministrative, Renzi ottiene il 47,57% dei voti, contro il 32% del candidato del centro-destra Giovanni Galli, con il quale va al ballottaggio. Il 22 giugno 2009 viene eletto sindaco di Firenze[15] riportando il 59,96% dei voti.[34] Fa parte della Direzione nazionale del Partito Democratico.[35] Nel 2010 è stato, secondo vari sondaggi, il sindaco più amato d'Italia.[36][37]

Il 6 dicembre 2010 Matteo Renzi si reca, a pranzo, in visita ad Arcore, presso la villa privata di Silvio Berlusconi, per "discutere di alcuni temi legati all'amministrazione di Firenze".[38] La notizia, diffusa a incontro ormai avvenuto, provoca reazioni contrastanti e alcune polemiche anche tra i suoi sostenitori.[39]

Sotto la sua guida, Firenze ha approvato, con un'ampia maggioranza nel consiglio comunale (30 voti a favore, 9 contrari e 5 astenuti), un Piano strutturale a Volumi Zero, ovvero senza possibilità di aumentare la cubatura rispetto al patrimonio edilizio esistente e permettendo di costruire ex novo soltanto a seguito di demolizione in uguali volumi di edifici vetusti.[40] Il piano strutturale prevede inoltre che in futuro possano circolare nelle ZTL di Firenze solo auto elettriche.[41][42] A giugno 2011 è entrata in vigore una nuova pedonalizzazione, che comprende, tra gli altri, importanti luoghi fiorentini quali Piazza de' Pitti.

Secondo uno studio di Datamonitor pubblicato nell'ottobre 2013 Renzi è il quarto sindaco delle città metropolitane il cui operato è maggiormente apprezzato dai cittadini, con una percentuale di consensi del 56,5%.[43]

Il movimento dei "rottamatori"

 Lo stesso argomento in dettaglio: Leopolda (convegno).
 
Matteo Renzi con Matteo Richetti nel 2012.

Il 29 agosto 2010 lancia l'idea della «rottamazione senza incentivi» dei dirigenti di lungo corso del PD,[44] e dal 5 al 7 novembre seguenti organizza con Giuseppe Civati un'assemblea alla Stazione Leopolda di Firenze (Prossima Fermata: Italia).[45] All'assemblea si contano oltre 800 interventi e 6800 partecipanti.[46] Nasce così un manifesto chiamato la Carta di Firenze.[47] A partire da quell'assemblea, Renzi ha continuato a organizzare ogni anno un'edizione della Leopolda.

I principali sostenitori del gruppo dei "rottamatori" sono il presidente dell'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna Matteo Richetti, il deputato regionale siciliano Davide Faraone e il consigliere regionale lombardo Giuseppe Civati. Si sono dichiarati a sostegno del gruppo undici parlamentari: i senatori Andrea Marcucci, Roberto Della Seta, Francesco Ferrante, Pietro Ichino, Luigi Lusi e i deputati Luigi Bobba, Roberto Giachetti, Maria Paola Merloni, Ermete Realacci e Giuseppina Servodio.[48]

Dai primi mesi del 2011 Renzi è impegnato[49] in una campagna contro le morti su strada dovute a incidenti stradali tramite un inasprimento delle pene e la creazione del nuovo reato di "omicidio stradale"; il reato sarà istituito con legge approvata nel marzo 2016.[50]

Nell'ottobre 2011 sulla scia della sua crescente notorietà dopo la Leopolda I, ha creato una "tre giorni" di proposte chiamata Big Bang,[51] sempre alla Leopolda di Firenze, con i democratici Davide Faraone e Matteo Richetti, nella quale chiunque ha avuto la possibilità di salire sul palco e dire in cinque minuti la sua idea d'Italia se fosse stato a Palazzo Chigi. Questo incontro è stato oggetto di critiche da parte di alcuni esponenti del Partito Democratico,[52] vicini al segretario Bersani.

Sono intervenuti o hanno partecipato professori, scrittori (come Alessandro Baricco o Edoardo Nesi), studenti, economisti (Luigi Zingales), imprenditori (Guido Ghisolfi, Martina Mondadori, dell'omonima casa editrice, e Alberto Castelvecchi tra gli altri), lavoratori e personaggi dello spettacolo (Fausto Brizzi, Pif e Giorgio Gori, ex dirigente Fininvest e già direttore di Canale 5), mentre tra i politici Sergio Chiamparino, Arturo Parisi, Ermete Realacci, Pietro Ichino, Maria Paola Merloni, Graziano Delrio, Salvatore Vassallo, il radicale Matteo Mecacci, Federico Berruti e altri hanno sostenuto l'evento che ha avuto grande visibilità nazionale.[53]

Nel giugno 2012 ha organizzato assieme a Davide Faraone, Matteo Richetti e Giorgio Gori la seconda edizione del Big Bang, denominata Italia Obiettivo Comune. Al Palacongressi di Firenze quasi un migliaio di amministratori locali del Partito Democratico hanno raccontato la loro esperienza di governo del territorio per rilanciare un nuovo modello di PD e di Italia.[54] Al convegno sono intervenuti Andrea Sarubbi, Andrea Ballarè e Debora Serracchiani tra gli altri, con il sostegno di personalità come, ad esempio, Salvatore Vassallo, Graziano Delrio e Vincenzo De Luca.

Primarie del 2012

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni primarie di "Italia. Bene Comune" del 2012.
 
Matteo Renzi allo European University Institute nel 2012.

Il 13 settembre 2012 si candida ufficialmente, durante un comizio a Verona, alle primarie del centro-sinistra.[55] Tra gli sfidanti di Renzi: il segretario PD Pier Luigi Bersani, il presidente della regione Puglia e presidente di SEL Nichi Vendola, il consigliere della regione Veneto Laura Puppato (PD) e l'assessore al Bilancio del comune di Milano Bruno Tabacci (ApI).[56] Per la sua campagna elettorale, Renzi organizza un tour per l'Italia a bordo di un camper, che lo porta a toccare, tra settembre e novembre 2012, tutte le province italiane.[55]

Nel primo turno delle primarie che si è svolto il 25 novembre 2012 Renzi ha ottenuto il 35,5% pari a 1 104 958 voti complessivi, posizionandosi al secondo posto tra i cinque candidati, dietro a Pier Luigi Bersani al 44,9% con 1 395 096 voti.[57] In particolare, al primo turno Renzi è stato il candidato più votato nelle cosiddette "regioni rosse" come Toscana, Umbria e Marche.[58]

Al secondo turno delle primarie, svoltosi il 2 dicembre 2012, perde contro Bersani, ottenendo 1 095 925 voti pari al 39,1%, contro il 60,9% (1 706 457 voti) del segretario del PD.[59] Anche nelle "regioni rosse" Renzi non è riuscito ad aumentare i consensi rispetto al primo turno, vincendo soltanto in Toscana, mentre in tutte le altre regioni italiane ha vinto Bersani, con un ampio distacco soprattutto in quelle meridionali.[59]

Il programma

 
Matteo Renzi durante la campagna elettorale per le Primarie del PD del 2012.

Fra le varie proposte presenti nel programma di Renzi, c'erano la diminuzione delle tasse per il lavoro dipendente con aumento di 100 euro dello stipendio netto in busta paga,[60] da finanziarsi tramite il taglio del 15% delle spese della pubblica amministrazione;[61] raggiungere la copertura degli asili nido per i bimbi italiani al 40% entro il 2018, che indirettamente costituirebbe un incentivo all'occupazione femminile e la creazione di potenziali 450 000 posti di lavoro;[61] il sostegno creditizio alla piccola e media impresa da finanziarsi tramite il ricollocamento dei fondi europei; diritti civili per le coppie omosessuali sul modello delle civil partnership inglesi;[61] aggiornamento alla normativa europea della legge 40 del 2004 sulla fecondazione artificiale; divorzio veloce se consensuale e se i coniugi non hanno avuto figli; introduzione di una serie di meccanismi volti ad attirare in Italia investimenti esteri,[61] come agevolazioni fiscali per i primi anni di insediamento; lotta alla corruzione con l'introduzione di pene più severe; lotta all'evasione fiscale concentrata sui grandi evasori e gli evasori totali;[61] abolizione o riduzione drastica dei rimborsi ai partiti; diminuzione delle indennità dei politici e del numero dei parlamentari sul modello dei provvedimenti presi dal presidente della Repubblica francese François Hollande.[61]

I finanziamenti per la campagna sono stati raccolti attraverso la Fondazione Big Bang.[62][63]

Posizioni contrapposte

La candidatura di Renzi è stata oggetto di accese polemiche all'interno del Partito Democratico, con contestazioni da parte di numerosi dirigenti, come Rosy Bindi e Massimo D'Alema, e di politici esterni al PD come Nichi Vendola.[64][65]

La polemica più dura è avvenuta con Stefano Fassina, responsabile per l'economia del partito, che ha accusato Renzi di aver copiato alcuni punti del programma di Bersani. Renzi ha replicato che il suo programma è stato presentato molto prima di quello del segretario PD.[66]

Tre giorni prima delle elezioni primarie Renzi, durante la trasmissione radiofonica 105 Friends di Radio 105, ha detto che in caso di sconfitta avrebbe portato un po' dei suoi amici in Parlamento e che avrebbe cercato di avere un po' di spazio, ma che non si sarebbe fatto comprare.[67][68] Il giorno dopo Renzi ha rivendicato quanto detto in radio: «Nel presunto fuori onda di R105 dico le stesse cose che dico sempre. Dico che in caso di sconfitta non mi farò comprare e che qualcuno dei nostri andrà in parlamento (spero con le primarie) ma non io».[69]

Le elezioni politiche del 2013

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2013.

Nel corso della campagna elettorale per le elezioni politiche del 2013 ha sostenuto apertamente Pier Luigi Bersani.[70] I due esponenti del PD hanno tenuto due comizi congiunti, il 1º febbraio a Firenze e il 21 febbraio a Palermo.[71] Nel mese di aprile 2013, in occasione dell'imminente elezione del Presidente della Repubblica, Renzi ha avuto degli scontri con Bersani a causa della sua esclusione tra i grandi elettori[72] e riguardanti la situazione politica interna al Partito Democratico.[73][74] Ha criticato pubblicamente le candidature di Anna Finocchiaro e Franco Marini come possibili successori di Giorgio Napolitano,[74] scatenando molte polemiche nel mondo politico italiano e ricevendo dure repliche sia dalla Finocchiaro sia da Marini.[75][76]

Primarie del 2013

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni primarie del Partito Democratico del 2013 (Italia).
 
Renzi durante un comizio alla Festa dell'Unità di Bosco Albergati il 7 agosto 2013, poco dopo aver annunciato la sua candidatura come segretario del Partito Democratico.

Il 9 luglio 2013, Renzi ha confermato in un'intervista a la Repubblica l'intenzione di candidarsi a segretario nazionale del PD.[77]

Oltre a chi lo aveva già sostenuto alle primarie del centro-sinistra del 2012 (come Paolo Gentiloni, Roberto Giachetti, Ermete Realacci, il ministro per gli affari regionali Graziano Delrio) e ai "veltroniani",[78] Renzi ha ricevuto il 2 settembre l'appoggio di Dario Franceschini e della sua Area Democratica[79] (Marina Sereni,[80] Piero Fassino,[81] David Sassoli). Hanno firmato inoltre la mozione a sostegno della sua candidatura anche diversi esponenti considerati vicini al premier Enrico Letta, come Gianni Dal Moro, Francesco Sanna, Francesco Boccia, Lorenzo Basso ed Enrico Borghi.[82]

Tre gli sfidanti di Renzi: Gianni Cuperlo, deputato ed ex segretario della Federazione Giovanile Comunista Italiana[83] e Giuseppe Civati, deputato ed ex consigliere regionale in Lombardia.[84][85] Gianni Pittella, che tra gli iscritti al PD ha raccolto il 5,8% ed è quindi escluso dalla competizione delle primarie, si schiera con Renzi.

L'8 dicembre 2013 viene eletto segretario del Partito Democratico con il 67,5% dei voti, la sua proclamazione ufficiale è avvenuta la successiva domenica 15 dicembre dalla nuova Assemblea eletta del Partito Democratico.[86]

Presidente del Consiglio

 Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Renzi.
 
Renzi annuncia lo scioglimento della riserva e la lista dei ministri del suo governo il 21 febbraio 2014.

A seguito delle dimissioni rassegnate da Enrico Letta dopo la votazione a larghissima maggioranza (136 favorevoli contro 16 contrari), da parte della Direzione del PD, di un documento dello stesso Renzi che proponeva la sostituzione del governo presieduto da Letta e delle successive consultazioni di Giorgio Napolitano, il 16 febbraio 2014 il presidente della Repubblica convoca Renzi al Quirinale per il giorno successivo[87] per conferirgli l'incarico di formare un nuovo governo, incarico che Renzi si riserva di accettare[88]. Nel pomeriggio dello stesso giorno, il Presidente del Consiglio incaricato informa i presidenti delle camere Pietro Grasso[89] e Laura Boldrini.[90]

Il 17 febbraio Renzi torna a Firenze per partecipare alla sua ultima riunione del Consiglio comunale;[91] si dimette da sindaco il 24 marzo successivo.

Il 18 e 19 febbraio il Presidente del Consiglio incaricato svolge le consultazioni con i gruppi parlamentari[92] mentre il 21 febbraio al Quirinale scioglie la riserva e presenta la lista dei ministri che vanno a comporre il suo governo.

 
Renzi con Giorgio Napolitano il giorno del giuramento del Governo il 22 febbraio 2014.

Il giorno successivo presta giuramento il nuovo Governo Renzi.[93]

Il 24 febbraio Renzi tiene un discorso lungo più di un'ora al Senato della Repubblica dove nella notte, alle 00:43, ottiene infine la fiducia con 169 voti favorevoli, 139 contrari dopo quasi 11 ore di lavori d'Aula.[94] Nel pomeriggio del 25 febbraio, dopo un altro discorso, ottiene infine la fiducia anche alla Camera dei deputati con 378 voti favorevoli, 220 contrari e 1 astenuto (su 598 votanti) dopo altre 9 ore di lavori.[95]

Politica interna

 
Renzi e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Il 29 gennaio propone Sergio Mattarella come candidato del Partito Democratico alle elezioni per eleggere il Presidente della Repubblica. La proposta viene accettata all'unanimità e il 31 gennaio, al quarto scrutinio con 665 voti, Mattarella viene eletto Presidente[96].

Dal 20 marzo al 2 aprile 2015 è Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ad interim in seguito alle dimissioni di Maurizio Lupi a seguito dello scandalo "Grandi opere". Dal 5 aprile al 10 maggio 2016 è Ministro dello Sviluppo Economico ad interim in seguito alle dimissioni di Federica Guidi, conseguenti all'inchiesta «Tempa Rossa».

Riforma del lavoro

Dopo essere diventato Primo Ministro, Renzi ha affermato che una riforma del mercato del lavoro "attesa da tempo" sarebbe in cima alla sua agenda per migliorare lo stato dell'economia italiana. Il 12 marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha emanato un decreto legge sui contratti a tempo determinato, denominato Decreto Poletti , dal nome del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nonché un disegno di legge che propone importanti riforme del mercato del lavoro italiano chiamato Jobs Act. Una riduzione dell'onere fiscale di circa € 80 è stata annunciata per coloro che guadagnano meno di € 1.500 al mese. Il 30 aprile Renzi, insieme al Ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, ha presentato gli orientamenti per la riforma della pubblica amministrazione, successivamente approvati dal Consiglio dei ministri il 13 giugno.

A settembre il governo ha portato il Jobs Act in Parlamento, che prevedeva, tra l'altro, l'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, che proteggeva i lavoratori da licenziamenti ingiustificati, introduceva il contratto unico a tutele crescenti, il sussidio di disoccupazione e la tutela delle donne in maternità. La proposta è stata fortemente criticata dal più grande sindacato italiano, la Confederazione Generale del Lavoro (CGIL) e dai suoi leader Susanna Camusso e Maurizio Landini. Inoltre, l'ala sinistra del Partito Democratico, allora guidata dall'ex segretario nazionale Pier Luigi Bersani, ha criticato il governo per la riforma, minacciando di votare contro di esso.

Il 9 ottobre il Senato italiano ha votato per l'approvazione del Jobs Act con 165 voti a favore di 111 contrari, segnando il primo passo per la legislazione economica più ambiziosa del governo di otto mesi. Prima del voto il ministro del lavoro Giuliano Poletti è stato costretto a interrompere il suo intervento a causa delle forti proteste del Movimento 5 Stelle e della Lega Nord.

 
I manifestanti sindacali manifestano vicino al Colosseo contro le riforme del mercato del lavoro di Renzi

Il 25 ottobre, quasi un milione di persone hanno preso parte a una protesta di massa a Roma, organizzata dalla CGIL in opposizione alle riforme del lavoro del governo. Anche alcuni membri di alto profilo della fazione di sinistra del Partito Democratico, tra cui Gianni Cuperlo, Stefano Fassina e Pippo Civati, hanno partecipato alla protesta. L'8 novembre oltre 100.000 dipendenti pubblici hanno protestato a Roma in una manifestazione organizzata dai tre maggiori sindacati del paese, la CGIL, la CISL e la UIL.

Il 25 novembre, la Camera dei deputati ha approvato il Jobs Act con 316 voti, ma il Movimento 5 Stelle, la Lega Nord e quasi quaranta membri del Partito Democratico si sono astenuti dal voto per protestare contro la riforma. Il 3 dicembre il Senato ha dato al Jobs Act l'approvazione finale necessaria per diventare legge.

Politiche economiche

Il 1º agosto, Renzi ha lanciato il decreto legge Sblocca Italia, che aveva lo scopo di facilitare l'implementazione di grandi progetti, opere civili e infrastrutture sospese in quel momento, oltre a ottenere un'ulteriore semplificazione amministrativa. Il centro di questo era il Millegiorni. Il 1º settembre Renzi ha lanciato il sito webpassodopopasso.italia.it, per consentire ai cittadini di monitorare l'avanzamento del Millegiorni. Successivamente, il 9 ottobre, Renzi ha presentato la sua prima legge finanziaria che è stata approvata dalla Commissione europea il 28 ottobre. Il governo ha inoltre annunciato l'abolizione dell'IRAP, un'imposta regionale sulle attività di produzione e, discutendo del progetto di legge finanziaria del 2016, Renzi ha promesso inoltre di cancellare l'IRPEF, l'IMU e il TASI, le tasse sugli individui, i servizi pubblici e le residenze. Nel maggio 2015 l'economia ha registrato una crescita dello 0,3%, chiudendo infine la recessione tripla immersione italiana. Nel gennaio 2016, Renzi ha rivendicato altri 500.000 posti di lavoro, secondo lui creati attraverso le sue politiche.

Immigrazione

 
Grafico che descrive l'aumento degli sbarchi in Italia dal 1997 al 2016

A seguito delle guerre civili libiche e siriane, un grave problema affrontato da Renzi nel diventare primo ministro nel 2014, è stato l'alto livello di immigrazione clandestina in Italia. Il 2014 ha visto un aumento del numero di migranti soccorsi in mare portati nei porti del sud Italia, con l'aumento del numero di migranti che ha suscitato critiche nei confronti di Renzi da parte del centro-destra e del Movimento 5 Stelle. L'8 agosto 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che prevede la protezione internazionale dei migranti. Nel novembre 2014, Renzi ha ordinato l'opzione di salvataggio gestita in Italia Operazione Mare Nostrum per sostituire l'azione europea Frontex, a causa del rifiuto di alcuni governi dell'UE per finanziare esso.

Nel 2014, 170.100 migranti sono arrivati in Italia via mare, con un aumento del 296% rispetto al 2013. La maggior parte dei migranti proveniva dalla Siria, dall'Eritrea e da vari paesi dell'Africa occidentale.

Il 19 aprile 2015 si è verificato un enorme naufragio nel Mar Mediterraneo, causando la morte di oltre 700 migranti dal Nord Africa. Renzi, tornando a Roma da un evento politico a Mantova per le elezioni regionali, ha tenuto una riunione di emergenza con i ministri e ha parlato telefonicamente con il presidente francese François Hollande e il primo ministro maltese Joseph Muscat al fine di organizzare una riunione di emergenza dei ministri degli interni europei per affrontare il problema delle morti di migranti. In un discorso sull'immigrazione, Renzi ha definito la tratta di esseri umani come un "nuovo commercio di schiavi". Da gennaio ad aprile 2015, circa 1.600 migranti sono morti sulla rotta dalla Libia a Lampedusa, rendendola la più mortale rotta migratoria al mondo.

Unioni omosessuali

Il 10 giugno 2015, la Camera dei deputati ha approvato una mozione che obbliga il governo ad approvare un disegno di legge relativo alle unioni civili tra coppie dello stesso sesso. In precedenza tutti i principali partiti in Italia avevano presentato diverse mozioni sulle unioni civili, che erano state tutte respinte, tranne quelle del Partito Democratico, che chiedeva anche l'approvazione delle unioni civili. Renzi aveva dichiarato poco prima di diventare premier che era favorevole all'introduzione delle unioni civili per le coppie dello stesso sesso. Nel luglio 2015, diversi giorni dopo che il Parlamento europeo ha approvato una mozione che invita tutti i membri dell'Unione europea a riconoscere le relazioni omosessuali, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l'Italia stava violando la Convenzione sui diritti umani non riconoscendo il "diritto alla vita familiare" delle coppie dello stesso sesso.

Il 7 ottobre 2015, Renzi ha presentato al Parlamento un disegno di legge che istituirebbe unioni civili tra persone dello stesso sesso e accordi di convivenza neutrali. Il disegno di legge è stato approvato in prima lettura al Senato una settimana dopo. Molti parlamentari di molti partiti hanno criticato il disegno di legge. Nonostante il disegno di legge presentato con un voto libero, Renzi ha chiarito che avrebbe legato il disegno di legge dei sindacati civili a un voto di fiducia nel suo governo se non fosse stato approvato.

Dopo mesi di dibattito pubblico e parlamentare, il 25 febbraio 2016 il Senato ha votato a favore delle proposte di Renzi di legalizzare le unioni civili, con 173 voti a favore e 71 contrari. Un emendamento noto come disposizione "stepchild adoption" che avrebbe concesso i diritti dei genitori a un genitore non biologico in un'unione omosessuale, è stato eliminato all'ultimo momento dopo che è diventato chiaro che la maggioranza dei senatori non l'avrebbe votato. L'11 maggio 2016, la Camera dei deputati ha approvato le proposte finali, con 369 voti a favore e 163 contrari.

Politiche sociali

Assieme al ministro Stefania Giannini ha presentato nel settembre del 2014 il progetto di riforma della pubblica istruzione intitolato "La buona scuola"[97] e nello stesso mese il guardasigilli Andrea Orlando ha presentato un disegno legge che prevede la riforma della giustizia civile e di quella penale. La riforma della scuola viene accolta con freddezza se non con aperta ostilità dalla maggioranza del corpo insegnante. La legge viene ugualmente approvata il 9 giugno 2015 dalla maggioranza governativa alla Camera con 277 voti contro 173. Una raccolta firme atta a indire un referendum abrogativo di quattro punti della riforma non ebbe esito, perché fu certificato un numero di firme leggermente inferiore a quello necessario.[98]

Il 15 dicembre, durante una cerimonia al Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Renzi ha lanciato ufficialmente la candidatura di Roma per le Olimpiadi estive del 2024 . Il 21 settembre 2016, il sindaco di Roma Virginia Raggi, membro del Movimento 5 Stelle, di essere contraria a tale iniziativa a causa dei problemi finanziari in corso nel paese.

Esposizione universale del 2015

 
Renzi e il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ad Expo 2015

Durante la presidenza di Renzi, Milano ha ospitato l'Esposizione Universale; i temi erano tecnologia, innovazione, cultura e tradizioni riguardanti il cibo. Tra i partecipanti all'Expo figurano 145 paesi, tre organizzazioni internazionali, diverse organizzazioni della società civile, diverse società e organizzazioni non governative (ONG).

 
Proteste "No-Expo" durante l'inaugurazione di Expo 2015 a Milano

L'apertura dell'Expo il 1 °maggio 2015 è stata accolta con la protesta di attivisti anti-austerità e anarchici che hanno causato danni penali, portando la polizia a utilizzare i gas lacrimogeni.

Expo ha anche creato alcune tensioni con la Santa Sede e il governo italiano; infatti papa Francesco ha condannato il concetto di Expo, affermando che "obbedisce alla cultura dei rifiuti e non contribuisce a un modello di sviluppo equo e sostenibile". Dato che la Città del Vaticano ha investito 3 milioni di euro per ottenere il proprio padiglione durante l'evento prima della sua nomina al papato, Francesco ha affermato che, sebbene sia positivo che la Chiesa sia coinvolta in cause che combattono la fame e promuovono un'energia più pulita, ha dichiarato che troppi soldi sono stati sprecati sull'Expo stesso dalla Città del Vaticano.

Terremoti del 2016

 
Macerie nel centro di Amatrice, 2016

Alle 03:36 del 24 agosto 2016, un terremoto di magnitudo 6,2 colpisce l'Italia centrale con epicentro ad Accumoli provocando la morte di 298 persone e 4 500 sfollati.

Il 1º settembre, Renzi ha nominato l'ex presidente dell'Emilia-Romagna Vasco Errani commissario speciale per la ricostruzione. Errani era già stato un commissario speciale durante il terremoto che ha colpito la sua regione natale nel 2012.

Un terremoto di magnitudo 6.1 ha colpito 3 km a ovest di Visso il 26 ottobre alle 21:18, due mesi dopo del terremoto di agosto.

Un terzo grande terremoto di magnitudo 6,6 ha colpito 6 km a nord di Norcia alle 07:40 il 30 ottobre, risultando il terremoto più grande in Italia in 36 anni, dal terremoto dell'Irpinia del 1980.

Politica internazionale

 
Viaggi all'estero del Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Il governo ha affrontato delicate situazioni internazionali quali: il perdurarsi della crisi del debito in Europa; la guerra civile libica; l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia; e infine la nascita e lo sviluppo dell'ISIS in Medio Oriente. In questo contesto, Renzi forgia le più forti relazioni con: il presidente della Repubblica francese François Hollande e il suo primo ministro Manuel Valls; il premier greco Alexīs Tsipras e con il presidente degli USA Barack Obama.[99][100]

Il governo Renzi è anche stato tra i primi governi occidentali ad avvicinarsi all'Egitto di Al-Sisi sul fronte energetico e geopolitico. Tuttavia le relazioni si deteriorano a seguire della morte di Giulio Regeni.[101][102]

Europa

 
Matteo Renzi con David Cameron, Barack Obama, Angela Merkel e François Hollande il 25 aprile 2016.

Il primo luglio del 2014 Renzi assume la carica di presidente del Consiglio dell'Unione europea.

 
Matteo Renzi e la cancelliera tedesca Angela Merkel

Dopo le elezioni del Parlamento europeo del 2014, che hanno visto il Partito Democratico ricevere il maggior numero di voti di tutti i singoli partiti politici che contestano le elezioni in tutta l'Unione europea, Renzi è emerso come il leader più importante dei socialisti europei, opponendosi alla cancelliera tedesca Angela Merkel, ampiamente considerata la leader de facto del Partito Popolare Europeo. I due leader hanno avuto molti incontri bilaterali, il primo il 17 marzo 2014 a Berlino, dove i due leader hanno discusso importanti riforme che il governo italiano ha pianificato di fare sia in Italia che nell'UE. Il 22 gennaio 2015, Merkel ha visitato Renzi nella sua città natale, Firenze, dove ha pubblicamente lodato le riforme "impressionanti" attuate dal suo governo. Il giorno seguente i due leader hanno tenuto una conferenza stampa congiunta davanti al David di Michelangelo.

 
Renzi e il presidente della Repubblica francese Francois Hollande nel 2015

Renzi è stato considerato come un alleato del presidente francese Francois Hollande del Partito Socialista. Il 15 marzo 2014 Renzi ha incontrato Hollande a Parigi, concordando con lui una politica economica comune incentrata non solo sulle misure di austerità imposte dalla cosiddetta Troika della Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale, ma anche su politiche più flessibili per promuovere la crescita economica nell'UE. Il 7 gennaio 2015, dopo l'attacco terroristico islamico di Parigi che ha causato la morte di 17 persone, Renzi ha espresso orrore e sgomento, offrendo i suoi migliori auguri al popolo francese e sancendo la sua vicinanza al ministro francese e la sindaca di Parigi Anne Hidalgo. L'11 gennaio si è unito a più di 40 leader mondiali e tre milioni di persone nella Marcia Repubblicana organizzata dal presidente Hollande.

Renzi ha costruito un rapporto costruttivo con il primo ministro britannico David Cameron del Partito Conservatore. Durante il loro primo incontro il 1º aprile 2014, Cameron ha dichiarato che le riforme previste da Renzi erano "ambiziose" e che insieme i due uomini sarebbero stati in grado di cambiare l'Unione europea. Lo stesso giorno, Renzi ha incontrato anche l'ex primo ministro britannico Tony Blair, che Renzi aveva precedentemente definito come un'ispirazione politica per lui.

Il 1º agosto 2014, in seguito alla forte partecipazione del suo partito alle elezioni del Parlamento europeo, Renzi ha nominato il suo ministro degli Esteri, Federica Mogherini, candidato ad essere il nuovo Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la Sicurezza venendo infine confermata con successo, assicurando che l'Italia controllasse uno dei due posti più importanti della Commissione. La politica della Commissione europea entrante viene invece guidata da Jean-Claude Juncker, ex primo ministro lussemburghese.

Il 3 febbraio 2015, Renzi ha ricevuto il neoeletto primo ministro greco Alexis Tsipras della Coalizione della Sinistra Radicale, a Roma. I due leader hanno tenuto una conferenza stampa congiunta in cui si esprimeva preoccupazione per le misure di austerità imposte dalla Commissione europea e dichiarando che la crescita economica è l'unico modo per risolvere la crisi. Dopo la conferenza stampa, Renzi ha presentato a Tsipras una cravatta italiana in regalo. Tsipras, che era noto per essersi rifiutato di indossare una cravatta, ringraziò Renzi e disse che avrebbe indossato il dono per festeggiare dopo che la Grecia aveva rinegoziato con successo le misure di austerità.

Stati Uniti

 
Renzi e il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama alla Casa Bianca nell'ottobre 2016

Renzi ha incontrato Obama per la prima volta il 24 marzo 2014, durante il viaggio di quest'ultimo a Roma. Renzi ha anche tenuto un incontro congiunto con Obama, Papa Francesco e il Presidente italiano Giorgio Napolitano. Obama dichiarò in seguito di essere rimasto impressionato dalle riforme che Renzi voleva intraprendere e lo stesso Renzi ha detto di considerare Obama un esempio per le politiche che voleva raggiungere.

Il 22 settembre, Renzi ha visitato la Silicon Valley, California. A San Francisco ha incontrato giovani emigranti italiani che hanno creato startup negli Stati Uniti. Ha anche visitato la sede di Twitter, Google e Yahoo! per tenere colloqui con i dirigenti.

Il giorno seguente, Renzi ha parlato a un vertice delle Nazioni Unite a New York City, concentrandosi sul problema del cambiamento climatico. Dopo il vertice, Renzi incontrò l'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e sua moglie, l'ex segretario di Stato Hillary Clinton. Alla fine del suo viaggio, Renzi partecipò ad un ricevimento condotto da Barack Obama.

Renzi è stato ricevuto alla Casa Bianca nell'aprile 2015. Lui e il presidente Obama hanno discusso su molte questioni, tra cui l'Ucraina, la Libia e l'ISIS. Hanno discusso dell'economia europea, del partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti, dei cambiamenti climatici e della sicurezza energetica. Nell'ottobre 2015, il governo italiano ha annunciato che avrebbe prolungato la sua presenza militare in Afghanistan insieme all'esercito degli Stati Uniti, al fine di continuare la sua missione di sicurezza e prevenire l'ascesa di forze islamiche come Al-Qaeda e l'ISIS.

Il 18 ottobre 2016, il presidente Obama ha invitato Renzi e sua moglie Agnese a partecipare a una cena ufficiale di stato alla Casa Bianca. I due uomini hanno tenuto una conferenza stampa congiunta. Tale cena è stata la sua ultima visita di stato come presidente.

Asia

Renzi ha stretto relazioni con il primo ministro giapponese Shinzō Abe; Il 6 giugno 2014, Renzi ha ricevuto il primo ministro Abe a Roma e i due leader si sono incontrati anche a Tokyo nell'agosto 2015 dove hanno discusso delle relazioni con la Cina e della stabilità dell'Asia orientale. Il 9 giugno, Renzi si è recato ad Hanoi, in Vietnam, per incontrare il Presidente Tràn Tàn Sang e il Primo Ministro Nguy, per firmare trattati economici del valore di circa 5 miliardi di dollari. In questo modo, Renzi divenne il primo Primo Ministro italiano a visitare ufficialmente il Vietnam dal 1973, quando iniziarono le relazioni diplomatiche tra l'Italia e il Vietnam del Nord.

L'11 giugno Renzi ha incontrato a Pechino il presidente cinese Xi Jinping, che si è congratulato con lui per le "importanti riforme" intraprese dal suo governo e ha assicurato che la Cina avrebbe continuato la cooperazione con l'Italia in vista di Expo 2015 a Milano. Diversi mesi dopo, in ottobre, Renzi incontrò il primo ministro cinese Li Keqiang a Roma per firmare venti trattati per un totale di 8 miliardi di euro. Il 12 giugno Renzi ha incontrato il presidente kazako Nursultan Nazarbayev ad Astana, dove hanno discusso il ritiro delle truppe italiane dall'Afghanistan. Il 18 novembre Renzi si recò ad Ashgabat, in Turkmenistan, dove con il presidente turkmeno Gurbanguly Berdimuhamedow firmò una serie di patti economici per garantire un aumento dell'approvvigionamento di gas.

La sconfitta al referendum costituzionale e le dimissioni

Dopo essere diventato Primo Ministro, Renzi dichiarò che uno dei suoi compiti più importanti era quello di realizzare riforme costituzionali. Il quadro istituzionale italiano era rimasto sostanzialmente invariato dal 1º gennaio 1948, quando la Costituzione italiana entrò in vigore dopo essere stata emanata dall'Assemblea costituente il 22 dicembre 1947.

Durante il suo governo, il presidente Renzi ha deciso di avviare un ampio progetto di riforme costituzionali con l'abolizione del bicameralismo perfetto e la modifica della struttura e delle funzioni del Senato della Repubblica. Inoltre dopo un controverso incontro con il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, ha proposto una nuova legge elettorale in sostituzione del cosiddetto Porcellum, parzialmente annullato dalla Corte costituzionale. La proposta, ribattezzata Italicum, prevedeva un sistema a collegi plurinominali con eventuale doppio turno e premio di maggioranza.[103] La legge fu approvata nel maggio 2015 con il ricorso alla questione di fiducia[104], ma nel gennaio 2017 ne fu a sua volta riconosciuta la parziale incostituzionalità.[105][106]

 
Matteo Renzi annuncia le proprie dimissioni a seguito della sconfitta referendaria del 4 dicembre 2016

Nell'aprile dello stesso anno, in merito alla suddetta riforma costituzionale, è stato indetto per il 4 dicembre un referendum popolare. Renzi personalizzò il referendum arrivando a dire, in più occasioni, che in caso di sconfitta avrebbe ritenuto fallita e conclusa la sua esperienza in politica[107]. In seguito alla sconfitta con il 59,11% di pareri negativi, Renzi annuncia le sue dimissioni da capo del Governo,[108] formalizzate il 7 dicembre dopo l'approvazione della legge di Bilancio.[109] Tuttavia, smentendo sue ripetute precedenti dichiarazioni[110], ha deciso di non abbandonare la politica.

 
Renzi e il suo successore Paolo Gentiloni, nel tradizionale rito della campanella, a Palazzo Chigi, per il passaggio di consegne

Gli succede a Palazzo Chigi il suo ministro degli esteri, Paolo Gentiloni.[111]

Dopo la presidenza del Consiglio

Primarie del 2017

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni primarie del Partito Democratico del 2017 (Italia).

Il 19 febbraio 2017 Renzi ha rassegnato le dimissioni anche da segretario del Partito Democratico aprendo così la fase congressuale.[112]

Il 6 marzo successivo Renzi ha presentato il suo programma elettorale per le primarie, in cui ha espresso la sua intenzione di rinnovare il partito, l'Italia e l'Europa. Ha anche annunciato un "ticket" elettorale con il ministro dell'agricoltura Maurizio Martina, che sarebbe diventato suo vicesegretario.[113] Dal 10 al 12 marzo, Renzi e i suoi sostenitori hanno partecipato alla convenzione Lingotto '17, organizzato dalla corrente renziana In Cammino nel quartiere Lingotto di Torino, dove il PD è stato fondato dieci anni prima da Walter Veltroni.

Tra i partecipanti di rilievo alla convenzione pro-Renzi c'erano il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i ministri Pier Carlo Padoan, Marco Minniti, Dario Franceschini, Graziano Delrio, Roberta Pinotti, Marianna Madia e Maria Elena Boschi. Anche la storica leader radicale Emma Bonino ha partecipato alla manifestazione.[114]

 
Renzi parla alla convenzione del Lingotto, 12 marzo 2017.

Gli altri due candidati alle elezioni primarie sono stati il ministro della giustizia Andrea Orlando e il presidente della Puglia Michele Emiliano.

Dopo aver vinto il voto da parte degli iscritti al partito a marzo con quasi il 67% dei voti, il 30 aprile Renzi è stato rieletto segretario del partito con il 69,2% dei voti, mentre Orlando ha ricevuto il 19,9% ed Emiliano il 10,9%.[115]

Nuove dimissioni dalla segreteria PD e l'elezione a senatore

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2018.

Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, si assiste a una forte flessione nei voti per il Partito Democratico, che ha riscosso il peggior risultato della sua storia attestandosi su un consenso inferiore al 20% sia per la Camera sia per il Senato. A seguito dell'esito deludente, Renzi ha rassegnato per la seconda volta le proprie dimissioni dalla segreteria del partito,[116][117], ove gli è succeduto Maurizio Martina come segretario reggente. In occasione delle medesime politiche del 2018, Renzi è stato altresì eletto tra i senatori della XVIII legislatura nel collegio uninominale 01 della Toscana.

Nella fase di incertezza successiva al voto, Renzi ha escluso la possibilità di accordi di governo col Movimento 5 Stelle o con la Lega:

«Siamo seri. Chi ha perso le elezioni non può andare al Governo. Il Pd ha perso, io mi sono dimesso: non possiamo pensare che i giochetti dei caminetti romani valgano di più della scelta degli italiani. Non possiamo rientrare dalla finestra dopo che gli italiani ci hanno fatto uscire dalla porta.»

(Matteo Renzi, intervista a Che tempo che fa, 29 aprile 2018[118])

Tuttavia, durante la crisi politica dell'agosto 2019 è il principale regista della creazione di un governo per scongiurare il voto anticipato, lasciando la conduzione delle trattative al segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti e al leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio. Il 5 settembre, concluse le trattative per un governo "di discontinuità e di legislatura", presta giuramento il Governo Conte II.[119]

Uscita dal PD e la fondazione di Italia Viva

Il 16 settembre 2019 annuncia la sua uscita dal Partito Democratico, volendo formare una nuova forza moderata. Il giorno dopo si dimette dal partito, ed intervistato da Bruno Vespa alla trasmissione televisiva Porta a Porta, Renzi annuncia che il nuovo partito si chiamerà Italia Viva.[120]

La neonata forza politica sosterrà appieno il secondo Governo Conte,[120] all'interno del quale operano peraltro i ministri Teresa Bellanova ed Elena Bonetti ed il sottosegretario Ivan Scalfarotto, di cui è stata annunciata l'adesione al movimento.[121]

Il giorno dopo, Renzi annuncia i gruppi parlamentari e i suoi componenti [122] tra cui figurano i nomi di Roberto Giachetti, già candidato alla Segreteria del Partito Democratico, di Maria Elena Boschi, Davide Faraone e Gennaro Migliore.

Posizioni politiche

 
Renzi parla durante il congresso del Partito Socialista Europeo a Roma, 2014

Tendenze politiche

Renzi si è dichiarato favorevole al ricambio generazionale della classe dirigente, tramite l'uso di elezioni primarie. Sostiene alcune iniziative atte a ridurre il costo della politica, tra cui l'eliminazione di una delle due camere, l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, l'elezione diretta dei politici da parte dei cittadini, le abolizioni dei vitalizi e la cancellazione dei contributi statali ai giornali di partito.[66]

Riguardo al Partito Democratico ha dichiarato che il PD dovrebbe maggiormente guardare al futuro, alle proposte e alle idee, anziché parlare in "politichese" e inseguire le alleanze "contro qualcuno".[123] Renzi guarda alla sinistra come qualcosa di diverso rispetto alle versioni novecentesche. La sua visione di sinistra è liberale, con una vocazione maggioritaria, pronta a coniugare liberalizzazioni e nazionalizzazioni e che si rifà alle politiche fatte da Tony Blair in Inghilterra.[124] Guarda con interesse alle proposte in tema di lavoro ed economia di Tito Boeri e Luigi Zingales, tra cui la flexicurity ispirata al modello scandinavo. Nel 2012 Renzi ha dichiarato di considerare il liberismo come un principio di sinistra, citando come modelli d'ispirazione in tal senso Tony Blair, Andrea Ichino e il già citato Zingales, e suscitando parecchie critiche soprattutto da sinistra[125].

Le sue posizioni politiche sono considerate da alcuni osservatori o da membri del suo stesso partito "non di sinistra". In particolare, il suo pranzo ad Arcore con Silvio Berlusconi nel dicembre 2010 ha suscitato molte polemiche e perplessità.[126] Berlusconi ha dichiarato: «Renzi porta avanti le nostre idee, sotto le insegne del PD»,[127] Renzi ha smentito facendo riferimento alla vittoria da lui riportata al primo turno delle primarie in regioni tradizionalmente orientate a sinistra.[128]

Ha affermato che se fosse stato un operaio della FIAT di Pomigliano d'Arco avrebbe votato «senza se e senza ma» a favore del referendum proposto da Sergio Marchionne[129] opponendosi palesemente ai sindacati. Tuttavia, nel 2012 ha dichiarato di esser rimasto deluso dalle successive scelte di Marchionne.[130]

Diritti civili

Nel 2007 ha sostenuto il Family Day e sulle unioni civili ha dichiarato che sono "un controsenso rispetto alle vere urgenze del Paese" e che "non c’è bisogno di essere cattolici per difendere la famiglia".[131] Tuttavia nel 2012 in un'intervista su Max si è dichiarato a favore della civil partnership (unioni civili sul modello britannico) e ha dichiarato che "il matrimonio, parlando da politico, non deve essere considerato un sacramento".[132][133] Nel febbraio 2016 come presidente del Consiglio ha posto la questione di fiducia sulla cosiddetta "legge Cirinnà", che regolamenta l'istituto delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze.[134]

Temi ambientali

Renzi ha votato contro il nucleare ai referendum del 2011 e si è espresso a favore del ricarico sulle bollette dei costi per gli investimenti sull'acqua pubblica;[135] ha sostenuto a Firenze le pedonalizzazioni e un piano strutturale a volumi zero.

Anni dopo tuttavia, in qualità di Segretario del PD e Presidente del Consiglio dei ministri, ha indicato la linea politica ufficiale del partito nell'astensione per il referendum abrogativo sulle trivelle del 17 aprile 2016, giungendo a definirlo "una bufala".[136] Il referendum non sortì effetti per il mancato raggiungimento del quorum dei votanti.

Controversie e procedimenti giudiziari

 
Renzi a Venezia il 16 ottobre 2015.
  • Relativamente a quando era presidente della provincia di Firenze la giustizia contabile ha contestato la categoria di inquadramento di quattro persone nello staff, dichiarate dallo stesso procuratore totalmente estranee a famiglia e amicizie di Renzi, assunte presso la provincia di Firenze, a tempo determinato in categoria D (laureati)[senza fonte] anziché C (non laureati)[senza fonte], con uno stipendio di 1 200 euro al mese anziché di 1 150, in violazione delle disposizioni riguardanti la contrattazione collettiva del comparto. Il 5 agosto 2011 Renzi è stato condannato in primo grado, insieme ad altre venti persone, dalla Corte dei conti della Toscana per danno erariale al pagamento di una somma totale di 50 000 euro, di cui 14 000 a carico proprio, gli altri a venti persone fra colleghi di giunta e funzionari. La richiesta della procura era stata inizialmente di un totale di 2 milioni e 155 000 euro, con dunque una significativa riduzione dei termini dell'accusa al termine del primo grado di giudizio. Renzi ha impugnato comunque in appello la sentenza, confidando in un'ulteriore revisione del caso e conseguente decadimento delle accuse.[27][137][138][139][140] La Corte dei Conti della Toscana ha esteso il contraddittorio nei confronti di Renzi (dopo che la Procura Contabile ne aveva stabilito l'archiviazione) riguardo alla sua eventuale responsabilità per danno erariale, rinviando l'udienza d'appello al settembre del 2014.[141] Il 6 febbraio 2015 la Corte dei Conti ha annullato la condanna pronunciata in primo grado[142].
  • L'8 ottobre 2012, Alessandro Maiorano, un dipendente del Comune di Firenze, ha presentato un esposto alla Guardia di Finanza per denunciare il fatto che il presidente di provincia e poi sindaco Matteo Renzi usufruisse di contributi pensionistici dirigenziali, essendo stato messo in aspettativa dall'azienda di famiglia CHIL srl, in cui era stato assunto come dirigente 8 mesi prima di essere messo in aspettativa per via dell'elezione a presidente della provincia.[143][144][145] Renzi ha giustificato il fatto come un piano di riordino delle cariche interno all'azienda, che ha avuto come conseguenza la nomina a dirigente del futuro candidato sindaco.[139] In ogni caso, nonostante non sia mai partito alcun procedimento penale a suo carico, Renzi ha scelto di rinunciare alla pensione e all'aspettativa in questione[146], mentre Maiorano è stato arrestato per diffamazione aggravata[147]. Da un'inchiesta de Il Fatto Quotidiano del luglio 2015 Renzi non avrebbe mai offerto la restituzione dei contributi figurativi versati all'ente previdenziale sulla sua posizione pensionistica (pari a circa 200.000 euro), e nel contempo, avrebbe riscosso il relativo trattamento di fine rapporto corrispondente a una somma complessiva di circa 48.000 euro al lordo delle tasse per il periodo 2004 - 2014[148]. Avendo Renzi rinunciato al trattamento pensionistico,[149] comunque, i contributi versati non potranno mai trasformarsi in un trattamento pensionistico a suo favore. A settembre 2015 il PM chiede l'archiviazione del procedimento.[150]
  • Nel marzo 2014 la procura di Firenze ha aperto un'inchiesta senza indagati, per fare chiarezza sulla casa di Firenze dove Renzi ha soggiornato per brevi periodi dal 2011 al 2013, il cui affitto è sempre stato pagato dall'imprenditore Marco Carrai[151] (Marco Carrai ha ottenuto svariati incarichi in società controllate dal Comune e appalti dall'amministrazione, anche se per la maggior parte ottenuti prima dell'amministrazione Renzi).[152] Renzi ha dichiarato di non essere preoccupato circa la possibilità di assimilare il suo caso ad altri noti precedenti di immobili acquistati "a propria insaputa", in quanto quella non era "la casa di Renzi, pagata da Carrai" bensì "la casa di Carrai, pagata da Carrai", della quale aveva usufruito in virtù dell'amicizia con l'imprenditore e della vicinanza a Palazzo Vecchio.[139] A settembre 2015 il PM chiede l'archiviazione del procedimento.[153]
  • Su segnalazione della CONSOB, nel 2015 la procura di Roma aprì un'indagine per insider trading, nell'ambito della quale furono ascoltati Carlo De Benedetti e anche l'allora premier Renzi; tra gli atti d'inchiesta rientra una registrazione telefonica la cui trascrizione fu resa nota nel gennaio 2018. Nella telefonata, avvenuta il 16 gennaio 2015, De Benedetti invitava il proprio operatore finanziario Gianluca Bolengo a comprare azioni delle banche popolari, rivelando che il premier Renzi lo aveva informato in anticipo della sicura approvazione di lì a pochi giorni del decreto banche da parte del governo; ciò gli permise di investire 5 milioni di euro guadagnando in poco tempo 600,000 euro di plusvalenza.[154][155] Nel febbraio 2016 inoltre De Benedetti parlò alla CONSOB dei suoi assidui rapporti con lo stesso Renzi (oltre a Maria Elena Boschi e Pier Carlo Padoan): rivendicò la paternità del Jobs Act e giunse ad affermare del governo Renzi che «si chiama governo, ma sono quattro persone».[156][157]
  • Nell'estate 2018 viene diffusa la notizia che Matteo Renzi e sua moglie erano in procinto di acquistare una villa in via Pietro Tacca a Firenze al prezzo di 1,3 milioni di euro, di cui 400.000 euro versati in anticipo alla stipula del contratto preliminare di compravendita. Tale notizia suscitò diverse polemiche, poiché in precedenza, nella una puntata del 18 gennaio 2018 della trasmissione televisiva Matrix durante la campagna elettorale, Renzi aveva mostrato l'estratto conto del proprio deposito bancario, su cui risultavano versati solo 15.859 euro.[158] Inoltre risultava che i coniugi Renzi pagassero già una rata mensile di 4.250 euro per il mutuo della vecchia abitazione di Pontassieve (che non è ancora stata venduta). Renzi ha poi smentito le tesi complottiste, evidenziando che a marzo 2018 era stato eletto senatore, per cui disponeva di "un ottimo stipendio" compatibile con l'acquisto della villa.[159] Successivamente è stato reso noto che, nello stesso anno 2018, Renzi aveva acquistato anche una Mini Cooper SD (automobile con un valore di listino di circa 35.000 euro), mentre i redditi complessivi dell'anno precedente (2017) ammontavano complessivamente a 29.315 euro.[160]
  • Il 4 luglio 2019 Renzi è stato condannato in primo grado dalla Corte dei Conti toscana al versamento di 15.000 per un danno erariale di complessivi 125.00 euro, relativo al 2005 quando era Presidente della Provincia di Firenze. Il procedimento riguarda la nomina di un collegio di direzione provinciale di quattro Direttori Generali anziché di un singolo dirigente, come previsto dallo Statuto.[161][162] Il fatto era stato in precedenza contestato anche al segretario provinciale, poi deceduto.[163] Un secondo procedimento riguarda la nomina nel suo staff di due collaboratori privi di laurea quando era sindaco di Firenze.[164]

Opere

Libri

Trasmissioni televisive

Premi e riconoscimenti

Premio d'onore dal Premio Letterario "Lilly Brogi La Pergola Arte" di Firenze 2009 II Edizione per il libro "A viso aperto".[165]

Note

  1. ^ Renzi si dimette: «Al voto dopo Consulta o un governo di tutti» Salvini: elezioni subito o in piazza Archiviato il 24 ottobre 2017 in Internet Archive.
  2. ^ Renzi non è più sindaco, Nardella reggente, in la Repubblica Firenze, 24 marzo 2014. URL consultato il 24 marzo 2014 (archiviato il 24 marzo 2014).
  3. ^ Matteo Renzi è diventato ufficialmente segretario nazionale del PD il 15 dicembre con la ratifica da parte dell'Assemblea nazionale Segretario nazionale PD, Partito Democratico, 10 dicembre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  4. ^ Renzi, al terzo posto tra gli under 40 più influenti al mondo, su Repubblica.it, 9 ottobre 2014. URL consultato il 5 maggio 2016 (archiviato il 20 aprile 2016).
  5. ^ The Leading Global Thinkers of 2014 - Foreign Policy, su globalthinkers.foreignpolicy.com. URL consultato il 5 maggio 2016 (archiviato il 24 gennaio 2015).
  6. ^ L'Italia nuova di Renzi il rottamatore?, su la7.it. URL consultato il 9 luglio 2019.
  7. ^ Marco Lillo, Il sistema Renzi: amici, famiglia, potere. E un fascicolo sull'uso dei fondi pubblici, in il Fatto Quotidiano, 6-8 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 20 febbraio 2014).
  8. ^ a b Mario Lancisi, Il padre di Renzi «Sono io il primo rottamato..», in Il Tirreno (Rignano sull'Arno), 13 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 20 dicembre 2013).
  9. ^ Ministero dell'Interno - Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, Ministero dell'interno, Dipartimento per gli affari interni e territoriali. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 20 dicembre 2013).
  10. ^ Benvenuti in casa Renzi: il sostegno online della famiglia, in Quotidiano Nazionale (Firenze), 13 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 15 ottobre 2013).
  11. ^ Eva Desiderio, Agnese, moglie di Renzi e precaria: "Spero che i miei figli non soffrano", in Quotidiano Nazionale (Firenze), 25 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 19 dicembre 2013).
  12. ^ Maria Cristina Carraù, 'Io, mio marito Matteo e il ritiro spirituale', in la Repubblica (Firenze), 18 febbraio 2009, p. 1. URL consultato il 3 marzo 2014.
  13. ^ Matteo Renzi nella sua Rignano sull'Arno: "La rottamazione non è un fatto anagrafico", Toscana News 24, 19 novembre 2012. URL consultato il 19 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  14. ^ La maturità delle ministre: il "dramma" della Boschi, l'incubo della Madia Archiviato il 17 luglio 2015 in Internet Archive.
  15. ^ a b c d e Biografia di Matteo Renzi, A viso aperto.it, 2012. URL consultato il 19 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2012).
  16. ^ Aldo Cazzullo, Quando Renzi al liceo voleva cacciare Forlani, in Corriere della Sera, 16 febbraio 2014 (archiviato il 4 marzo 2016).
  17. ^ Renzi: ho fatto la mia tesi di laurea su Giorgio La Pira sindaco, su video.corriere.it, 15 ottobre 2016. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato il 4 aprile 2019).
  18. ^ Ilaria Ulivelli, Matteo story: Renzi, lo scout che studiava da sindaco, in La Nazione (Firenze), 21 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 9 novembre 2013).
  19. ^ E Renzi girò la ruota della fortuna, in Corriere Fiorentino (Firenze), 12 febbraio 2009. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 9 novembre 2013).
  20. ^ Eleonora Bianchini, 1994, Matteo Renzi alla Ruota della Fortuna: vince 48 milioni di lire, Tv Politik, 31 ottobre 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  21. ^ Renzi arbitro negli anni 90. L'Aia: "Che fermezza, ma corre poco...", in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 12 dicembre 2016).
  22. ^ Renzi rinuncia alla pensione, su www.liberoquotidiano.it. URL consultato il 13 giugno 2016 (archiviato il 4 marzo 2016).
  23. ^ Ilaria Ulivelli, Matteo story: Renzi studente rottamava i professori, in La Nazione (Firenze), 20 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 14 ottobre 2013).
  24. ^ Primarie PD, i candidati, su repubblica.it, 19 aprile 2017.
  25. ^ a b Matteo Renzi in Palazzo Medici Riccardi con il 58,8% dei voti, News dalle Pubbliche Amministrazioni della Toscana centrale, 15 giugno 2004. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 5 marzo 2016).
  26. ^ Primarie del centrosinistra: Chi è Matteo Renzi, Il Sussidiario.net, 25 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 3 febbraio 2014).
  27. ^ a b La Nazione - Firenze - "Assunti senza qualifiche" Renzi condannato dalla Corte dei Conti Il sindaco: "Fantasiosa ricostruzione", in La Nazione (Firenze), 5 agosto 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 18 ottobre 2013).
  28. ^ Senato Interrogazione a risposta scritta, Camera dei Deputati. URL consultato il 3 marzo 2014.
  29. ^ Davide Vecchi, La Sprecopoli Renziana, in Il Fatto Quotidiano, 21 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  30. ^ Giampiero Calapà, Firenze, Danno erariale da 6 milioni nella gestione di Renzi in Provincia, in Il Fatto Quotidiano, 16 settembre 2012. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato il 13 maggio 2014).
  31. ^ Renzi si candida, Domenici contrario, in Corriere della Sera (Milano), 30 settembre 2008, p. 14. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2013).
  32. ^ PRIMARIE. Renzi vince al primo turno con il 40,52 è il candidato sindaco, in La Repubblica (Firenze), 15 febbraio 2009. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 15 marzo 2014).
  33. ^ Simona Poli, Massimo Vanni, Firenze, 37 000 alle primarie dei veleni in testa il picconatore dell'era Domenici, in la Repubblica (Firenze), 16 febbraio 2009, p. 9. URL consultato il 3 marzo 2014.
  34. ^ Risultati elezioni amministrative 2009, Comune di Firenze. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2013).
  35. ^ Direzione nazionale, i membri del Partito Democratico[collegamento interrotto], Direzione nazionale PD. URL consultato il 19 marzo 2013.
  36. ^ Matteo Renzi è il sindaco più amato, in ANSA (Roma), 15 settembre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 18 ottobre 2013).
  37. ^ Gianni Trovati, È il fiorentino Renzi il sindaco più amato d'Italia, in Il Sole 24 ORE, 10 gennaio 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 19 ottobre 2013).
  38. ^ Giampiero Calapà, Perché Renzi è andato ad Arcore?, in Il Fatto Quotidiano, 8 dicembre 2010. URL consultato l'11 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  39. ^ Il popolo di Facebook si divide sull'incontro tra Renzi e il Premier, in Corriere Fiorentino (Firenze), 8 dicembre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 26 febbraio 2015).
  40. ^ Piano strutturale di Firenze, Comune di Firenze. URL consultato il 19 marzo 2013 (archiviato il 14 maggio 2013).
  41. ^ Federica Sanna, Firenze futura volumi zero, in Corriere Fiorentino (Firenze), 15 ottobre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 febbraio 2014).
  42. ^ Marina Perotto, Firenze, è Renzi revolution: auto elettriche in centro e edilizia a volume zero, su ecoblog.it, 15 dicembre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 3 febbraio 2014).
  43. ^ Elena Capra, Monitor città aree metropolitane: sul podio Emiliano (Bari), Doria (Genova), Pisapia (Milano), Datamedia Ricerche, 15 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2013).
  44. ^ Umberto Rosso, "Il Nuovo Ulivo fa sbadigliare è ora di rottamare i nostri dirigenti", in la Repubblica, 29 agosto 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  45. ^ Marco Imarisio, «La guerra fra generazioni è stata un errore Ma basta De Coubertin, proviamo a vincere», in Corriere della Sera (Firenze), 5 novembre 2010, p. 13. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2014).
  46. ^ Maria Zegarelli, Pd, una «Carta» da Firenze Renzi: risorsa non pericolo (PDF), in l'Unità (Roma), 8 novembre 2010, p. 10. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  47. ^ La Carta di Firenze, in la Repubblica (Firenze), 7 novembre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  48. ^ Il Big bang incassa le firme di Ichino, in Corriere Fiorentino (Firenze), 26 ottobre 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 16 ottobre 2013).
  49. ^ Omicidio stradale, via a raccolta firme, in Corriere Fiorentino (Firenze), 1º giugno 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 4 marzo 2014).
  50. ^ Omicidio stradale, su camera.it. URL consultato il 5 aprile 2016 (archiviato il 14 aprile 2016).
  51. ^ E Renzi lancia il "Big Bang", in Corriere della Sera (Roma), 11 ottobre 2011, p. 7. URL consultato il 19 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2012).
  52. ^ Claudio Cerasa, Bang Bang, botte da orbi tra Renzi e Bersani, in Il Foglio (quotidiano), 12 ottobre 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2014).
  53. ^ E il Big bang trova alleati nella lettera di Ichino & Co, in Corriere Fiorentino (Firenze), 24 ottobre 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 4 marzo 2014).
  54. ^ Renzi chiama in adunata i sindaci: al via l'assemblea dei mille, in La Nazione, 22 giugno 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 1º gennaio 2016).
  55. ^ a b Renzi si candida per le primarie: la lunga corsa per vincere è su due camper gemelli, "i fiorentini orgogliosi di me", in La Nazione (Firenze), 28 agosto 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 26 febbraio 2015).
  56. ^ Maria Strada, Renzi lancia la sua sfida: «Chi è deluso da Berlusconi venga da noi», in Corriere della Sera, 13 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  57. ^ Primarie centrosinistra 2012, Bersani e Renzi verso il ballottaggio, in Il Fatto Quotidiano, 25 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 10 aprile 2014).
  58. ^ Primarie, Bersani vola al Sud Renzi ok nelle regioni rosse, in Il Fatto Quotidiano (Roma), 26 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 12 dicembre 2013).
  59. ^ a b Primarie, Bersani stravince: oltre il 60%, in la Repubblica (Roma), 2 dicembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 29 maggio 2014).
  60. ^ Renzi: «100 euro in più al mese in busta paga, meno tasse e meno spesa». L'intervista completa sul Sole 24 Ore, in Il Sole 24 ORE, 12 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 7 gennaio 2014).
  61. ^ a b c d e f Un'altra Italia è già qui: basta farla entrare, Matteo Renzi. URL consultato il 1º dicembre 2015 (archiviato l'8 dicembre 2015).
  62. ^ Finanziatori, su Fondazione Big Bang. URL consultato il 3 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2013).
  63. ^ Renzi, il finanziere Davide Serra in cima alla lista degli sponsor, in il Fatto Quotidiano, 2 aprile 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 6 marzo 2014).
  64. ^ Primarie, Bindi: "Renzi? Messaggi berlusconiani. Lavoro per sconfiggerlo", in Il Fatto Quotidiano, 7 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 19 aprile 2014).
  65. ^ Vendola attacca Renzi: "È lui da rottamare" La replica del sindaco: "Non cado in provocazioni" (Quotidiano Nazionale), 7 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 22 febbraio 2014).
  66. ^ a b Primarie Pd, Fassina contro Renzi: copia le proposte di Bersani, in Il Messaggero (Roma), 8 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 22 febbraio 2014).
  67. ^ Renzi nel fuorionda: «Se perdo porto un po' di amici in Parlamento», in Il Messaggero (Roma), 23 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 marzo 2014).
  68. ^ Pd, fuorionda di Renzi: "Se perdo porterò un po' di amici miei in Parlamento", in Il Fatto Quotidiano, 22 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).
  69. ^ Pd: Renzi, nessun imbarazzo per fuori onda "confermo tutto", 23 novembre 2012 (archiviato l'8 dicembre 2015).
  70. ^ Bersani e Renzi di nuovo insieme: «Basta guerriglie, il Pd è di tutti», in Corriere della Sera, 1°-2 febbraio 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 3 dicembre 2013).
  71. ^ Emilia Patta, Bersani e Renzi, comizio in tandem a Palermo il 21 febbraio per la chiusura della campagna elettorale, in Il Sole 24 ORE (Torino), 9 febbraio 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 3 dicembre 2013).
  72. ^ Grandi elettori, l'escluso Renzi accusa. Bersani: "Chiamate da Roma? Sentite Telecom" (archiviato il 24 ottobre 2017).
  73. ^ Maria Teresa Meli, Scontro Renzi-Bersani, terremoto nel Pd Ex dc in rivolta. Già si contano i franchi tiratori (Roma), 16 aprile 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 16 ottobre 2013).
  74. ^ a b Umberto Rosso, Renzi alla guerra con Bersani e silura Marini e Finocchiaro nella corsa per il Quirinale, in la Repubblica (Roma), 15 aprile 2013, p. 2. URL consultato il 3 marzo 2014.
  75. ^ «Un miserabile» «Da lui offese gravi» Finocchiaro e Marini contro Renzi, in Corriere della Sera, 15 aprile 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 16 ottobre 2013).
  76. ^ Finocchiaro e Marini: "Attacco miserabile". Renzi: "Insultato, vado avanti per il Pd", in la Repubblica (Roma), 15 aprile 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 24 ottobre 2013).
  77. ^ Claudio Tito, Matteo Renzi "Tutti mi chiedono di candidarmi così cambierò il PD", in la Repubblica, 9 luglio 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 31 maggio 2014).
  78. ^ Rudy Francesco Calvo, Renzi e Veltroni per un Pd «cool» che faccia dimenticare Bersani, in Europa, 17 settembre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  79. ^ Franceschini e Areadem si schierano con Renzi, lettera43, 2 settembre 2013. URL consultato il 22 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  80. ^ Ignazio Dessì, Pd, Marina Sereni: "Opportunisti? No, diciamo sì a Renzi perché vuole innovare. Il governo? Meglio che duri", Tiscali, 5 settembre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  81. ^ Laura Secci, Fassino: "Renzi motiva anche i delusi, Cuperlo? È il candidato della nostalgia", in La Stampa (Asti), 20 ottobre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 dicembre 2013).
  82. ^ Primarie Pd, candidati depositano le firme. Si allunga lista dei lettiani pro Renzi, in la Repubblica (Roma), 11 ottobre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 novembre 2013).
  83. ^ Cuperlo: «Mi candido segretario, non reggente», in l'Unità, 10 maggio 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2014).
  84. ^ Giuseppe Civati, Consenso e buonsenso, su ciwati.it, 13 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 10 gennaio 2014).
  85. ^ Pd, Civati: «Voglio un partito di sinistra», in l'Unità, 24 ottobre 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  86. ^ Matteo Pucciarelli, Pd, Renzi parte all'attacco: subito piano per lavoro, scuola e Unioni civili". E "#Beppe firma qua", in la Repubblica (Milano), 15 dicembre 2013. URL consultato il 15 dicembre 2013 (archiviato il 16 dicembre 2013).
  87. ^ Il Presidente Napolitano ha convocato il Segretario Nazionale del PD, Renzi, Presidenza della Repubblica Italiana, 16 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 26 febbraio 2014).
  88. ^ Il Presidente Napolitano ha conferito l'incarico al dottor Matteo Renzi, Presidenza della Repubblica Italiana, 17 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 24 febbraio 2014).
  89. ^ Il Presidente Grasso riceve Matteo Renzi, Senato della Repubblica, 17 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2014).
  90. ^ Camera, Laura Boldrini riceve Matteo Renzi, Camera dei deputati, 17 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 17 marzo 2014).
  91. ^ Renzi a Palazzo Vecchio per l'ultimo Consiglio comunale: «Si va avanti come se niente fosse», in Il Messaggero, 17 febbraio 2014. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato il 22 marzo 2014).
  92. ^ Al via le consultazioni di Renzi. Ecco il calendario., in ASCA (Roma), 18 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2014).
  93. ^ Alessandro Sala, Renzi ha giurato, è ufficialmente premier. Ma lunedì deve ottenere la fiducia dal Senato, in Corriere della Sera, 22 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 1º marzo 2014).
  94. ^ Governo, Renzi ottiene la fiducia al Senato, in Libero, 25 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 marzo 2014).
  95. ^ Renzi alla Camera: abbiamo un'unica chance Passa la fiducia con 378 sì e 220 no, in Corriere della Sera, 25-26 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 2 marzo 2014).
  96. ^ Mattarella eletto al Quirinale con 665 voti: è lui il nuovo presidente della Repubblica, in Repubblica.it, 31 gennaio 2015. URL consultato il 31 gennaio 2015 (archiviato il 31 gennaio 2015).
  97. ^ Renzi e la Buona scuola: «Ecco la mia riforma in cinque punti», in Corriere della Sera. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 14 ottobre 2016).
  98. ^ Antonella De Gregori, Buona Scuola, il referendum per cambiare la legge non si può fare, in Corriere della Sera. URL consultato il 9 dicembre 2017 (archiviato il 10 dicembre 2017).
  99. ^ Europa, A Bologna nasce "l'asse latino", Renzi, Valls e Sanchez contro l'austerità, in Rai News. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 4 marzo 2016).
  100. ^ Tsipras, il tour anti-austerità a Roma. Padoan: "Crescita priorità per la Grecia", in Repubblica.it, 3 febbraio 2015. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 28 luglio 2017).
  101. ^ Gaza, Renzi: "L'Italia appoggia la proposta egiziana". Appello con Al-Sisi per il cessate il fuoco, in rainews. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 4 marzo 2016).
  102. ^ L'Onu e la crisi. Asse Italia-Egitto, Renzi invia Minniti. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 10 marzo 2016).
  103. ^ (EN) Andrea Signorelli, Italicum: il testo e la spiegazione della proposta per la nuova legge elettorale, su Polisblog.it, 14 marzo 2014. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato il 28 marzo 2014).
  104. ^ Italicum è legge, via libera della Camera alla nuova legge elettorale. Renzi supera prova (http://www.ansa.it), 4 maggio 2015. URL consultato il 4 maggio 2015 (archiviato il 5 maggio 2015).
  105. ^ Italicum, la decisione della Consulta: “Ballottaggio incostituzionale”. Ma sopravvive il premio di maggioranza Archiviato il 25 gennaio 2017 in Internet Archive.
  106. ^ Corte costituzionale, sentenza n. 35 del 25 gennaio - 9 febbraio 2017 Archiviato il 17 febbraio 2017 in Internet Archive.
  107. ^ Vista Agenzia Televisiva Nazionale, RENZI: SE PERDO REFERUNDUM RIFORME HO FALLITO IN POLITICA, 29 dicembre 2015. URL consultato il 3 giugno 2019.
  108. ^ Elena Masuelli e Francesco Zaffarano, Referendum: vince il No al 60%, Renzi lascia, su La Stampa, 5 dicembre 2016. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2016).
  109. ^ F.Q., Renzi si è dimesso da presidente del Consiglio: aperta la crisi di governo. Da giovedì le consultazioni, su Il Fatto Quotidiano, 7 dicembre 2016. URL consultato il 9 dicembre 2016 (archiviato l'8 dicembre 2016).
  110. ^ “Se perdo al referendum non mi vedrete più” Tutte le promesse non mantenute di Renzi e Pd, su l'Espresso, 14 dicembre 2016. URL consultato il 1º maggio 2017.
  111. ^ Presidenza della Repubblica Italiana, Il Presidente Mattarella ha ricevuto il Presidente del Consiglio Gentiloni, su Sito Ufficiale della Presidenza della Repubblica, 12 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016 (archiviato il 20 dicembre 2016).
  112. ^ Direzione Pd, ok a mozione per assemblea e congresso subito, in Repubblica.it, 13 febbraio 2017. URL consultato il 21 luglio 2017 (archiviato il 7 luglio 2017).
  113. ^ Ecco la sintesi della mozione congressuale di Matteo Renzi, in l'Unità TV. URL consultato il 21 luglio 2017 (archiviato il 19 aprile 2017).
  114. ^ Lingotto, Renzi apre la kermesse del Pd: "Rivendichiamo il futuro contro la paura", in Repubblica.it, 10 marzo 2017. URL consultato il 21 luglio 2017 (archiviato il 22 luglio 2017).
  115. ^ #PrimariePDI dati definitivi - Partito Democratico, in Partito Democratico, 4 maggio 2017. URL consultato il 21 luglio 2017 (archiviato il 18 luglio 2017).
  116. ^ Sara Dellabella, Le dimissioni incomplete di Matteo Renzi, in Panorama, 5 marzo 2018. URL consultato l'11 marzo 2018.
  117. ^ Matteo Renzi annuncia le dimissioni: "Lascio la guida del Pd dopo la formazione del Governo". Zanda attacca: "Non si danno dimissioni con manovre", in L'Huffington Post, 5 marzo 2018. URL consultato l'11 marzo 2018.
  118. ^ Piera Matteucci, Renzi: "Chi ha perso non può governare, in La Repubblica, 29 aprile 2018.
  119. ^ Crisi di governo, Matteo Renzi: “Folle perdere l’occasione per mandare a casa i sovranisti”, su Fanpage. URL consultato il 5 settembre 2019.
  120. ^ a b Renzi da Vespa lancia il suo partito: si chiamerà Italia Viva, in Il Tempo, 17 settembre 2019.
  121. ^ Niccolò Magnani, Nuovo partito Renzi: nomi e ruoli/ Chi lo segue, chi resta nel Pd e chi lo teme, in Il Sussidiario, 17 settembre 2019.
  122. ^ 18 settembre 2019, titolo=«Italia Viva»: la lista dei (primi) 41 parlamentari che seguono Renzi https://www.ilsole24ore.com/art/italia-viva-lista-primi-41-parlamentari-che-seguono-renzi-ACuIGIl titolo=«Italia Viva»: la lista dei (primi) 41 parlamentari che seguono Renzi.
  123. ^   l'Unità, Renzi, intervista a l'Unità, su YouTube, 16 aprile 2012. URL consultato il 3 marzo 2014.
  124. ^ "Renzi punta a stravolgere il Vecchio Ordine Mondiale", su L'Huffington Post. URL consultato l'8 maggio 2016 (archiviato il 2 giugno 2016).
  125. ^ Perché il liberismo non è di sinistra
  126. ^ Francesco Bei, Renzi-Berlusconi ad Arcore Il Cavaliere: "Tu mi somigli", in la Repubblica (Roma), 7 dicembre 2010. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  127. ^ Berlusconi già in campagna elettorale: «Aboliremo l'Imu, la casa è un pilastro» L'ex premier rinnova il sostegno a Renzi: «Porta avanti le nostre idee». Che risponde: «Lui il primo a essere rottamato», in Corriere della Sera, 16-17 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  128. ^ Primarie: Renzi, a noi voti destra? Abbiamo vinto in regioni rosse, in Adnkronos (Roma), 25 novembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 22 febbraio 2014).
  129. ^ Renzi: "Non vado con Montezemolo", in La Nazione (Firenze), 11 settembre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 13 novembre 2013).
  130. ^   Che tempo che fa, Matteo Renzi a Che tempo che fa, Rai, 8 ottobre 2012, a 25:34. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  131. ^ Quando Renzi era contro le unioni civili | Tempi.it, su www.tempi.it. URL consultato il 24 aprile 2018.
  132. ^ Matteo Renzi: Sì alle unioni civili. Per i politici il matrimonio non è un sacramento, la Nazione, 2 gennaio 2012. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato il 17 aprile 2016).
  133. ^ Intervista. Roccella: «Renzi bocciò i Dico nel 2007 Ora cambia idea per far deragliare Letta», 4 gennaio 2014. URL consultato il 24 aprile 2018.
  134. ^ Unioni civili, senatori dem: sì a fiducia su ddl e stralcio per adozioni stepchild, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 24 aprile 2018.
  135. ^ Referendum/ Il puzzle dei voti, no di Renzi e Chiamparino su acqua, Affaritaliani.it, 4 giugno 2011. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2012).
  136. ^ Maria Teresa Meli, Trivelle, Renzi: «È un referendum bufala. Astensione è legittima», in Corriere della Sera, 14 aprile 2016. URL consultato il 15 marzo 2017 (archiviato l'11 settembre 2017).
  137. ^ Indagini su assunzioni, Corte dei conti condanna Matteo Renzi, in ANSA (Firenze), 5 agosto 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato l'11 novembre 2013).
  138. ^ Danno erariale, condannato Renzi, in Corriere Fiorentino (Firenze), 5 agosto 2011. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 17 marzo 2014).
  139. ^ a b c Paola Settimo, Renzi e la casa: ripreso il fascicolo. La procura: "Usò un'abitazione che pagavano altri". La sua difesa: "Ero semplicemente ospite", su italiapost.info, 20 marzo 2014. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).
  140. ^ La verità su: presunto danno erariale, su matteorenzi.it, 24 settembre 2012. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato il 23 aprile 2014).
  141. ^ Ordinanza n. 26/2014 della Corte dei Conti - Sezione giurisdizionale per la Toscana, emessa il 04/12/2013 e depositata il 27/02/2014.[collegamento interrotto]
  142. ^ Repubblica.it, Renzi: "La Corte dei conti ha annullato mia condanna", su firenze.repubblica.it, 6 febbraio 2015 (archiviato il 12 marzo 2015).
  143. ^ Marco Lillo, Matteo Renzi: assunto, candidato e pensionato in undici giorni, in Il Fatto Quotidiano, 28 marzo 2013. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 21 febbraio 2014).
  144. ^ Esposto alla Guardia di Finanza (PDF), Il Sole 24 Ore, 8 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2013).
  145. ^ Antonio Larizza, Cesare Balbo, Renzi: le spese in Provincia, il conto da 20mila euro e le aziende di famiglia. L'impiegato sfida il sindaco, in Il Sole 24 Ore, 30 ottobre 2012. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato il 28 dicembre 2013).
  146. ^ Renzi rinuncia alla pensione Archiviato il 25 maggio 2014 in Internet Archive.
  147. ^ Ordine di arresto per Maiorano, il grande accusatore di Renzi - ArticoloTre, in Articolo tre, 16 giugno 2014. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2016).
  148. ^ Matteo Renzi incassa il tfr: 48mila euro (lordi) a spese dei contribuenti fiorentini, su Il Fatto Quotidiano, 30 luglio 2015. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 4 aprile 2017).
  149. ^ Renzi rinuncia alla pensione. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 7 dicembre 2016).
  150. ^ Carrai e l’affitto pagato a Renzi Il pm chiede l’archiviazione, in Corriere della Sera. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato il 19 agosto 2016).
  151. ^ Luca Romano, La procura di Firenze apre un fascicolo sulla casa in cui ha vissuto Renzi, in Il Giornale, 20 marzo 2014. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato il 14 aprile 2014).
  152. ^ Andrea Scanzi, Renzi: affitti, Carrai e pensioni. I suoi guai, in Il Fatto Quotidiano, 21 marzo 2014. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato il 23 marzo 2014).
  153. ^ Corriere Fiorentino Archiviato il 19 agosto 2016 in Internet Archive.
  154. ^ Fiorenza Sarzanini, De Benedetti al telefono: «Renzi mi ha detto che il decreto sulle popolari passerà», in Il Corriere della Sera, 10 gennaio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  155. ^ Charlotte Matteini, Banche Popolari, l’intercettazione di De Benedetti: “Il decreto passa, me l’ha detto Renzi”, in Fanpage.it, 10 gennaio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  156. ^ Lorenzo Bagnoli, Angelo Mincuzzi, De Benedetti alla Consob: «Ecco cosa mi ha detto Renzi sulle Popolari», in Il Sole 24 ORE, 11 gennaio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  157. ^ De Benedetti: “Colazione con Renzi e cena con la Boschi. Il Jobs Act è roba mia”, in Il Fatto Quotidiano, 12 gennaio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  158. ^ Renzi compra una villa a Firenze da 1,3 milioni. Lui: ‘Nessun acquisto concluso’. Aveva detto: ‘Sul conto 15mila euro’, in Fatto Quotidiano, 29 giugno 2018.
  159. ^ Raffaello Binelli, Renzi: "La villa da 1,3 milioni di euro? Adesso ho un ottimo stipendio", in Il Giornale, 2 luglio 2018.
  160. ^ Alessandro Cipolla, Renzi: nel 2017 redditi per 29.000 euro, ma a luglio presa una villa da 1,3 milioni, su Money.it, 9 gennaio 2019.
  161. ^ Lca Serrano, La Corte dei conti della Toscana condanna Matteo Renzi per danno erariale, su Repubblica.it, 4 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  162. ^ Statuto della Provincia di Firenze - art. 45 (PDF), su provincia.fi.it. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  163. ^ Renzi condannato dalla Corte dei Conti per una nomina alla Provincia di Firenze, su Sky TG"4- Cronaca, 4 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato il 4 luglio 2019).
  164. ^ Matteo Renzi condannato dalla Corte dei Conti della Toscana per danno erariale. E c'è un altro procedimento aperto, su Il Fatto Quotidiano, 4 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato il 4 luglio 2019).
  165. ^ Premio Letterario "Lilly Brogi La Pergola Arte" 2009, su lapergolaarte.it. URL consultato il 4 maggio 2016 (archiviato il 2 giugno 2016).

Bibliografia

  • David Allegranti, Matteo Renzi. Il rottamatore del Pd, Firenze, Vallecchi, 2011. ISBN 978-88-8427-219-5.
  • David Allegranti, The boy. Matteo Renzi e il cambiamento dell'Italia, Venezia, Marsilio, 2014. ISBN 978-88-317-1754-0.
  • Francesco Anfossi, Aldo Maria Valli, Il vangelo secondo gli italiani 2. I cattolici di Grillo, la fede di Renzi, la vera storia dello Ior... e molto ancora, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2014. ISBN 978-88-215-9219-5.
  • Iginio Ariemma, Il tramonto di una generazione. Dalla fine del PCI al Partito Democratico di Renzi, Roma, Castelvecchi, 2014. ISBN 978-88-6826-229-7.
  • Alessio Aringoli, Rottamare Renzi?, Roma, Editori internazionali riuniti, 2012. ISBN 978-88-359-9196-0.
  • Stefano G. Azzarà, Democrazia cercasi. Dalla caduta del Muro a Renzi: sconfitta e mutazione della sinistra, bonapartismo postmoderno e impotenza della filosofia in Italia, Reggio Emilia, Imprimatur, 2014. ISBN 978-88-6830-183-5.
  • Nello Barile, Brand Renzi. Anatomia del politico come marca, Milano, Egea, 2014. ISBN 978-88-238-3459-0.
  • Luigi Bisignani, Paolo Madron, I potenti al tempo di Renzi. [Da Bergoglio a Mattarella], Milano, Chiarelettere, 2015. ISBN 978-88-6190-712-6.
  • Fabio Bordignon, Il partito del capo. Da Berlusconi a Renzi, Milano-Santarcangelo di Romagna, Apogeo education-Maggioli, 2013. ISBN 978-88-916-0015-8.
  • Fabrizio Boschi, La grande illusione. Matteo Renzi 2004-2014. Dalla Provincia di Firenze a Palazzo Chigi dieci anni di giochi di prestigio, Udine, AMON, 2014. ISBN 978-88-6603-141-3.
  • Stefano Cecchi e Marcello Mancini (a cura di), Renzi. Nascita e successo di un leader bambino con foto inedite e i racconti della moglie Agnese e degli amici, Bologna, Poligrafici editoriale, 2014. ISBN 978-88-97302-02-5.
  • Claudio Cerasa, Le catene della Sinistra. Non solo Renzi. Lobby, interessi, azionisti occulti di un potere immobile, Milano, Rizzoli, 2014. ISBN 978-88-17-07559-6.
  • Marco Damilano, La repubblica del selfie. Dalla Meglio gioventù a Matteo Renzi, Milano, Rizzoli, 2015. ISBN 978-88-17-07900-6.
  • Mario Lavia (a cura di), Il Renzi. 50 parole sul leader che vuole cambiare l'Italia, Roma, Editori internazionali riuniti, 2014. ISBN 978-88-359-9423-7.
  • Mario Lavia, Angela Mauro, Alessandro De Angelis, Ettore Maria Colombo, La volta Buona. L'ascesa di Renzi a Palazzo Chigi, Roma, Editori Internazionali Riuniti, 2014. ISBN 978-88-359-9427-5.
  • Michele De Lucia, Il Berluschino. Il fine e i mezzi di Matteo Renzi, Milano, Kaos, 2014. ISBN 978-88-7953-264-8.
  • Mario Falanga, Fabio Pruneri, Pier Cesare Rivoltella, Milena Santerini, Renzi e la scuola. L'ultima occasione?, Brescia, La Scuola, 2014. ISBN 978-88-350-4008-8.
  • Giuliano Ferrara, Il royal baby. Matteo Renzi e l'Italia che vorrà, Milano, Rizzoli, 2015. ISBN 978-88-17-07953-2.
  • Giorgio Galli, Felice C. Besostri, Daniele V. Comero, L'urna di Pandora delle riforme. Renzi, le riforme istituzionali e l'Italicum, Milano, Biblion, 2014. ISBN 978-88-96177-98-3.
  • Gianpiero Gamaleri, Ester Gandini Gamaleri, Media: a ciascuno il suo. Le mail di Obama, il blog di Grillo, i tweet di Renzi, la TV di Berlusconi, Roma, Armando, 2014. ISBN 978-88-6677-728-1.
  • Diego Giorgi, L'Italia di Matteo Renzi. Cronaca di un eterno futuro, Arezzo, Fuori onda, 2013. ISBN 978-88-97426-39-4.
  • Claudio Giunta, Una sterminata domenica. Saggi sul paese che amo, Bologna, Il mulino, 2013. ISBN 978-88-15-24715-5.
  • Giuseppe Pino Màcino, Pupari e pupi. Un anno italiano: dall'elezione del sindaco di San Procopio all'incoronazione di Renzi, Città di Castello, Nuova prhomos, 2014. ISBN 978-88-6853-023-5.
  • Paolo Marcolisi, Matteo il grande comunicatore. Storia e ascesa di Matteo Renzi, Siena, Barbera, 2013. ISBN 978-88-7899-613-7.
  • Giorgio Merlo, Renzi e la classe dirigente, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2014. ISBN 978-88-498-4277-7.
  • Stefano Natoli, Un anno vissuto pericolosamente. Matteo Renzi e il futuro dell'Italia, Roma, Castelvecchi, 2015. ISBN 978-88-6944-125-7.
  • Salvatore Patriarca, Adesso Renzi. I pensieri del rottamatore, Milano-Udine, Mimesis, 2012. ISBN 978-88-575-1466-6.
  • Pierfranco Pellizzetti, Fenomenologia di Matteo Renzi, Manifestolibri, Roma, 2016. ISBN 978-88-7285-858-5.
  • Enrica Perucchietti, Il lato B. di Matteo Renzi. Biografia non autorizzata, Cesena, Arianna, 2014. ISBN 978-88-6588-071-5.
  • Simona Poli, Massimo Vanni, Il seduttore. Matteo Renzi e la sinistra rosé, Siena, Barbera, 2013. ISBN 978-88-7899-646-5.
  • Paolo Posteraro, Povera Italia. Da Craxi a Renzi: i peggiori anni della nostra vita, Roma, Newton Compton, 2014. ISBN 978-88-541-6795-7.
  • Umberto Ranieri, Napolitano, Berlinguer e la luna. La sinistra riformista tra il comunismo e Renzi, Venezia, Marsilio, 2014. ISBN 978-88-317-1567-6.
  • Pippo Russo, Il tempo nuovo (?) di Matteo Renzi. I cento giorni della fiduciosa speranza dalla vittoria alle primarie alla guida del Paese, Reggio Emilia, Imprimatur, 2014. ISBN 978-88-6830-110-1.
  • Duccio Tronci, Chi comanda Firenze. Le metamorfosi dei poteri e i suoi retroscena attraverso la figura di Matteo Renzi, Roma, Castelvecchi Rx, 2013. ISBN 978-88-7615-741-7.
  • Davide Vecchi, L'intoccabile. [Matteo Renzi, la vera storia], Milano, Chiarelettere, 2014. ISBN 978-88-6190-631-0.
  • Sofia Ventura, Renzi & Co... Il racconto dell'era nuova, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2015. ISBN 978-88-498-4358-3.
  • Vincino, La cavalcata di Renzi. Come in sei mesi conquistò tutto, Milano, Cairo, 2014.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN81172321 · ISNI (EN0000 0000 5659 1453 · SBN IT\ICCU\LO1V\377718 · LCCN (ENn2009069008 · GND (DE13347514X · BNF (FRcb17063162x (data) · WorldCat Identities (ENn2009-069008