Apri il menu principale

Giusy Consoli

disc jockey e produttrice discografica italiana
(Reindirizzamento da Giuseppe Consoli)
Giusy Consoli DJ
Giusy consoli.jpg
La deejay durante una performance a Vasto, nel 2007
NazionalitàItalia Italia
GenereElectro
Periodo di attività musicale1995 – in attività
EtichettaMolto Recordings
Serial Killer Vinyl
Sound Division
Trend Discotec

Giusy Consoli, nome d'arte di Giusy Valentina Consoli (Catania, 30 maggio 1967), è una disc jockey, musicista e produttrice discografica italiana.

Indice

BiografiaModifica

Nata di sesso maschile con il nome Giuseppe Consoli[1], lasciò Catania da piccola siccome la famiglia si trasferì a Bovisio Masciago nell'hinterland milanese, dove abitò fino ai 18 anni. Al compimento della maggiore età decise di andare a vivere a Modena, dove per campare fece vari lavori, tra cui l'estetista.[2]

In quel periodo inizia a frequentare le discoteche di Riccione assieme all'amico Giuliano Bavutti, e si fa notare per l'abbigliamento eccentrico e firmato, e l'esuberanza in pista. Si impone come personaggio nel clubbing di tendenza «dopo anni di strada, dopo notti interminabili a ballare nelle disco come attrazione fuori ordinanza».[3]

Inizia a lavorare come animatrice transessuale della Villa delle Rose, locale di Misano Adriatico nei pressi di Riccione, nella prima metà degli anni novanta. Poi al Cocoricò, a Le Plaisir di Desenzano del Garda, quindi a Roma e Milano.[2] Già nel 1994 è considerata «una delle transessuali più famose che anima le notte roventi nelle discoteche di Riccione, Bologna, Reggio Emilia» [3], e nello stesso periodo offre una buona prova da attrice interpretando il personaggio di Valeria nel film Padre e figlio di Pasquale Pozzessere (1994).[3] [4] [5]

Nello stesso anno è vittima di un'aggressione nella quale rischia di essere uccisa, riportando seri problemi al collo, e la notizia ha risonanza nazionale.[3] [6]

Nel 1995 è ideatrice, assieme all'amico Giuliano, di quello che diverrà uno dei teadance più noti e discussi d'Italia: Les Folies de Pigalle di Reggio Emilia.[2]

Dal 2002 produce musica per l'etichetta Sound Division[7], continuando l'attività di deejay dal vivo e la gestione di locali e serate disco.[2]

DiscografiaModifica

EPModifica

  • 2004 – This Is Not A Love Song (feat. Dania Mode)
  • 2009 – Pacific Symphony
  • 2010 – Get Higher (feat. Luca G)

Gianluca Catra, Enrico Ruini & Giusy ConsoliModifica

  • 2014 – Illusions

SingoliModifica

  • 2005 – Give Me Something Special
  • 2008 – Pornographic Movies

Con MarcolinoModifica

  • 2002 – More Than I Had (feat. Dania Mode)

Con Max BModifica

Con Marco Bonuso & Alì FarahaniModifica

  • 2007 – Persian Dream (feat. Sima Bina)

Con Enrico RuiniModifica

  • 2012 – Club

RaccolteModifica

  • 2006 – Mandioro Les Folies De Pigalle (mixato da Giusy Consoli, EP)
  • 2007 – Les Folies De Pigalle Vol. 3 (mixato da Giusy Consoli)

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Bio Giusy Consoli – Dj & Produttrice, su Papido.it. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  2. ^ a b c d Elena Viale, Giusy Consoli: la rivoluzione sessuale nel clubbing italiano, su Noisey, Vice Media LLC, 17 febbraio 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  3. ^ a b c d Boni Beppe, "Non sei una donna, ti uccido": Drammatica avventura per Giusy Consoli, 27 anni, famoso transessuale protagonista di un film con Michele Placido, su Corriere della Sera.it, RCS Quotidiani Spa, 16 settembre 1994. URL consultato il 20 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2009).
  4. ^ Roberto Chiti, Enrico Lancia e Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano: i film, su Google Libri, Gremese Editore, 2002, pp. 96-97, ISBN 8884401372. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  5. ^ Padre e figlio, su Comingsoon.it, Anicaflash S.r.l.. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  6. ^ Paola Cascella, Tenta di strangolare Giusy, trans famoso, su la Repubblica.it, GEDI Gruppo Editoriale S.p.A., 16 settembre 1994. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  7. ^ (EN) Giusy Consoli, su Discogs, Zink Media, Inc.. URL consultato il 6 ottobre 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34695770 · ISNI (EN0000 0004 5864 276X · BNF (FRcb145451911 (data)