Apri il menu principale
Autoritratto, ca 1790

Giuseppe Errante (Trapani, 19 marzo 1760Roma, 16 febbraio 1821) è stato un pittore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Trapani, in Sicilia. Fece un periodo di apprendistato nello studio di uno scultore trapanese Domenico Nolfo. Poi studiò a Palermo sotto Gioacchino Martorana. Nel 1784 si era trasferito a Roma. Nel 1791, è stato impiegato nei lavori alla Reggia di Caserta. In quegli anni a Napoli frequentò il paesaggista Jakob Philipp Hackert.

Arrivato a Milano nel 1795, con il favore del generale francese André Masséna, ha presentato nel 1806 nel corso della visita di Napoleone, alla Pinacoteca di Brera una serie di dipinti di contenuto mitologico e allegorico[1]. Antonio Rancati e Giovanni Bigatti furono i suoi due principali e promettenti allievi.

Si stabilì a Roma nel 1810. Oltre a soggetti storici, dipinse ritratti, in cui era particolarmente dotato. Morì in quella città nel 1821, ed è sepolto nella chiesa romana di San Salvatore.

Uno dei suoi studenti a Roma è stato il ritrattista catanese Giuseppe Gandolfo.

OperaModifica

Inizialmente influenzato dal tardo barocco siciliano, ha poi seguito lo studio della pittura di Correggio e l'eclettismo classico di Anton Raphael Mengs. Molte delle sue opere sono presenti in una collezione privata francese. La sua opera principale è l'affresco della cupola delle anime del purgatorio nella chiesa Santa Maria dell'Orazione e Morte a Civitavecchia (1788).

Considerevoli sono l'affresco Nozze di Cupido con Psiche nel Palazzo Altieri a Roma (1793) e la Natura morta con fucili e pistole al Museo Regionale Agostino Pepoli a Trapani.

Altre opereModifica

CuriositàModifica

Fuggì da Nisida con lo pseudonimo di Giuseppe Pellegrini[2], emigrò ad Ancona e a Milano, dove il generale Giuseppe Rosaroll e Pietro Grisetti gli dedicarono l'opera sulla scherma[3].

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe M. Di Ferro, Biografia degli uonimi illustri trapanesi, (1830), pp 70-95
  2. ^ Francesco Lomonaco, Rapporto al cittadino Carnot sulla catastrofe napoletana del 1799, note e cura di Mariano D'Ayala e Angelo Lanzellotti, Napoli, tip. M. Lombardi, 1861, p.XVI.
  3. ^ Giuseppe Rosaroll Scorza e Pietro Grisetti, La scienza della scherma, Milano, nella stamperia del "Giornale Italico", 1803.

BibliografiaModifica

  • Francesco Cancellieri, "Memorie intorno alla vita ed alle opere del pittore Giuseppe Errante", 1824
  • Salvatore Valenti, Errante, pittore trapanese, presentazione di Gaetano Bongiovanni, Trapani, 2011
  • Gaetano Bongiovanni, Errante neoclassico: nuove acquisizioni, in "Quaderni del Museo archeologico regionale Antonino Salinas", n.9, 2003, pp.125-134

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1125408 · ISNI (EN0000 0000 7819 7246 · LCCN (ENno2010076341 · GND (DE130651001 · ULAN (EN500048323 · CERL cnp00698628