Gloria Anzaldúa

scrittrice statunitense

Gloria Evangelina Anzaldúa (Harlingen, 26 settembre 1942Santa Cruz, 15 maggio 2004) è stata un'accademica e scrittrice statunitense di teoria culturale chicana, teoria femminista e teoria queer. Il suo libro più famoso dal titolo Borderlands / La Frontera: The New Mestiza è ispirato alla sua vita al confine tra Messico e Texas e raccoglie le sue esperienze di emarginazione sociale e culturale.

Gloria Evangelina Anzaldúa

Primi anni e istruzioneModifica

Anzaldúa nacque nella valle Rio Grande, nel sud del Texas, da Urbano Anzaldúa e Amalia Anzaldúa nata García. Era un discendente di molti dei più importanti esploratori e coloni spagnoli arrivati nelle Americhe nel XVI e XVII secolo e aveva anche origini indigene. Il suo cognome è di origine basca.

Quando aveva undici anni, la sua famiglia si trasferì a Hargill.[1] Nel 1968 conseguì una laurea in inglese, arte e istruzione secondaria presso l'Università del Texas-Panamericana e un master in inglese e istruzione presso l'Università del Texas ad Austin, dove si unì a poeti culturali politicamente attivi e drammaturghi radicali come Ricardo Sanchez e Hedwig Gorski.

Carriera e opere principaliModifica

Dopo aver conseguito un Bachelor of Arts in inglese presso l'allora Pan American University (ora University of Texas Rio Grande Valley), lavorò come insegnante di scuola materna e di educazione speciale. Nel 1977 si trasferì in California, dove iniziò a scrivere, a tenere conferenze e occasionalmente ad insegnare femminismo, cultura chicana e scrittura creativa presso la San Francisco State University, l'Università della California, Santa Cruz, la Florida Atlantic University e altri atenei.

È forse più famosa per aver curato This Bridge Called My Back: Writings by Radical Women of Color (1981) con Cherríe Moraga e Making Face, Making Soul / Haciendo Caras: Creative and Critical Perspectives di Women of Color (1990), e co-editing This Bridge We Call Home: Radical Visions for Transformation (2002). Inoltre scrisse l'opera semi-autobiografica Borderlands / La Frontera: The New Mestiza (1987). Al momento della sua morte era vicina al completamento del manoscritto del libro Light in the Dark / Luz en lo Oscuro: Rewriting Identity, Spirituality, Reality, che aveva anche pianificato di presentare come sua dissertazione. Fu pubblicato postumo dalla Duke University Press (2015). I suoi libri per bambini includono Prietita Has a Friend (1991), Friends from the Other Side   - Amigos del Otro Lado (1993) e Prietita y La Llorona (1996). Inoltre fu autrice di molte opere di fantasia e poetiche.

Numerosi sono i suoi contributi ai campi del femminismo, della teoria culturale chicana e della teoria queer.[2] I suoi saggi sono considerati testi fondamentali nel campo fiorente della filosofia Latinx.[3][4][5]

Scrisse un discorso intitolato Speaking in Tongues: A Letter to Third World Women Writers concentrandosi sul passaggio verso una rappresentazione di genere equa e giusta nella letteratura ma lontano dalle questioni razziali e culturali a causa dell'ascesa di scrittrici e teoriche donne. Inoltre sottolineò il potere della scrittura per creare un mondo che compensi ciò che il mondo reale non offre.[6]

This Bridge Called My BackModifica

Il saggio La Prieta tratta della sua manifestazione di pensieri e orrori che hanno costituito la sua vita in Texas. Anzaldúa si identifica come un'entità senza una casa figurativa e / o persone con cui relazionarsi completamente. Per completare questa carenza crea il suo santuario Mundo Zurdo in base al quale la sua personalità trascende le linee basate sulla norma di relazionarsi con un certo gruppo. Invece nel suo Mundo Zurdo è come uno "Shiva, un corpo con molte braccia e gambe con un piede su terra bruna, uno su bianco, uno nella società eterosessuale, uno nel mondo gay, nel mondo degli uomini, delle donne, un arto nel mondo letterario, un altro nella classe operaia, nel mondo socialista e in quello occulto".[7] Il brano descrive le battaglie di identità che l'autore ha dovuto affrontare per tutta la sua vita. Sin dalla prima infanzia Anzaldúa dovette affrontare la sfida di essere una donna di colore. Fin dall'inizio fu esposta alla sua gente, al razzismo della sua famiglia e alla "paura delle donne e della sessualità".[8] Il razzismo interiorizzato della sua famiglia la classificò immediatamente come "l'altra" a causa del loro pregiudizio secondo cui essere bianca e di carnagione chiara significhi prestigio e regalità, quando il colore sottomette uno ad essere quasi la feccia della società (proprio come sua madre si era lamentata dei suoi appuntamenti a prieta con un mojado dal Perù). La famiglia in cui crebbe era quella in cui la figura maschile era il capo autoritario, mentre la madre era bloccata in tutti i pregiudizi di questo paradigma. Sebbene questa fosse la posizione difficile in cui la società patriarcale bianca aveva scelto donne di colore, gay e lesbiche, lei non le considera l'arcinemico, perché credeva che "lanciare pietre non fosse la soluzione"[9] e che razzismo e sessismo non provenivano solo dai bianchi ma anche dalle persone di colore. Per tutta la vita, il razzismo interiore e il sessismo della sua infanzia l'avrebbero perseguitata, poiché spesso le veniva chiesto di scegliere la sua lealtà, sia che si trattasse di donne, persone di colore o gay / lesbiche. La sua analogia con Shiva è ben adattata, poiché decide di andare contro queste convenzioni ed entrare nel suo mondo Mundo Zurdo, che consente al sé di andare più in profondità, di trascendere le linee di convenzione e, allo stesso tempo, di ricreare il sé e la società. Questa è per Anzaldúa una forma di religione, quella che permette al sé di affrontare le ingiustizie che la società le lancia e di uscire come una persona migliore, una persona più ragionevole.

Una voce nel libro intitolata Speaking In Tongues: A Letter To Third World Women Writers mette in luce i pericoli che le donne scrittrici di colore affrontano, e questi pericoli sono radicati nella mancanza di privilegi. Parla della trasformazione degli stili di scrittura e di come ci viene insegnato a non esprimere le nostre verità. Le persone vengono emarginate perché parlano e scrivono con le loro lingue native. Anzaldúa vuole che più donne scrittrici di colore siano visibili e ben rappresentate nel testo. Il suo saggio ci obbliga a scrivere con compassione e con amore. Perché la scrittura è una forma per guadagnare potere pronunciando le nostre verità, ed è vista come un modo per decolonizzare, resistere e unire le donne di colore collettivamente all'interno del movimento femminista.

Borderlands / La Frontera: The New MestizaModifica

È molto conosciuta per questo libro semi-autobiografico, che parla della sua vita crescendo al confine tra Messico e Texas. È stato selezionato come uno dei 38 migliori libri del 1987 dal Library Journal. Borderlands esamina la condizione delle donne nella cultura chicana e latina. Anzaldúa discute diverse questioni critiche legate alle esperienze di una chicana: eteronormatività, colonialismo e dominio maschile. Dà un resoconto molto personale dell'oppressione delle lesbiche chicane e parla delle aspettative di comportamento di genere che normalizzano la deferenza delle donne verso l'autorità maschile nella sua comunità. Sviluppa l'idea della "nuova meticcia" come una "nuova coscienza superiore" che abbatterà le barriere e combatterà contro le norme dualistiche di genere maschile / femminile. La prima metà del libro parla dell'isolamento e della solitudine nelle terre di confine tra le culture. L'ultima metà del libro è poesia. Nel libro, Anzaldúa utilizza due varianti dell'inglese e sei varianti dello spagnolo. In questo modo, rende deliberatamente difficile la lettura per i non bilingui. La lingua era una delle barriere affrontate da Anzaldúa da bambina e voleva che i lettori capissero quanto siano frustranti le cose quando ci sono barriere linguistiche. Il libro è stato scritto come uno sfogo alla sua rabbia e incoraggia ad essere orgogliosi della propria eredità e cultura.[10]

Light in the Dark⁄Luz en lo Oscuro: Rewriting Identity, Spirituality, Reality

Anzaldúa scrisse Light in the Dark durante l'ultimo decennio della sua vita. L'opera è tratta dalla sua dissertazione incompiuta per il suo dottorato di ricerca in letteratura presso l'Università della California, Santa Cruz e rappresenta la sua filosofia più sviluppata.[11] In Light in the Dark, Anzaldúa intreccia narrazioni personali in letture teoriche profondamente coinvolgenti per commentare numerose questioni contemporanee, inclusi gli attacchi dell'11 settembre, le pratiche neocoloniali nel mondo dell'arte e la politica di coalizione. Valorizza forme e metodi subalterni di conoscere, essere e creare che sono stati marginalizzati dal pensiero occidentale e teorizza il suo processo di scrittura come pratica artistica, spirituale e politica pienamente incarnata. Light in the Dark contiene molteplici teorie trasformative, tra cui le nepantleras, l'imperativo Coyolxauhqui, l'attivismo spirituale ecc.

Temi trattatiModifica

NepantlismoModifica

Anzaldúa attinse a Nepantla, una parola nahuatl che significa "nel mezzo" per concettualizzare la sua esperienza di donna chicana, coniando il termine nepantlera. "I nepantleras sono persone soglia: si muovono all'interno e tra mondi multipli, spesso in conflitto, e rifiutano di allinearsi esclusivamente con ogni singolo individuo, gruppo o sistema di credenze".[12]

SpiritualitàModifica

Anzaldua si descriveva come una persona molto spirituale e dichiarò di aver vissuto quattro esperienze extracorporee durante la sua vita. In molte delle sue opere fa riferimento alla sua devozione per la Madonna di Guadalupe, per le divinità nahuatl e tolteche, e per il yoruba Orisha Yemayá e Oshun.[13] Nel 1993 espresse rammarico per il fatto che gli studiosi avessero in gran parte ignorato gli aspetti spirituali "non sicuri" di Borderlands e lamentarono la resistenza a una parte così importante del suo lavoro.[14] Nei suoi scritti successivi sviluppò i concetti di attivismo spirituale e nepantleras per descrivere i modi in cui gli attori sociali contemporanei possono combinare la spiritualità con la politica per attuare un cambiamento rivoluzionario.

Lingua e "terrorismo linguistico"Modifica

Le opere di Anzaldua intrecciano inglese e spagnolo come un'unica lingua, un'idea che nasce dalla sua teoria dell'identità "borderlands". Il suo saggio autobiografico La Prieta è stato pubblicato (principalmente) in inglese in This Bridge Called My Back, e in (principalmente) spagnolo in Esta puente, mi espalda: Voces de mujeres tercermundistas en los Estados Unidos. Nella sua scrittura, Anzaldúa utilizza una miscela unica di otto dialetti, due varianti dell'inglese e sei dello spagnolo. In molti modi, scrivendo in un mix di lingue, crea un compito arduo per il lettore non bilingue per decifrare il pieno significato del testo. La lingua, chiaramente uno dei confini affrontati da Anzaldúa, è una caratteristica essenziale della sua scrittura. Il suo libro è dedicato all'essere orgogliosi della propria eredità e al riconoscimento delle molte dimensioni della sua cultura.[1]

Anzaldúa sottolinea nella sua scrittura la connessione tra lingua e identità. Esprime sgomento per le persone che hanno rinunciato alla loro lingua madre per conformarsi alla società in cui si trovano. Fu spesso rimproverata per il suo accento spagnolo improprio e credeva che fosse un aspetto forte della sua eredità, pertanto, etichetta l'etichettatura qualitativa del linguaggio "terrorismo linguistico".[15] Trascorse molto tempo a promuovere l'accettazione di tutte le lingue e gli accenti.[16] Nel tentativo di esporre la sua posizione sulla linguistica e le etichette spiegò: "Mentre io sostengo di mettere chicana, tejana, poeta della classe operaia e del femminismo, scrittrice teorica davanti al mio nome, lo faccio per ragioni diverse da quelle della cultura dominante ... in modo che la chicana e la lesbica e tutte le altre persone in me non vengano cancellate, omesse o uccise."[17]

Salute e corpoModifica

Anzaldúa ebbe le prime mestruazioni quando aveva solo tre mesi, un sintomo della condizione endocrina che le fece smettere di crescere fisicamente all'età di dodici anni.[18] Da bambina indossava cinture speciali modellate per lei dalla madre per mascherare il suo precoce sviluppo sessuale, e indossava un panno nelle mutande in caso di sanguinamento. Anzaldúa ricorda: "Portavo [i panni insanguinati] in questo capanno, li lavavo e li appendevo molto in basso su un cactus in modo che nessuno li vedesse.... I miei genitali... [erano] sempre un luogo puzzolente che gocciolava sangue e doveva essere nascosto." In seguito subì un'isterectomia nel 1980 quando aveva 38 anni per affrontare anomalie uterine, cervicali e ovariche.[14]

Mestiza e cultura di confineModifica

Uno dei suoi contributi principali fu la sua introduzione al pubblico accademico degli Stati Uniti del termine mestizaje, che significa uno stato di essere al di là della concezione binaria. Nei suoi lavori teorici descriveva una mestizaje come un individuo consapevole delle sue identità contrastanti e intrecciate e che utilizza questi "nuovi angoli di visione" per sfidare il pensiero binario nel mondo occidentale. Le "terre di confine" a cui si riferisce nella sua scrittura sono geografiche e un riferimento a razze miste, eredità, religioni, sessualità e lingue. Anzaldúa era interessata principalmente alle contraddizioni e giustapposizioni di identità contrastanti e intersecanti. Sottolinea che doversi identificare come un sesso certo, etichettato, può essere dannoso per la propria creatività e per quanto seriamente le persone ti prendono come produttore di beni di consumo.[19] Il modo di pensare della "nuova meticcia" è illustrato nel femminismo postcoloniale.[20]

Anzaldúa invitò persone di etnie diverse a confrontarsi con le loro paure per andare avanti in un mondo meno odioso e più utile. Ne La Conciencia de la Mestiza: Towards a New Consciousness, un testo spesso usato nei corsi di studio delle donne, Anzaldúa insiste sul fatto che il separatismo invocato dai chicani non stesse promuovendo la causa, ma piuttosto mantenendo la stessa divisione razziale in atto. Molte delle opere di Anzaldúa sfidano lo status quo dei movimenti in cui fu coinvolta. Sfidò questi movimenti nel tentativo di far accadere un vero cambiamento al mondo piuttosto che a gruppi specifici. La studiosa Ivy Schweitzer scrive: "la sua teoria di una nuova coscienza di confine o meticciato ha aiutato ad avviare nuove indagini in diversi campi: femminista, americanista [e] postcoloniale".[21]

SessualitàModifica

Allo stesso modo in cui Anzaldúa scriveva spesso che sentiva di non poter essere classificata solo come parte di una razza o dell'altra, sentiva di possedere una multi-sessualità. Crescendo, dichiarò di sentire una "sessualità intensa" nei confronti di suo padre, degli animali e persino degli alberi. Era attratta e in seguito ebbe relazioni sia con uomini che con donne, sebbene nella maggior parte dei suoi scritti si identificasse come lesbica.[14] Anzaldúa scrisse molto sulla sua identità queer e sull'emarginazione di queste persone, in particolare nelle comunità non bianca.[22]

FemminismoModifica

Anzaldúa si identifica nella sua scrittura come femminista e le sue opere principali sono spesso associate al femminismo chicano e al femminismo postcoloniale. Scrisse dell'oppressione che sperimentò specificamente come donna non bianca, così come dei ruoli di genere restrittivi che esistono all'interno della comunità chicana. In Borderlands affronta anche argomenti come la violenza sessuale perpetrata contro le donne non bianche.[23] Il suo lavoro teorico sulla cultura di confine è considerato un precursore della filosofia Latinx.[24]

PremiModifica

  • Before Columbus Foundation American Book Award (1986) - This Bridge Called My Back: Writings by Radical Women of Color[25]
  • Lambda Lesbian Small Book Press Award (1991)[26]
  • Premio per i diritti delle lesbiche (1991)[27]
  • Sappho Award of Distinction (1992)
  • National Endowment for the Arts Fiction Award (1991)[28]
  • Premio alla carriera dell'American Studies Association (Premio Bode-Pearson - 2001).[29]

Inoltre, il suo lavoro Borderlands / La Frontera: The New Mestiza è stato riconosciuto come uno dei 38 migliori libri del 1987 dal Library Journal e uno dei migliori 100 libri del secolo sia dal Hungry Mind Review che dall'Utne Reader.

Nel 2012 fu nominata da Equality Forum come una delle 31 icone del mese della storia LGBT.[30]

MorteModifica

Morì nel 2004 nella sua casa di Santa Cruz, in California, per complicazioni dovute al diabete. Al momento della sua morte stava lavorando al completamento della sua dissertazione per ricevere il dottorato in lettere presso l'Università della California, Santa Cruz, assegnatole postumo nel 2005.[31]

OpereModifica

  • This Bridge Called My Back: Writings by Radical Women of Color (1981), co-edited with Cherríe Moraga, 4th ed., Duke University Press, 2015. ISBN 0-943219-22-1
  • Borderlands/La Frontera: The New Mestiza (1987), 4th ed., Aunt Lute Books, 2012. ISBN 1-879960-12-5
  • Making Face, Making Soul/Haciendo Caras: Creative and Critical Perspectives by Feminists of Color, Aunt Lute Books, 1990. ISBN 1-879960-10-9
  • Interviews/Entrevistas, edited by AnaLouise Keating, Routledge, 2000. ISBN 0-415-92503-7
  • This Bridge We Call Home: Radical Visions for Transformation, co-edited with AnaLouise Keating, Routledge, 2002. ISBN 0-415-93682-9
  • The Gloria Anzaldúa Reader, edited by AnaLouise Keating. Duke University Press, 2009. ISBN 978-0-8223-4564-0
  • Light in the Dark/Luz en lo Oscuro: Rewriting Identity, Spirituality, Reality, edited by AnaLouise Keating, Duke University Press, 2015. ISBN 978-0-8223-6009-4

Libri per bambiniModifica

  • Prietita Has a Friend (1991)
  • Friends from the Other Side / Amigos del Otro Lado (1995)
  • Prietita y La Llorona (1996)
  • La fea (1958)

NoteModifica

  1. ^ a b voices.cla.umn.edu, http://voices.cla.umn.edu/artistpages/anzaldua.php.
  2. ^ www.umich.edu, http://www.umich.edu/~ac213/student_projects05/cf/issuestheory.html.
  3. ^ Theories of the flesh : Latinx and Latin American feminisms, transformation, and resistance, Pitts, Andrea J.,, Ortega, Mariana,, Medina, José, New York, NY, ISBN 978-0-19-006300-9, OCLC 1141418176.
  4. ^ (EN) Mariana Alessandri, Gloria Anzaldúa as philosopher: The early years (1962–1987), in Philosophy Compass, n/a, n/a, 2020, pp. e12687, DOI:10.1111/phc3.12687, ISSN 1747-9991 (WC · ACNP).
  5. ^ Ortega, Mariana, In-between : Latina feminist phenomenology, multiplicity, and the self, Albany, New York, ISBN 978-1-4384-5977-6, OCLC 908287035.
  6. ^ Keating (ed.), The Gloria Anzaldúa Reader (2009), pp. 26-36.
  7. ^ (205)
  8. ^ (198)
  9. ^ (207)
  10. ^ www.uhu.es, http://www.uhu.es/antonia.dominguez/latinas/anzaldua.htm.
  11. ^ (EN) Light in the Dark⁄Luz en lo Oscuro, in Duke University Press. URL consultato il 16 maggio 2017.
  12. ^ okcir.com, http://www.okcir.com/Articles%20IV%20Special/AnaLouiseKeating-FM.pdf.
  13. ^ Anzaldúa, Gloria E. Light in the Dark/Luz en lo Oscuro: Rethinking Identity, Spirituality, Reality. Durham and London: Duke, 2015.
  14. ^ a b c Anzaldúa, Gloria with AnaLouise Keating. Interviews/Entrevistas. New York: Routledge, 2000.
  15. ^ What is Linguistic Terrorism?, The Gloria E. Anzaldúa Foundation
  16. ^ About Gloria, The Gloria E. Anzaldúa Foundation
  17. ^ Anzaldúa, G. (1998). "To(o) Queer the Writer—Loca, escritora y chicana." In C. Trujillo (Ed.), Living Chicana Theory (pp. 264). San Antonio, TX: Third Woman Press.
  18. ^ Gloria Anzaldúa, "La Prieta," The Gloria Anzaldúa Reader, ed. AnaLouise Keating, Duke University Press, 2009, p. 39.
  19. ^ Gloria Anzaldúa, "To(o) Queer the Writer—Loca, escritoria y chicana", Invasions; writings by Queers, Dykes and Lesbians, 1994
  20. ^ {https://www.jstor.org/stable/10.5406/femteacher.21.1.0001
  21. ^ Ivy Schweitzer, For Gloria Anzaldúa: Collecting America, Performing Friendship, in PMLA, vol. 121, 1, Special Topic: The History of the Book and the Idea of Literature, Jan 2006, pp. 285–291, DOI:10.1632/003081206x129774.
  22. ^ Tace Hedrick, Queering the Cosmic Race: Esotericism, Mestizaje, and Sexuality in the Work of Gabriela Mistral and Gloria Anzaldúa, in Aztlan: A Journal of Chicano Studies, vol. 34, n. 2, 1º September 2009, pp. 67–98. URL consultato il 26 September 2017.
  23. ^ Gloria Anzaldua, Borderlands/La Frontera: The New Mestiza, Aunt Lute Books.
  24. ^ Latin American and Latinx philosophy : a collaborative introduction, Sanchez, Robert Eli, Jr., New York, NY, 2019, ISBN 978-1-138-29585-8, OCLC 1104214542.
  25. ^ American Booksellers Association, Copia archiviata, su bookweb.org, 2013. URL consultato il 23 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
    «1986 [...] A Bridge Called My Back: Writings by Radical Women of Color, edited by Cherrie Moraga and Gloria Anzaldua»
  26. ^ www.readersread.com, http://www.readersread.com/awards/lambda.htm.
  27. ^ Frances Ann Day, Gloria Anzaldúa, in Latina and Latino Voices in Literature: Lives and Works, Westport, Connecticut, Greenwood, 2003, p. 80, ISBN 978-0-313-32394-2.
  28. ^ NEA_lit_mech_blue.indd Archiviato il 19 novembre 2009 in WebCite.
  29. ^ www.theasa.net, http://www.theasa.net/prizes_and_grants/awards_and_prizes/.
  30. ^ lgbthistorymonth.com, http://lgbthistorymonth.com/gloria-anzaldua?tab=biography.
  31. ^ currents.ucsc.edu, http://currents.ucsc.edu/05-06/04-17/cisneros.asp.

BibliografiaModifica

  • Adams, Kate. "Northamerican Silences: History, Identity, and Witness in the Poetry of Gloria Anzaldúa, Cherríe Moraga, and Leslie Marmon Silko." Eds. Elaine Hedges and Shelley Fisher Fishkin. Listening to Silences: New Essays in Feminist Criticism. NY: Oxford UP, 1994. 130-145. Print.
  • Alarcón, Norma. "Anzaldúa's Frontera: Inscribing Gynetics." Eds. Smadar Lavie and Ted Swedenburg. Displacement, Diaspora, and Geographies of Identity. Durham: Duke UP, 1996. 41-52. Print
  • Alcoff, Linda Martín. "The Unassimilated Theorist." PMLA 121.1 (2006): 255-259 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Almeida, Sandra Regina Goulart. "Bodily Encounters: Gloria Anzaldúa's Borderlands / La Frontera." Ilha do Desterro: A Journal of Language and Literature 39 (2000): 113-123. Web. 21 Aug 2012.
  • Anzaldúa, Gloria E., 2003. "La Conciencia de la Mestiza: Towards a New Consciousness", pp. 179–87, in Carole R. McCann and Seung-Kyung Kim (eds), Feminist Theory Reader: Local and Global Perspectives, New York: Routledge.
  • Bacchetta, Paola. "Transnational Borderlands. Gloria Anzaldúa's Epistemologies of Resistance and Lesbians 'of Color' in Paris." In El Mundo Zurdo: Selected Works from the Society for the Study of Gloria Anzaldúa 2007 to 2009, edited by Norma Cantu, Christina L. Gutierrez, Norma Alarcón and Rita E. Urquijo-Ruiz, 109-128. San Francisco: Aunt Lute, 2010.
  • Barnard, Ian. "Gloria Anzaldúa's Queer Mestizaje." MELUS 22.1 (1997): 35-53 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Blend, Benay. "'Because I Am in All Cultures at the Same Time': Intersections of Gloria Anzaldúa's Concept of Mestizaje in the Writings of Latin-American Jewish Women." Postcolonial Text 2.3 (2006): 1-13. Web. 21 Aug 2012.
  • Keating, AnaLouise, and Gloria Gonzalez-Lopez, eds. Bridging: How Gloria Anzaldua's Life and Work Transformed Our Own (University of Texas Press; 2011), 276 pp.
  • Bornstein-Gómez, Miriam. "Gloria Anzaldúa: Borders of Knowledge and (re)Signification." Confluencia 26.1 (2010): 46-55 EBSCO Host. Web. 21 Aug 2012.
  • Capetillo-Ponce, Jorge. "Exploring Gloria Anzaldúa’s Methodology in Borderlands/La Frontera—The New Mestiza." Human Architecture: Journal of the Sociology of Self-Knowledge 4.3 (2006): 87-94 Scholarworks UMB. Web 21 Aug 2012.
  • Castillo, Debra A.. "Anzaldúa and Transnational American Studies." PMLA 121.1 (2006): 260-265 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • David, Temperance K. "Killing to Create: Gloria Anzaldúa's Artistic Solution to 'Cervicide'" Intersections Online 10.1 (2009): 330-40. WAU Libraries. Web. 9 July 2012.
  • Donadey, Anne. "Overlapping and Interlocking Frames for Humanities Literary Studies: Assia Djebar, Tsitsi Dangarembga, Gloria Anzaldúa." College Literature 34.4 (2007): 22-42 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Enslen, Joshua Alma. "Feminist prophecy: a Hypothetical Look into Gloria Anzaldúa's 'La Conciencia de la Mestiza: Towards a new Consciousness' and Sara Ruddick's 'Maternal Thinking.'" LL Journal 1.1 (2006): 53-61 OJS. Web. 21 Aug 2012.
  • Fishkin, Shelley Fisher. "Crossroads of Cultures: The Transnational Turn in American Studies--Presidential Address to the American Studies Association, November 12, 2004." American Quarterly 57.1 (2005): 17-57. Project Muse. Web. 10 Feb 2010.
  • Friedman, Susan Stanford. Mappings: Feminism and the Cultural Geographies of Encounter. Princeton, NJ: Princeton UP, 1998. Print.
  • Hartley, George. "'Matriz Sin Tumba': The Trash Goddess and the Healing Matrix of Gloria Anzaldúa's Reclaimed Womb." MELUS 35.3 (2010): 41-61 Project Muse. Web. 21 Aug 2012.
  • Hedges, Elaine and Shelley Fisher Fishkin eds. Listening to Silences: New Essays in Feminist Criticism. NY: Oxford UP, 1994. Print.
  • Hedley, Jane. "Nepantilist Poetics: Narrative and Cultural Identity in the Mixed-Language Writings of Irena Klepfisz and Gloria Anzaldúa." Narrative 4.1 (1996): 36-54 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Herrera-Sobek, María. "Gloria Anzaldúa: Place, Race, Language, and Sexuality in the Magic Valley." PMLA 121.1 (2006): 266-271 JSTOR Web. 21 Aug 2012.
  • Hilton, Liam. "Peripherealities: Porous Bodies; Porous Borders: The 'Crisis' of the Transient in a Borderland of Lost Ghosts." Graduate Journal of Social Science 8.2 (2011): 97-113. Web. 21 Aug 2012.
  • Keating, AnaLouise, ed. EntreMundos/AmongWorlds: New Perspectives on Gloria Anzaldúa. New York: Palgrave MacMillan, 2005.
  • Keating, AnaLouise. Women Reading, Women Writing: Self-Invention in Paula Gunn Allen, Gloria Anzaldúa and Audre Lorde. Philadelphia: Temple University Press, 1996.
  • Lavie, Smadar and Ted Swedenburg eds. Displacement, Diaspora, and Geographies of Identity. Durham: Duke UP, 1996. Print.
  • Lavie, Smadar. "Staying Put: Crossing the Israel–Palestine Border with Gloria Anzaldúa." Anthropology and Humanism Quarterly, June 2011, Vol. 36, Issue 1. This article won the American Studies Association's 2009 Gloria E. Anzaldúa Award for Independent Scholars.
  • Mack-Canty, Colleen. "Third-Wave Feminism and the Need to Reweave the Nature/Culture Duality" pp. 154–79, in NWSA Journal, Fall 2004, Vol. 16, Issue 3.
  • Lioi, Anthony. "The Best-Loved Bones: Spirit and History in Anzaldúa's 'Entering into the Serpent.'" Feminist Studies 34.1/2 (2008): 73-98 JSTOR. Web. 27 Aug 2012.
  • Lugones, María. "On Borderlands / La Frontera: An Interpretive Essay." Hypatia 7.4 (1992): 31-37 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Martinez, Teresa A.. "Making Oppositional Culture, Making Standpoint: A Journey into Gloria Anzaldúa's Borderlands." Sociological Spectrum 25 (2005): 539-570 Tayor & Francis. Web. 21 Aug 2012.
  • Negrón-Muntaner, Frances. "Bridging Islands: Gloria Anzaldúa and the Caribbean." PMLA 121,1 (2006): 272-278 MLA. Web. 21 Aug 2012.
  • Pérez, Emma. "Gloria Anzaldúa: La Gran Nueva Mestiza Theorist, Writer, Activist-Scholar" pp. 1–10, in NWSA Journal; Summer 2005, Vol. 17, Issue 2.
  • Ramlow, Todd R.. "Bodies in the Borderlands: Gloria Anzaldúa and David Wojnarowicz's Mobility Machines." MELUS 31.3 (2006): 169-187 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Rebolledo, Tey Diana. "Prietita y el Otro Lado: Gloria Anzaldúa's Literature for Children." PMLA 121.1 (2006): 279-784 JSTOR. Web. 3 April 2012.
  • Reuman, Ann E. "Coming Into Play: An Interview with Gloria Anzaldua" p. 3, in MELUS; Summer 2000, Vol. 25, Issue 2.
  • Saldívar-Hull, Sonia. "Feminism on the Border: From Gender Politics to Geopolitics." Criticism in the Borderlands: Studies in Chicano Literature, Culture, and Ideology. Eds. Héctor Calderón and José´David Saldívar. Durham: Duke UP, 1991. 203-220. Print.
  • Schweitzer, Ivy. "For Gloria Anzaldúa: Collecting America, Performing Friendship." PMLA 121.1 (2006): 285-291 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Smith, Sidonie. Subjectivity, Identity, and the Body: Women's Autobiographical Practices in the Twentieth Century. Bloomington, IN: IN UP, 1993. Print.
  • Solis Ybarra, Priscilla. "Borderlands as Bioregion: Jovita González, Gloria Anzaldúa, and the Twentieth-Century Ecological Revolution in the Rio Grande Valley." MELUS 34.2 (2009): 175-189 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Stone, Martha E. "Gloria Anzaldúa" pp. 1, 9, in Gay & Lesbian Review Worldwide; January/February 2005, Vol. 12, Issue 1.
  • Vargas-Monroy, Liliana. "Knowledge from the Borderlands: Revisiting the Paradigmatic Mestiza of Gloria Anzaldúa." Feminism and Psychology 22.2 (2011): 261-270 SAGE. Web. 24 Aug 2012.
  • Vivancos Perez, Ricardo F. Radical Chicana Poetics. London and New York: Palgrave Macmillan, 2013.
  • Ward, Thomas. "Gloria Anzaldúa y la lucha fronteriza", in Resistencia cultural: La nación en el ensayo de las Américas, Lima, 2004, pp. 336–42.
  • Yarbro-Bejarano, Yvonne. "Gloria Anzaldúa's Borderlands / La Frontera: Cultural Studies, 'Difference' and the Non-Unitary Subject." Cultural Critique 28 (1994): 5-28 JSTOR. Web. 21 Aug 2012.
  • Mary Lynn Broe e Angela Ingram, Women's writing in exile, Chapel Hill, University of North Carolina Press, 1989, ISBN 9780807842515.
  • Gonzalez, Christopher. (2017) Permissible Narratives: The Promise of Latino/a Literature. Columbus: The Ohio State University Press.
  • Perez, Rolando. (2020) "The Bilingualisms of Latino-a Literatures." The Oxford Handbook of Latino Studies. Ed. Ilan Stavans. Oxford.
  • Castillo, Debra. (2015). Redreaming America: Toward a Bilingual American Culture (Gloria Anzaldua and Richard Rodriguez). Albany: SUNY.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9863544 · ISNI (EN0000 0001 0868 5698 · SBN UFIV046011 · LCCN (ENn81136438 · GND (DE119419408 · BNE (ESXX1464322 (data) · BNF (FRcb120353692 (data) · J9U (ENHE987007432476605171 (topic) · CONOR.SI (SL168815459 · WorldCat Identities (ENlccn-n81136438