Apri il menu principale

Governo provvisorio panrusso

Governo provvisorio panrusso
Governo provvisorio panrusso – BandieraGoverno provvisorio panrusso - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Repsiberia.GIF
Dati amministrativi
Nome ufficialeВременное Всероссийское правительство
Lingue ufficialirusso
Lingue parlatelingua russa e dialetti locali
CapitaleOmsk
Dipendente daRegno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti
Flag of France (1794–1815, 1830–1958).svg Francia
Flag of Japan (1870–1999).svg Giappone
Repubblica di Cina Repubblica di Cina
Italia Italia
bandiera Cecoslovacchia
Politica
Forma di governoRepubblica
Leader supremo della RussiaAleksandr Vasil'evič Kolčak
Organi deliberativiGoverno provvisorio russo
Nascitasettembre 1918
Causacaduta della Repubblica Russa
Fine7 febbraio 1920 con Aleksandr Vasil'evič Kolčak
CausaOccupazione sovietica
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAsia
Territorio originaleSiberia
Economia
Valutarublo russo
Commerci conTriplice Intesa
Religione e società
Religioni preminentichiesa ortodossa russa
Evoluzione storica
Preceduto daRussia Repubblica Russa
Succeduto dabandiera RSFS Russa
Ora parte diRussia Russia

Il Governo provvisorio panrusso (in russo: Временное Всероссийское правительство) o PA-RG (in inglese: Provvisorial All-Russians Government) fu uno stato nato dopo la fine della Repubblica Russa che tentò di farsi riconoscere come il governo legittimo della Russia. Durante la Guerra civile russa, il Governo provvisorio panrusso fu il principale centro di governo dell'Armata Bianca con sede ad Omsk.

StoriaModifica

Formato alla fine di settembre 1918, il PA-RG venne costituito attraverso l'unione dei due principali regimi della regione, il Komuch[1], formato soprattutto da membri del Partito Socialista Rivoluzionario e del Partito dei cadetti, e il Governo provvisorio della Siberia autonoma, principalmente composto da politici regionali e funzionari di destra. Il Komuch aveva l'intenzione di rimanere all'interno della Russia e di lottare contro i bolscevichi, mentre il secondo voleva dar vita a uno stato siberiano autonomo, antibolscevico.

Le differenze tra i regimi diedero avvio ad una rivalità, sfociata sia in una guerra doganale che in diverse controversie frontaliere. Una conferenza iniziata l'8 settembre 1918 e terminata il 23 sancì l'istituzione di questo Governo come ultimo tentativo di formare un unico governo anti-bolscevico. Ma fu solo un compromesso. Il Komuch acquisì il riconoscimento per l'Assemblea costituente dominata dai socialisti rivoluzionari. Anche se il Komuch abbandonò la sua pretesa di essere l'unico legittimo governo russo, in questo periodo vide l'affermarsi del cosiddetto, direttorio dei cinque.

Era formato da 2 Socialisti Rivoluzionari, Nikolai Avksentiev e Vladimir Zenzinov, 2 Amministratori, Vologodsky, politico regionale e capo del Governo provvisorio della Siberia autonoma ed il generale A.G .Boldyrev, infine il cadetto Vinogradov.

Nel dicembre 1918 un distaccamento di cosacchi arrestarono, Avxentiev e Zenzinov, il direttorio PA-RG venne sciolto, e l'ex ministro della guerra di Kerensky, l'ammiraglio Aleksandr Vasil'evič Kolčak, venne nominato governatore di tutta la Russia, assumendo poteri dittatoriali, fino alla sconfitta del gennaio 1920.

NoteModifica

  1. ^ Trad. Rus.:"Comitato dei membri dell'assemblea costituente".

Voci correlateModifica