Apri il menu principale

Grand Hotel Bastiani

edificio di Grosseto
Grand Hotel Bastiani
Bastiani Grosseto.JPG
Veduta del palazzo su piazza Gioberti
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàGrosseto
IndirizzoPiazza Gioberti 64
Coordinate42°45′35.8″N 11°06′44.8″E / 42.759944°N 11.112444°E42.759944; 11.112444Coordinate: 42°45′35.8″N 11°06′44.8″E / 42.759944°N 11.112444°E42.759944; 11.112444
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1910-1912
Stileneoclassico
Realizzazione
ArchitettoVittorio Mariani

Il Grand Hotel Bastiani è una struttura alberghiera situata all'interno di un palazzo monumentale del centro storico di Grosseto.

StoriaModifica

L'edificio fu completamente ristrutturato e ampliato tra il 1910 e il 1912, su progetto dell'architetto Vittorio Mariani, per ospitare una struttura alberghiera, divenuta in seguito il Grand Hotel di Grosseto. L'albergo Bastiani fu inaugurato nel maggio 1912.

ArchitetturaModifica

Il palazzo del Grand Hotel Bastiani si presenta in stile neoclassico e si articola su quattro livelli, con la facciata principale all'angolo rivolta su via Manin e la facciata laterale sinistra su via Mazzini, ad angolo su piazza Gioberti nell'area interna di Porta Corsica; su entrambi i prospetti sono presenti porte di accesso all'edificio.

Il pian terreno delle due facciate è caratterizzato dalla presenza di ampie finestre e dei portali d'ingresso, che si presentano ad arco ribassato. Il portale d'ingresso centrale lungo il prospetto di via Manin è sovrastato da un caratteristico balcone che poggia su due mensole laterali sporgenti, mentre il portale situato sul lato sinistro di tale prospetto e quello che si apre lungo la facciata di via Mazzini sono coperti da una tettoia angolare, sulla quale sono collocate le insegne della struttura alberghiera. Il paramento murario del pian terreno risulta interamente rivestito in bugnato.

I piani superiori del fabbricato presentano pareti esterne rivestite in intonaco, a parte i conci squadrati di pietra che decorano gli angoli tra una facciata e l'altra. Sono presenti cordonature continue, una doppia che divide il pian terreno dal piano soprastante ed una singola che separa tra loro i due ultimi livelli superiori. La facciata che guarda verso via Mazzini presenta su tutti e tre i livelli superiori finestre di forma rettangolare architravate con apertura a persiana, tipo di infisso che caratterizza anche le finestre che si affacciano su via Manin. In quest'ultima facciata, le finestre dell'ultimo livello superiore mantengono gli stessi elementi stilistici di quelli che caratterizzano l'altra facciata, mentre al primo e al secondo piano l'architrave che delimita in alto ogni finestra è sormontato rispettivamente da un caratteristico timpano triangolare e da un coronamento semicircolare, poggianti su due mensolette verticali che, a loro volta, trovano appoggio alle estremità laterali di ogni architrave. In ciascuna nicchia compresa tra l'architrave e l'elemento architettonico soprastante è collocata una piccola scultura di testa di animale.

Il tetto di copertura si presenta a quattro spioventi di lieve pendenza, oltre il quale si eleva, sul lato di via Mazzini una piccola torre a sezione quadrata, con asse non parallelo rispetto alle facciate.

BibliografiaModifica

  • Marcella Parisi, Grosseto dentro e fuori porta. L'emozione e il pensiero, Siena, C&P Adver Effigi, 2001.
  • Mariagrazia Celuzza, Mauro Papa, Grosseto visibile, Arcidosso, Edizioni Effigi, 2013, p. 148.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica