Gualtieri Sicaminò

comune italiano
Gualtieri Sicaminò
comune
Gualtieri Sicaminò – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Messina-Stemma.svg Messina
Amministrazione
SindacoSantina Bitto (lista civica) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate38°10′N 15°19′E / 38.166667°N 15.316667°E38.166667; 15.316667
Altitudine80 m s.l.m.
Superficie14,38[1] km²
Abitanti1 620[2] (31-8-2021)
Densità112,66 ab./km²
FrazioniSicaminò, Soccorso
Comuni confinantiCondrò, Pace del Mela, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela
Altre informazioni
Cod. postale98040
Prefisso090
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT083035
Cod. catastaleE233
TargaME
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Nome abitantigualtieresi
Patronosan Nicola di Bari
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gualtieri Sicaminò
Gualtieri Sicaminò
Gualtieri Sicaminò – Mappa
Posizione del comune di Gualtieri Sicaminò all'interno della città metropolitana di Messina
Sito istituzionale

Gualtieri Sicaminò (Guateri Sicaminò in siciliano) è un comune italiano di 1 620 abitanti[2] della città metropolitana di Messina in Sicilia.

StoriaModifica

Lo storico Tommaso Fazello documenta il centro a sei miglia dal castello di Milazzo, leggermente ad est rispetto alla cittadina di Santa Lucia del Mela.[4][5]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

ChieseModifica

  • XIV secolo, Chiesa di Santa Maria Annunziata
  • XV secolo, Duomo di San Nicola di Bari
  • XV secolo, Chiesa di Santa Maria Assunta
  • XV secolo, Chiesa di Santa Maria del Santo Sabato o Chiesa di Gesù e Maria (Soccorso)
  • XVI secolo, Chiesa di San Nicola di Bari (Sicaminò)
  • XVII secolo, Chiesa Santa Maria dell'Idria (Soccorso)
  • 1753, Chiesa della Misericordia
  • XIX secolo, Chiesa di San Cataldo
  • XXIII secolo, Chiesa Santa Maria del Perpetuo Soccorso (Soccorso)
  • Chiesa di San Giuseppe
  • Chiesa della Madonna delle Grazie (Sicaminò)

Architetture civiliModifica

  • XV secolo, Ponte Vecchio
  • Palazzo baronale degli Avarna e la Cappella baronale.

Aree naturaliModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[6]

EconomiaModifica

AgricolturaModifica

Il paese è uno dei Comuni della zona di produzione del vino DOC Mamertino Ansonica - Grillo.

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
7 giugno 1985 26 maggio 1990 Antonino Nicolò Schepis Democrazia Cristiana Sindaco [7]
26 maggio 1990 14 giugno 1994 Antonino Nicolò Schepis Democrazia Cristiana Sindaco [7]
14 giugno 1994 25 maggio 1998 Placido Aricò Sindaco [7]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Gino Sciotto lista civica Sindaco [7]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Gino Sciotto lista civica Sindaco [7]
17 giugno 2008 8 luglio 2013 Matteo Sciotto lista civica Sindaco [7]
11 giugno 2013 10 giugno 2018 Matteo Sciotto lista civica Sindaco [7]
10 giugno 2018 in carica Santina Bitto lista civica Sindaco [7]

Altre informazioni amministrativeModifica

Il comune di Gualtieri Sicaminò fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.9 (Colline litoranee di Milazzo)[8].

NoteModifica

  1. ^ Dati Istat 2011, su istat.it. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT, 29 ottobre 2021. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Pagina 565, Capitolo VIII Tommaso Fazello, "Della storia di Sicilia, Deche due del r.p.m. Tommaso Fazello siciliano...", Volume 6. [1]
  5. ^ Tommaso Fazello, Della storia di Sicilia deche due del r.p.m. Tommaso Fazello siciliano tradotte in lingua toscana dal p.m. Remigio fiorentino. Volume primo 3-terzo], dalla tipografia di Giuseppe Assenzio, 1817. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  8. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 22 maggio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia