Apri il menu principale

Guerra sammarinese

Guerra sammarinese
Guerra sammarinese 1460-1463.gif
San Marino nel 1460 in azzurro e i territori occupati dai sammarinesi nel 1463.
Data1460 - 1463
LuogoSan Marino
Casus belliDisponibilità del Papa a cedere territori ai sammarinesi
EsitoVittoria di San Marino e fine del protettorato dello Stato pontificio su San Marino
Modifiche territorialiAnnessione di Domagnano, Faetano, Fiorentino, Montegiardino e Serravalle a San Marino
Schieramenti
Comandanti
Blasone Malatesta.svg Carlo III MalatestaFlag of the Papal States (pre 1808).svg papa Pio II
Coat of arms of Federico and Guidobaldo da Montefeltro.svg Federico III da Montefeltro
Old Flag of San Marino.svg Giacomo Sammaritani
Old Flag of San Marino.svg Polinoro Lunardino
Old Flag of San Marino.svg Marino di Venturino
Old Flag of San Marino.svg Riccio di Andrea
Old Flag of San Marino.svg Cecco da Valle
Old Flag of San Marino.svg Simone di Giovanni
Old Flag of San Marino.svg Simone Belluzzi
Old Flag of San Marino.svg Francesco Sabattini
Old Flag of San Marino.svg Menetto Bonelli
Old Flag of San Marino.svg Bianco di Antonio
Old Flag of San Marino.svg Bartolo di Antonio
Old Flag of San Marino.svg Marino Giannini
Old Flag of San Marino.svg Girolamo Belluzzi
Old Flag of San Marino.svg Maurizio di Antonio
Old Flag of San Marino.svg Pasquino di Antonio
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra sammarinese è stato un conflitto combattuto tra il 1460 e il 1463 da San Marino contro il comune di Rimini, a seguito di una disputa per il possesso di alcuni territori promessi dal papa. Al termine della guerra vennero fissati i nuovi confini della Repubblica di San Marino, rimasti immutati fino ad oggi.

Fu l'ultima guerra a cui partecipò la Repubblica di San Marino, la quale da allora si è sempre dichiarata paese neutrale.

StoriaModifica

Nel 1460 papa Pio II promise a San Marino alcuni dei territori amministrati dai Malatesta. Con un breve apostolico del 30 dicembre 1460 il papa concesse dei feudi.

 
Lettera di papa Pio II per la ratifica dei patti di Fossombrone del 1463

Tra il 1460 e il 1463, San Marino si alleò con il Ducato di Urbino con il duca Federico III da Montefeltro e con papa Pio II contro i Malatesta che minacciavano il monte Titano con i fortilizi presenti a Domagnano, Faetano e Fiorentino situati a pochi chilometri dalla capitale, Città di San Marino. Durante la guerra i sammarinesi occuparono tutti i fortilizi dei Malatesta che minacciavano San Marino arrivando ad occupare i territori malatestiano fino a Falciano a soli 10 chilometri da Rimini. I Malatesta guidati da Sigismondo Pandolfo invece riuscirono solo a mantenere il fortilizio di Cerasolo a protezione di Rimini.

Dopo varie vittorie sammarinesi nel 1462 il papa concesse anche il castello di Faetano. A San Marino vennero così annessi i seguenti castelli di Domagnano, Faetano, Fiorentino, Montegiardino e Serravalle.

La guerra si concluse con la firma dei patti di Fossombrone, avvenuta il 27 giugno 1463 e che sancì la pace tra i Malatesta di Rimini e San Marino. Il trattato di pace stabilì i confini di San Marino, che sono rimasti immutati da allora.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica