Apri il menu principale


Portale Marche
Introduzione

Le Marche sono una regione dell'Italia centrale di 1.560.785 abitanti con capoluogo Ancona. Confinano con l'Emilia-Romagna (provincia di Rimini), la Repubblica di San Marino, la Toscana (provincia di Arezzo), l'Umbria (provincia di Perugia), l'Abruzzo (provincia di Teramo), il Lazio (provincia di Rieti) e il Mar Adriatico.

Le Marche si collocano sul versante del medio Adriatico e occupano circa 9.365,86 km² di territorio italiano che si estende tra il fiume Conca a nord e il Tronto a sud; a ovest la regione è limitata dall'Appennino. Essa presenta una forma caratteristica di pentagono irregolare e si sviluppa perlopiù longitudinalmente da nord-ovest a sud-est. Le Marche sono una delle regioni più collinari d'Italia: le colline comprendono il 69% del territorio (6.462,90 km²). Il 31% (2.902,96 km²) è invece montuoso. Le pianure, non rilevabili percentualmente, sono limitate ad una stretta fascia costiera e alla parte delle valli più vicine alla foce dei fiumi.


Leggi la voce...
Vetrina marchigiana
Wikimedaglia oro.png
Stemma di Ancona

Ancona /aŋˈkona/ è un comune di 101.690 abitanti, capoluogo della omonima provincia e della regione Marche.

Slanciata verso il mare, la città sorge su un promontorio a forma di gomito piegato, che protegge il più ampio porto naturale dell'Adriatico centrale. Il nome stesso della città ricorda la sua posizione geografica: "ankon" in greco significa gomito, e così la chiamarono i Greci, che fondarono la città nel 387 a.C. L'origine greca di Ancona è ricordata dall'epiteto con la quale è conosciuta: la "città dorica".

Ancona è caratterizzata dalla posizione a picco sul mare, dal centro ricco di storia e di monumenti, dai parchi semi-urbani ben conservati e dai meravigliosi dintorni. I rioni storici, arrampicati su varie colline, si affacciano sull'arco del porto come intorno al palcoscenico di un teatro.

Altre voci in vetrina Leggi tutta la voce...
Lo sapevi che...
Bandiera del libero comune

La millenaria storia di Ancona inizia con gli insediamenti dell'età del bronzo e la fondazione come colonia greca nel 387 a.C. Fu una fiorente città della Magna Grecia e successivamente alleata di Roma. Poi fu una delle grandi metropoli dell'impero bizantino e un importante repubblica marinara. Entrò a far parte dello Stato Pontificio nel 1532 e passò quindi al Regno d'Italia.

Già nell'età del bronzo l'attuale zona centrale di Ancona ospitava alcuni villaggi: nei pressi del Campo della Mostra (Piazza Malatesta) e sul Colle dei Cappuccini. Nell'Età del Ferro, quest'ultimo divenne un centro piceno e si distinse dagli altri della regione per le attività collegate al mare, come la pesca. La necropoli si trovava nei pressi dell'attuale rione Cardeto. Armi, ornamenti femminili e attrezzi di lavoro sono esposti al museo archeologico nazionale delle Marche.

Fin dall'epoca micenea i greci conoscevano e frequentavano il porto naturale di Ancona, come provano poche ma significative testimonianze archeologiche e l'antico culto dell'eroe greco Diomede. Già nel V secolo a.C. i Greci indicavano con il nome di Ankon (gomito) la città. Ancona, infatti, sorge su un promontorio a forma di gomito piegato, che protegge il porto naturale.
Suggerisci una curiosità Leggi tutta la voce...
Marchigiano del giorno

Gentile di Niccolò di Giovanni Massi, detto Gentile da Fabriano (Fabriano circa 1370 - Roma settembre 1427), pittore italiano, tipica figura di artista del Gotico internazionale che preferisce alla bottega le più svariate occasioni di lavoro offerte dalle varie corti italiane.

Nasce a Fabriano nel 1370 circa da Niccolò di Giovanni, mercante, matematico e letterato.

Non sappiamo nulla sulla sua formazione ma nella tavola con la Madonna col Bambino e i santi Niccolò e Caterina e un donatore, eseguita per la chiesa di San Niccolò a Fabriano tra il 1395 e il 1400, ora a Berlino, sua prima opera a noi nota, i caratteri stilistici sono legati prevalentemente alla cultura tardogotica lombarda.

Dal 1400 circa è a Venezia, dove risulta iscritto alla Scuola dei Mercanti, per la chiesa di Santa Sofia dipinge una tavola, perduta. Probabilmente alla sua bottega lavorò Jacopo Bellini.

Tra il 1400 e il 1410 è databile il polittico di Valle Romita, in cui le derivazioni lombarde, aggiornate sull'opera di Michelino da Besozzo si accentuano, insieme a un maggiore equilibrio e solidità formale.

Altra opera, documentata ma perduta, è una tavola per Francesco Amadi pagata il 27 luglio 1408.

Nel 1409 gli viene commissionata la decorazione murale della Sala del Maggior Consiglio in Palazzo Ducale: tra cui l'affresco con Battaglia tra Ottone III e i Veneziani, andati tutti perduti.

Negli anni 1411-1412 è a Foligno, dove esegue il maestoso ciclo pittorico di Palazzo Trinci su commissione di Ugolino III, con l'aiuto di Jacopo Bellini.
Altri marchigiani Leggi tutta la voce...
Cartoline dalle Marche

Torre Civica - ex chiesa di Sant'Antonio

Castelleone di Suasa - Torre Civica - ex chiesa di Sant'Antonio


Cerca e trova
Province
Stemma della provincia di Ancona

La Provincia di Ancona confina a nord-ovest con la Provincia di Pesaro e Urbino, a nord-est e a est con il Mar Adriatico, a sud con la Provincia di Macerata e a ovest con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della provincia di Ascoli Piceno

La Provincia di Ascoli Piceno confina a N e NW con la Provincia di Macerata, a E con il Mar Adriatico, a S con l'Abruzzo (Provincia di Teramo) e con il Lazio (Provincia di Rieti), e a SW con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della Provincia di Fermo

La Provincia di Fermo è la quinta provincia della regione Marche, istituita con legge 11 giugno 2004, n. 147 (legge), pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 138 del 15 giugno 2004. È divenuta operativa con le prime elezioni del 2009. - I comuni


Stemma della provincia di Macerata

La Provincia di Macerata confina a N con la Provincia di Ancona, a E con il Mar Adriatico, a S con la Provincia di Fermo, a SW con la Provincia di Ascoli Piceno e a W con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della provincia di Pesaro e Urbino

La Provincia di Pesaro e Urbino è una delle province storiche italiane. Prima della nascita dello Stato Italiano, ha avuto diverse denominazioni, partendo dal Ducato dei Montefeltro. - I comuni

Novità
Altri progetti
Portali collegati