Apri il menu principale

Il pazzo di Hitler

film del 1943 diretto da Douglas Sirk
(Reindirizzamento da Hitler's Madman)
Il pazzo di Hitler
Hitler's Madman trailer 1.jpg
Titolo originaleHitler's Madman
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1943
Durata84 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generedrammatico
RegiaDouglas Sirk
Edgar G. Ulmer (regista seconda unità)
Soggettostoria di Albrecht Joseph e Emil Ludwig dal romanzo Hangman's Village di Bart Lytton
SceneggiaturaPeretz Hirschbein, Melvin Levy, Doris Malloy
Edgar G. Ulmer (non accreditato)
ProduttoreSeymour Nebenzal
Rudolf S. Joseph (come Rudolf Joseph) (associato)
Casa di produzioneProducers Releasing Corporation (PRC)
FotografiaJack Greenhalgh
Eugen Schüfftan (non accreditato)
MontaggioDan Milner
MusicheKarl Hajos
Mario Castelnuovo-Tedesco e Nathaniel Shilkret (non accreditato)
ScenografiaFred Preble e Edward Willens
Edgar G. Ulmer (Production Design, non accreditato)
Interpreti e personaggi

Il pazzo di Hitler (Hitler's Madman) è un film del 1943 diretto da Douglas Sirk.

Il film fu una delle denunce più esplicite e documentate delle atrocità naziste ad essere realizzato nel periodo bellico. Il regista Douglas Sirk era Hans Detlef Sierck, noto attore tedesco che nel 1937 era fuggito dalla Germania trovando rifugio negli Stati Uniti. In Germania era rimasto il figlio da lui avuto dalla prima moglie, l'attrice Lydia Brincken, dalla quale si era separato nel 1928. Il giovane Klaus Detlef Sierck utilizzato ancora ragazzo come attore in film di propaganda nazista, e pur "colpevole" di essere figlio di tale padre, fu mandato a combattere come tanti suoi coetanei sul fronte orientale, dove morì nel 1944 a 19 anni.[1]

TramaModifica

Il film racconta la strage avvenuta nel villaggio di Lidice in Cecoslovacchia durante la seconda guerra mondiale e gli eventi che l'hanno preceduto. Nel 1942, gli Alleati paracadutarono un combattente ceco di resistenza nell'area. Ricongiuntosi a Lidice con la resistenza ceca il commando compie un attentato di cui rimane vittima il comandante nazista Reinhard Heydrich, il quale con pugno di ferro governava il paese durante l'occupazione tedesca della regione. Per rappresaglia contro l'attentato, il capo delle SS Heinrich Himmler ordina la distruzione di Lidice. Gli uomini sono radunati in una chiesa che è data alle fiamme; le donne e i bambini vengono mandati a morire nei campi di concentramento. La città stessa è completamente rasa al suolo .

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Producers Releasing Corporation (PRC). Gli esterni furono girati in California, ad Angeles Crest, nella Angeles National Forest[2]. Le riprese durarono dal 26 ottobre a inizio dicembre 1942 negli studios Fine Arts; nel 1943, dal 1º al 13 marzo, furono girate delle scene aggiunte negli studio della Metro-Goldwyn-Mayer[3].

DistribuzioneModifica

Il copyright del film, richiesto dalla Loew's Inc., fu registrato il 2 luglio 1943 con il numero LP12194[3].

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 10 giugno 1943.

NoteModifica

  1. ^ David Welch, Propaganda and the German Cinema, 1933-1945, I.B.Tauris, 2001.
  2. ^ IMDb Locations
  3. ^ a b AFI

BibliografiaModifica

  • Joe Morella, Edward Z. Epstein e John Griggs, The Films of World War II, Secaucus, New Jersey, The Citadel Press, 1980, ISBN 0-8065-0482-X.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema