Apri il menu principale

Amore di madre

film del 1914 diretto da David W. Griffith
(Reindirizzamento da Home, Sweet Home (film 1914))
Amore di madre
Titolo originaleHome, Sweet Home
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1914
Durata55 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generebiografico, drammatico
RegiaDavid W. Griffith
Soggettoispirata dalla canzone Home, Sweet Home di Sir Henry Rowley Bishop e John Howard Payne
SceneggiaturaH.E. Aitken e D.W. Griffith
Casa di produzioneMajestic Motion Picture Company e dalla Reliance Film Company
FotografiaG.W. Bitzer
Karl Brown[1] (assistente alla macchina, non accreditato)
MontaggioJames Smith e Rose Smith (non accreditati)
Interpreti e personaggi

Amore di madre (Home, Sweet Home) è un film muto del 1914 diretto da David W. Griffith, ispirato alla canzone Home, Sweet Home di Sir Henry Rowley Bishop (arrangiamento musicale di un'aria siciliana) e John Howard Payne (parole)[2]

Di genere allegorico, la storia è divisa in quattro parti, unite tra di loro da un tema comune: sono tre le storie, precedute da un prologo e un epilogo.

Nel cast tecnico, appare (non accreditato) il futuro direttore della fotografia Karl Brown, qui al suo secondo film, collaboratore di G.W. Bitzer con cui aveva già lavorato in Donna che ama. Karl Brown girerà film anche come regista e sceneggiatore.

Fu l'unica sceneggiatura firmata da H.E. Aitken, il produttore che aveva fondato la Majestic Motion Picture Company.

Indice

TramaModifica

Prologo: Un episodio della vita di John Howard Payne, un attore famoso all'inizio del XIX secolo, famoso per la canzone Home! Sweet Home!. Payne lascia la casa natale per iniziare la sua carriera teatrale. Nonostante l'appoggio della madre e della fidanzata, l'attore scivola sempre più nella depressione e verso la rovina. Ricordando i bei tempi andati, scrive la canzone che ritorna alla dolcezza della vita domestica e che lo ispira per tre storie diverse.

  • 1º Episodio:
  • 2º Episodio:
  • 3º Episodio:

Epilogo: Payne nel Pozzo dell'Inferno lotta contro la Lussuria e l'Avidità, cercando di raggiungere l'amata su una scala che lo porta al Cielo, dove Lei è diventata Angelo.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Majestic Motion Picture Company e dalla Reliance Film Company, dopo l'abbandono di Griffith della Biograph. Il regista portò con sé il suo direttore della fotografia, G.W. Bitzer e parte degli attori della Biograph[3].

Il film venne girato al Chatsworth Park di Chatsworth (Los Angeles).

DistribuzioneModifica

Distribuito dalla Mutual Film, uscì nelle sale cinematografiche statunitensi in maggio: il 17 maggio fu presentato al Mark Strand Theatre di New York dopo una prima tenuta il 4 maggio 1914 al Clune's Auditorium di Los Angeles[2].

Copie della pellicola si trovano conservate negli archivi dell'EmGee Film Library e in collezioni private (positivi 16 mm)[4], alla Cinémathèque Royale di Bruxelles, alla Cineteca del Friuli di Gemona, al Museum of Modern Art di New York, all'UCLA Film and Television Archive di Los Angeles, all'Academy Film Archive di Beverly Hills, al Danish Film Institute di Copenaghen, al National Film and Sound Archive di Canberra[5].

È incluso nei documentari Lillian Gish: The Actor's Life for Me di Terry Sanders (1988) e Mary Pickford: A Life on Film di Hugh Munro Neely (1997)[6].

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema