Apri il menu principale

Il giglio selvatico

film del 1918 diretto da Marshall Neilan Alfred E. Green (con il nome Al Green, aiuto regia)
Il giglio selvatico
M'Liss (1918) 1.jpg
Mary Pickford e Thomas Meighan
Titolo originaleM'Liss
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1918
Durata73 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generedrammatico, western
RegiaMarshall Neilan
Alfred E. Green - come Al Green, aiuto regista
Soggettodal racconto M’liss: An Idyll of Red Mountain di Bret Harte apparso in Stories of the Sierras
SceneggiaturaFrances Marion
Casa di produzionePickford Film
FotografiaWalter Stradling
ScenografiaWilfred Buckland
Interpreti e personaggi

Il giglio selvatico (M'Liss) è un film muto del 1918 diretto da Marshall Neilan. Remake di una precedente versione del 1915, M'Liss, diretta d O.A.C. Lund.

M'liss è un modo gergale per il nome Melissa: il soggetto del film è tratto dal racconto M'liss: An Idyll of Red Mountain[1] di Bret Harte apparso in Stories of the Sierras (o ''M'liss, in Golden Era, pubblicato a San Francisco nel 1863)[2].

Indice

TramaModifica

Nella cittadina mineraria di Red Gulch, nell'High Sierra, 'Bummer' ha perso tutti i suoi averi. Sua figlia M'Liss, il solo sostegno che resta al vecchio Bummer, cerca di derubare Yuba Bill, il conducente della diligenza. Ma quest'ultimo resta affascinato dalla fanciulla e non la denuncia.

Jonathan, il ricco fratello del minatore, muore nella sua casa di San Francisco, lasciando in eredità a Clara e a suo fratello Jim 500 dollari ciascuno. Jim è infuriato per l'esiguità del lascito. Anche Clara, che ha fatto l'infermiera al vecchio malato per tre anni, è furibonda, dato che si aspettava di ricevere una ben diversa e più consistente eredità.

A Red Gulch Charles Gray, il maestro di scuola, insiste perché M'Liss frequenti le sue lezioni. Ma la ragazza sembra poco interessata all'istruzione. Finisce, però, per cedere recandosi a scuola. Solo per farsene espellere poco dopo. Comunque anche Charles, come tutti, è deliziato dalla grazia e dal coraggio di M'Liss nell'affrontare le difficoltà della vita.

Il maestro sarà l'ultimo a vedere il vecchio Bummer vivo: questi, infatti, poco tempo dopo viene trovato ucciso con una pugnalata. Lo sceriffo, sospettando che l'assassino possa essere Charles, lo arresta. Ma M'Liss non riesce a convincersi che il maestro sia l'omicida di Blummer. È l'unica a crederlo innocente anche quando comincia il processo a suo carico.

In paese arriva Clara che dichiara di essere venuta a trovare Blummer, suo marito. Scopre così di esserne la vedova. Ma M'Liss non le crede, né crede che quella possa essere sua madre. Al processo, Charles è condannato a sessant'anni di carcere. M'Liss, allora, lo aiuta a fuggire. Gli inseguitori, cercando di riprenderli, si mettono sulle tracce del fuggitivo senza accorgersi che stanno seguendo la persona sbagliata. Quando sparano all'uomo inseguito, infatti, colpiscono Jim. È il momento della verità: sono stati Jim e l'aiuto sceriffo a uccidere Blummer per impossessarsi dell'eredità di suo fratello Jonathan.

M'Liss può andare a cercare Charles che è finalmente libero.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Pickford Film.

DistribuzioneModifica

Il copyright del film, richiesto dalla Famous Players-Lasky Corp., fu registrato il 18 aprile 1918 con il numero LP12321[2][3]. Distribuito dalla Paramount Pictures (con il nome Artcraft Pictures Corporation), il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 5 maggio 1918 (o 13 maggio[2]). In Italia uscì nel 1922.

Copie della pellicola sono conservate negli archivi del Mary Pickford Institute for Film Education[1] nel George Eastman House di Rochester, in quelli della Library of Congress di Washington, e in quelli dell'UCLA[3].

Il 3 maggio 2005, il film è stato distribuito in DVD (NTSC) dalla Milestone Film and Video insieme a un altro film di Mary Pickford, Heart o' the Hills[4].

Versioni cinematograficheModifica

Dal romanzo di Bret Harte sono state tratte diverse versioni cinematografiche fin dal 1915:

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • (EN) The American Film Institute Catalog, Features Films 1911-1920, University of California Press 1988 ISBN 0-520-06301-5
  • (EN) Richard B. Jewell, Vernon Harbin: The RKO Story, Arlington House, 1982 Octopus Books Limited - ISBN 0-517-546566

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema