Apri il menu principale

Il lutto si addice ad Elettra

opera teatrale di Eugene O'Neill
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film, vedi Il lutto si addice ad Elettra (film).
Il lutto si addice ad Elettra
Trilogia tragica in tre parti e tredici atti
AutoreEugene O'Neill
Titolo originaleMourning Becomes Electra
Lingua originaleInglese
AmbientazioneNew England, tra il 1856 ed il 1866
Composto nel1931
Prima assoluta26 ottobre 1931
Guild Theatre di New York
Prima rappresentazione italiana28 marzo 1941
Teatro delle Arti, Roma
Personaggi
  • Hazel Niles
  • Brigadiere Generale Ezra Mannon
  • Josiah Borden, capo della compagnia di navigazione
  • Lavinia Mannon
  • Amos Ames
  • Capitano Adam Brant della nave "Flying Trades"
  • Emma Borden, moglie di Josiah Borden
  • Louisa Ames, moglie di Amos Ames
  • Capitano Peter Niles, Artiglieria statunitense
  • Joe Silva
  • Chantyman
  • Seth Beckwith
  • Orin Mannon, Primo luogotenente di fanteria
  • Minnie, cugina di Louisa
  • Christine Mannon
  • Everett Hills D.D., della First Congregational Church
  • Ira Mackel
  • Dottor Joseph Blake
  • Abner Small
  • Signora Hills, moglie di Everett Hills
Riduzioni cinematografiche
 

Il lutto si addice ad Elettra (Mourning Becomes Electra) è il titolo di una trilogia teatrale scritta dal drammaturgo statunitense Eugene O'Neill, messa in scena per la prima volta nel 1931, con protagoniste Alla Nazimova (nel ruolo di Christine) ed Alice Brady (in quello di Lavinia)[1].

TramaModifica

La vicenda si svolge all'epoca della Guerra di secessione americana, nella famiglia di un generale nordista. Agamennone è ora il generale Ezra Mannon, Clitennestra è la sua seconda moglie Christine, Oreste è suo figlio Orin, e Elettra è la figlia Lavinia. Come in una tragedia greca, l'opera tratta di omicidio, adulterio, incesto e vendetta, e la funzione del coro greco è svolta da un gruppo di cittadini. Mentre nelle tragedie greche è il solo fato a guidare le azioni dei personaggi[senza fonte], nell'opera di O'Neill le motivazioni trovano fondamento nella teoria psicoanalitica degli anni 1930. La trilogia può essere letta in chiave freudiana, facendo attenzione ai complessi di Edipo e di Elettra dei vari personaggi.

Il lutto si addice ad Elettra è divisa in tre parti (intitolate rispettivamente Ritorno, L'agguato e L'incubo) per un totale di tredici atti. Le tre parti non vengono mai rappresentate separatamente, ma solo come componenti della trilogia. La versione integrale dell'opera è ritenuta troppo lunga per un allestimento teatrale, e spesso viene messa in scena con tagli e adattamenti. Il copione originale prevede inoltre un numero molto elevato di attori. Per questi motivi non è una delle opere più rappresentate di O'Neill.

Trasposizioni cinematograficheModifica

Nel 1947 venne realizzato un film omonimo, diretto da Dudley Nichols e interpretato da Rosalind Russell, Michael Redgrave, Raymond Massey, Katina Paxinou, Leo Genn e Kirk Douglas. Per questo film gli attori protagonisti ricevettero una nomination al Premio Oscar, Rosalind Russell come miglior attrice e Micheal Redgrave come miglior attore; la Russel vinse il Premio Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico.

EdizioniModifica

  • Eugene O'Neill, Il lutto si addice ad Elettra, traduzione di Adelchi Moltedo, "Il Dramma", n. 361-362, 1-15 settembre 1941, pp. 16-68

NoteModifica

  1. ^ La produzione originale dall'Internet Broadway database.

BibliografiaModifica

  • Ermanno Contini, Elettra puritana, "Il Dramma", n. 361-362, 1-15 settembre 1941, pp. 11-15

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4444948-3 · BNF (FRcb12541272s (data)