Il velo di Maya

film del 2017 diretto da Elisabetta Rocchetti
Il velo di Maya
Paese di produzioneItalia
Anno2017
Durata90 min
Generecommedia, drammatico
RegiaElisabetta Rocchetti
SceneggiaturaElisabetta Rocchetti, Roberto Scarpetti, Chiara Cavallari
FotografiaNicola Saraval
MontaggioBarbara De Mori
MusicheGigi D'Alessio, Adriano Pennin
Interpreti e personaggi

Il velo di Maya è un film del 2017 scritto, diretto e interpretato da Elisabetta Rocchetti.

Si tratta del secondo lungometraggio della regista e attrice romana dopo Diciottanni - Il mondo ai miei piedi del 2010.

TramaModifica

Poco prima del matrimonio, Anna scopre che il fidanzato la tradisce con la sorella e finisce per questo in una severa depressione. Disoccupata e sola, va avanti prendendo pillole e ricevendo il conforto della nonna Marta e di Paloma, la sua vicina di casa transgender. Un giorno, Anna ha come la sensazione di essere seguita da uomo e una mattina finisce per trovare dei fiori fuori dalla porta di casa. Un sensitivo le predice che un importante amore sta per arrivare nella sua vita e Anna si convince che si tratti del misterioso individuo; poiché è troppo timido per presentarsi, Anna decide di fare la prima mossa, nonostante il parere contrario della madre e della cugina Federica, che non credono che questo uomo esista davvero, ma che sia piuttosto frutto dell'immaginazione di Anna causato dalla depressione.

ProduzioneModifica

Le riprese del film sono iniziate a Roma nel settembre 2015, e si sono poi spostate a Grosseto, città dove il film è ambientato, dal 10 al 24 ottobre; come location sono state usate, tra le varie, le mura medicee, piazza Dante, il palazzo di giustizia e il porto di Marina di Grosseto.[1][2]

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato il 28 giugno 2017 tra i film in concorso all'Ischia Film Festival.[3] Nel settembre dello stesso anno ha partecipato al Terra di Siena Film Festival nella categoria "Opera prima e seconda",[4] mentre il mese successivo ha preso parte al Fano International Film Festival, dove ha vinto il premio alla miglior regia.[5]

NoteModifica

  1. ^ Irene Blundo, Grosseto diventa un set cinematografico. Si cercano comparse per il film "Il velo di Maya", La Nazione, 22 settembre 2015. URL consultato il 6 settembre 2020.
  2. ^ "Ciak, si gira!": iniziate le riprese de "Il velo di Maya", film ambientato a Grosseto, Grosseto Notizie, 13 ottobre 2015. URL consultato il 6 settembre 2020.
  3. ^ Il velo di Maya, su Ischia Film Festival. URL consultato il 6 settembre 2020.
  4. ^ Festival e premi: Il velo di Maya (2017), su Cinemaitaliano. URL consultato il 6 settembre 2020.
  5. ^ A Kasia Smutniak il premio Fano Festival, ANSA, 13 ottobre 2017. URL consultato il 6 settembre 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema