Apri il menu principale

Innocenzo dell'Immacolata

sacerdote, religioso e santo spagnolo
Sant'Innocenzo dell'Immacolata
San Inocencio de la Inmaculada Concepción.jpg
 

Religioso e martire

 
Nascita10 marzo 1887
Morte9 ottobre 1934
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione19 aprile 1990
Canonizzazione21 novembre 1999 da papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza9 ottobre

Sant' Innocenzo dell'Immacolata C.P., al secolo Manuel Canoura Arnau, (Santa Cecilia del Valle de Oro, 10 marzo 1887Turón, 9 ottobre 1934), è stato un sacerdote cattolico e religioso spagnolo. Fu proclamato santo martire da papa Giovanni Paolo II.

Indice

BiografiaModifica

Nacque il 10 marzo 1887 a Santa Cecilia del Valle de Oro, vicino alla costa della provincia di Lugo (Galizia). All'età di 14 anni decise di diventare un passionista così entrò nel seminario di Peñafiel, nei pressi di Valladolid. Divenne membro della congregazione all'età di 18 anni nel 1905 prendendo il nome di Innocenzo dell'Immacolata. Studiò poi filosofia, teologia ed altre materie ecclesiastiche a Deusto.

A Mieres, non lontano da Turón, nel 1910 divenne suddiacono, quindi diacono nel 1912 e infine venne ordinato sacerdote nel 1920. Da sacerdote predicò e insegnò in alcune scuole.

Il 5 ottobre 1934, un gruppo di miliziani fece irruzione nella scuola dei Fratelli delle scuole cristiane a Turón, dove Innocenzo insegnava in quel periodo e faceva da confessore per gli allievi, e catturarono Innocenzo insieme con altri nove lasalliani. Vennero quindi incarcerati nella cosiddetta "Casa del Popolo" e condannati a morte dal comitato rivoluzionario perché questi avevano una certa influenza in paese, dato che tutti mandavano i loro figli alla loro scuola. Il 9 marzo vennero condotti al cimitero della città, schierati davanti alle loro fosse e quindi fucilati[1].

Sant'Innocenzo e i nove lasalliani furono beatificati il 19 aprile 1990 da papa Giovanni Paolo II, che li canonizzò il 21 novembre 1999.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68336831 · LCCN (ENn2005039905 · WorldCat Identities (ENn2005-039905