Isabella Lövin

politica svedese
Isabella Lövin
Isabella Lövin.jpg

Ministro dell'Ambiente
In carica
Inizio mandato 21 gennaio 2020

Ministro della Cooperazione Internazionale
Durata mandato 3 ottobre 2014 - gennaio 2020
Predecessore Hillevi Engström

Europarlamentare
Legislature VII
Gruppo
parlamentare
I Verdi/Alleanza Libera Europea
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Ambientalista i Verdi
Università Università di Stoccolma e University College of Film, Radio, Television and Theatre
Professione giornalista

Isabella Lövin (Helsingborg, 3 febbraio 1963) è una politica svedese, dal 21 gennaio 2019 ministro dell'ambiente nel governo Löfven II dopo essere stata ministro della cooperazione internazionale dal 2014 al 2019 nel governo Löfven I e dal 2009 al 2014 eurodeputata per il Partito Ambientalista i Verdi.

BiografiaModifica

Figlia dell'artista Björn Lövin, è cresciuta ad Avesta.

Dal 1981 al 1985 ha studiato scienze politiche, sociologia, italiano e cinematografia presso l'Università di Stoccolma, e dal 1986 al 1987 ha studiato scienze politiche all'Università di Bologna.[1]

Attività giornalisticaModifica

Giornalista freelance,[1] Isabella Lövin ha lavorato in particolare in riviste dedicate al mondo femminile, Vecko-Revyn, Elle e We Parents. Ha scritto anche articoli sull'ambiente nella "domenica verde" di Expressen. Dal 1994 al 1997 ha lavorato come reporter e produttore di Radio P1, svedese, per i programmi Slussen e Tendens. Successivamente è stata fino al 2002 segretaria editoriale e redattore per un giornale mensile. Quindi nel 2003 ha contribuito come direttore editoriale nel lancio di una rivista, Leva!, nel 2005 ha scritto in Tutto su Mat e si è occupata di libri per Femina.

Nel 2007, Lövin ha pubblicato il libro Tyst hav - Hunting for the last food fish, che parla dell'eccessivo utilizzo degli stock ittici nelle acque svedesi e straniere. Il libro ha ricevuto molta attenzione e Lövin è stata insignita sia del Gran Premio del giornalista, nella categoria "Storyteller of the Year", sia del Guldspaden. Il libro ha contribuito nel fare entrare la Lövin come politico nel Partito dell'ambiente.

Attività politicaModifica

Esponente del Partito Ambientalista i Verdi, alle elezioni europee del 2009 è stata eletta eurodeputata, venendo confermata nel 2014.

Nel 2014 è stata nominata ministro della Cooperazione Internazionale nel governo Löfven I.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31980467 · ISNI (EN0000 0000 5379 9507 · LCCN (ENno2019008715 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019008715