Apri il menu principale

Isao Hosoe (Tokyo, 8 marzo 1942Milano, 3 ottobre 2015) è stato un ingegnere, designer e accademico giapponese.

BiografiaModifica

Nacque a Tokyo e compì i suoi studi alla Nihon University di Tokyo, dove si laureò nel 1965 in Ingegneria aerospaziale[1] con una tesi su un aereo a propulsione umana, consegue poi il Master of Science nel 1967. Nello stesso anno si trasferì in Italia, a Milano, per collaborare con Gio Ponti e Alberto Rosselli dello Studio Ponti-Fornaroli-Rosselli dal 1967 al 1974.[1][2] Nel 1985 fonda il proprio studio Isao Hosoe Design.[1][2]

Membro dell'ADI (Associazione per il disegno industriale), della SIE (Società italiana di ergonomia), del Japan Design Committee e del Japan Inter-Design Forum, fu docente di Industrial design al Politecnico di Milano, alla Sapienza - Università di Roma, alla Facoltà di architettura ad Alghero, alla Domus Academy, all'Università di Siena, all'ISIA di Firenze, all'Istituto di Design di Cagliari,[2] alla scuola Les Ateliers di Parigi, all'Elisava di Barcellona, alla RISD di Providence, all'Università di Lisbona.[1]

Diversi suoi progetti sono in esposizione permanente presso il Centro Georges Pompidou di Parigi, il Victoria and Albert Museum di Londra, ma anche a Milano e Chicago.[1] Gli furono conferiti numerosi premi, anche in ambito internazionale, per i progetti nel campo del product design e del design di interni, dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell'elettronica:[2] tra questi figurano il Compasso d'Oro con l'autobus Iveco Spazio per la Carrozzeria Orlandi (Modena), il Good Design Award Tokyo e la Medaglia d'Oro della Triennale di Milano.[1]

Morì il 3 ottobre 2015 a Milano. È sepolto presso il cimitero di Appiano Gentile (Como), cittadina nella quale andava in villeggiatura.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) Interna Collection | Designers > Isao Hosoe, www.internacollection.com. URL consultato il 1º novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2011).
  2. ^ a b c d Isao Hosoe: designer e progettisti del vetro, www.tonellidesign.it. URL consultato il 1º novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2009).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN37783083 · ISNI (EN0000 0000 8117 2787 · GND (DE12178018X · ULAN (EN500088271 · NDL (ENJA00342235 · WorldCat Identities (EN37783083