Apri il menu principale

John Fisher, I barone Fisher

ammiraglio inglese
(Reindirizzamento da Jackie Fisher)
John Fisher, I barone Fisher
Adm. John Fisher.jpg
L'Ammiraglio nel 1915
NascitaCeylon, 25 gennaio 1841
MorteLondra, 10 luglio 1920
Dati militari
Paese servitoRegno Unito Regno Unito
Forza armataNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Anni di servizio1854-1909
1914-1915
GradoAmmiraglio della Flotta
GuerreGuerra di Crimea
Seconda guerra dell'oppio
Seconda guerra anglo-egiziana
Prima guerra mondiale
Comandante di Director of Naval Ordnance (1886-91)
Admiral Sovrintendente di Portsmouth (1891)
Third Sea Lord and Controller (1892-97)
Comandante in Capo dello Squadrone del Nord America e delle Indie Occidentali (1897-99)
Delegato alla Conferenza di Pace di Hague (1899)
Comandante in Capo della Mediterranean Fleet (1899–1902)
Second Sea Lord (1902-03)
Comandante in Capo di Portsmouth (1903-04)
First Sea Lord (1904–10 e 1914–15)
DecorazioniCavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
Ordine al Merito
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
Gran Cordone della Legion d'onore
Gran Cordone dell'Ordine di Osminieh
Gran Cordone dell'Ordine del Sol Levante con Paulownia
voci di militari presenti su Wikipedia

John Arbuthnot "Jackie" Fisher, primo barone Fisher di Kilverstone (25 gennaio 184118 luglio 1920), è stato un ammiraglio inglese.

Jackie Fisher con Winston Churchill

Durante la sua carriera lunga 60 anni, ha visto la Royal Navy evolversi dalla propulsione a vela alle nuove tecnologie, come i sottomarini, gli incrociatori da battaglia (dei quali fu il principale fautore) e le portaerei. Durante la prima guerra mondiale fu Primo Lord del Mare (l'equivalente del ministro della marina) e il comandante della flotta durante la battaglia dello Jutland fu John Jellicoe, formatosi sotto Fisher.

Fu il creatore delle Dreadnought ossia delle corazzate monocalibro, nuovo tipo di corazzate ideate nel 1902 da un italiano, l'ingegnere Vittorio Cuniberti. La prima corazzata che diede il nome al nuovo tipo, la Dreadnought, venne varata nel 1905 e venne citata anche nel manifesto del futurismo.

OnorificenzeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29709610 · ISNI (EN0000 0000 6309 4332 · LCCN (ENn50005251 · GND (DE118683756 · BNF (FRcb13737005t (data) · NLA (EN36591283 · WorldCat Identities (ENn50-005251