Jacopo Capece Galeota

Condottiero italiano
Jacopo Capece Galeota
Jacopo Capece Galeota.jpg
Signore di Genouillac e La Roche-de-Glun
Stemma
Trattamento Signore
Nascita Napoli, 1420 circa
Morte Saint-Aubin-du-Cormier, luglio 1488
Dinastia Capece
Religione Cattolicesimo
Jacopo Capece Galeota
NascitaNapoli, 1420 circa
MorteSaint-Aubin-du-Cormier, 1488
Luogo di sepolturaCattedrale di San Maurizio, Angers
Dati militari
Paese servitoBandera de Nápoles - Trastámara.svg Regno di Napoli
Royal Banner of Aragón.svg Regno d'Aragona
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Jacopo (o Giacomo) Capece Galeota (Napoli, 1420 circa – Saint-Aubin-du-Cormier, luglio 1488) è stato un condottiero italiano.

Fu signore di Genouillac e La Roche-de-Glun.

BiografiaModifica

Membro della famiglia Capece del ramo dei Galeota, nacque a Napoli intorno al 1420. Sin da giovane venne avviato alla carriera militare, prendendo così parte alla battaglia tra gli Angioini e gli Aragonesi, pretendenti al trono del Regno di Napoli. A partire dal 1442 abbandonò i primi per schierarsi con gli Aragonesi, servendo prima Alfonso V d'Aragona contro Renato d'Angiò-Valois e poi suo figlio Ferrante contro Giovanni d'Angiò-Valois, figlio di Renato. Mantenne tale condotta fino al 1460-61, quando tornò tra le fila angioine e ritrovò nell'esercito i condottieri Cola di Monforte, Giacomo Montagano ed Orso Orsini.

L'instabilità politica e i tumulti del suo tempo convinsero Jacopo a trasferirsi insieme al Monforte in Provenza. Qui, sotto Carlo il Temerario, nel 1466 fronteggiò a Montlhéry e a Parigi Luigi XI di Francia. Passato al soldo di Renato II di Lorena, si spostò con il Monforte in Spagna presso Girona ed affrontò Ferdinando il Cattolico, venendo fatto prigioniero nel 1468. Liberato, tornò tra le fila francesi e si scontrò a più riprese con gli Aragonesi presso Barcellona fino al 1474, anno in cui venne mandato dal Temerario a Pavia per assoldare nuovi uomini d'arme.

Rientrato in Francia, partecipò agli assedi di Neuss e Nancy e ad ulteriori conflitti. Ritrovatosi a combattere nel luglio del 1488 a Saint-Aubin-du-Cormier, venne gravemente ferito alla coscia da un tiro di colubrina e morì dopo alcuni giorni. Fu sepolto ad Angers nella cattedrale di San Maurizio.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica