Jakub Zadzik

vescovo cattolico polacco
Jakub Zadzik
vescovo della Chiesa cattolica
J. Zadzik.JPG
POL COA Korab.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1582
Nominato vescovo2 dicembre 1624
Deceduto17 marzo 1642 a Bodzentyn
 

Jakub Zadzik (1582[1]Bodzentyn, 17 marzo 1642) è stato un vescovo cattolico polacco, duca di Siewierz, fautore della Controriforma, politico, pubblico ufficiale e diplomatico del Regno di Polonia (Confederazione delle Due Nazioni).

Palazzo dei Vescovi di Cracovia a Kielce fondato da Jakub Zadzik – attualmente sede del Museo Nazionale
Ruderi del castello dei vescovi di Cracovia a Bodzentyn

BiografiaModifica

Nato in una famiglia della media nobiltà polacca, come figlio di Jan Zadzik e di Jadwiga Borszówna. Frequentò la scuola dei Gesuiti di Kalisz, e poi studiò presso la facoltà di diritto canonico della Accademia di Cracovia, inoltre a Perugia (dove conseguì un dottorato) ed a Roma (dove ricevette l'ordine sacro).

Tra le cariche ricoperte da Zadzik figurano:

Nel 1626 convocò il Sejm a Toruń per aumentare le tasse in vista della guerra con la Svezia e creò una commissione per riformare il tesoro militare.

Negoziò il Trattato di Altmark nel 1629 e il trattato di Sztumska Wieś nel 1635 con la Svezia, che pose fine alla Guerra polacco-svedese, e il Trattato di Polanow con la Russia nel 1634, ponendo fine alla Guerra di Smolensk.

Era un cattolico sostenitore della Controriforma.

Nel 1638 riuscì a chiudere la Chiesa protestante polacca a Raków.

Si oppose spesso a Ladislao IV di Polonia, in particolare criticò le sue azioni volte a riconquistare il trono di Svezia e a rafforzare i poteri della monarchia per mezzo di un'azione militare.

Morì il 17 marzo 1642 nel castello dei vescovi di Cracovia a Bodzentyn ed è sepolto a Cracovia nella Basilica Cattedrale di Wawel, nella Cappella di San Giovanni Battista.

Oggi vescovo Jakub Zadzik è noto principalmente come fondatore del Palazzo dei Vescovi di Cracovia a Kielce (in polacco Pałac Biskupów Krakowskich w Kielcach), che fu costruito tra il 1637 e il 1641 in stile primo barocco dall'architetto italiano Tommaso Poncino (* c. 16001659), probabilmente su progetto dell'architetto italiano Giovanni Trevano († dopo 1641).

NoteModifica

  1. ^ Jakub Zadzik nacque nel 1582 – secondo P. Nitecki, Biskupi (...), colonna 504, ma secondo P. Biliński, Żywoty (...), p. 111, Jakub Zadzik nacque nel 1572 circa.
  2. ^ Custode (in polacco kustosz) – carica del sacerdote.
  3. ^ Ingresso (in latino ingressus) – l'entrata in carica di un vescovo.

BibliografiaModifica

  • Piotr Biliński, Żywoty biskupów krakowskich, Kraków 2000, pp. 111–114;
  • Piotr Nitecki, Biskupi kościoła w Polsce w latach 965-1999. Słownik biograficzny, edizione II, Warszawa 2000, p. 504.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN77218779 · ISNI (EN0000 0001 0990 5939 · LCCN (ENn85049122 · GND (DE123314097 · CERL cnp01468319 · WorldCat Identities (ENlccn-n85049122