Apri il menu principale

James Woolsey

avvocato statunitense e diploimatico
R. James Woolsey Jr.
James Woolsey 2015.jpg

16° Direttore della CIA
Presidente Bill Clinton
Predecessore Bob Gates
Successore John Deutch

Dati generali
Partito politico Partito Democratico

Robert James Woolsey Jr. (Tulsa, 21 settembre 1941) è un avvocato e diplomatico statunitense che ha diretto la CIA dal 5 febbraio 1993 al 10 gennaio 1995.

Ha ricoperto varie posizioni governative negli anni '70 e '80, anche come sottosegretario della Marina dal 1977 al 1979, e fu coinvolto nei negoziati con l'Unione Sovietica per cinque anni negli anni '80. È stato anche un avvocato e un investitore nel settore privato.

Indice

CarrieraModifica

Woolsey ha ricoperto posizioni importanti nelle amministrazioni sia democratiche che repubblicane. È stato coinvolto nelle amministrazioni di Jimmy Carter, Ronald Reagan, George H. W. Bush e Bill Clinton. Ha anche lavorato presso lo studio legale Shea & Gardner (1973-77, 1979-89, 1991-93).

Woolsey ha prestato servizio nel governo degli Stati Uniti come:

  • Consigliere (durante il servizio militare) nella delegazione degli Stati Uniti per i colloqui per la limitazione degli armamenti strategici (Accordi SALT), Helsinki e Vienna, 1969-1970
  • Consigliere generale del Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti, 1970-73
  • Sottosegretario della Marina, 1977-1979
  • Delegato nei colloqui per la riduzione delle armi strategiche tra Stati Uniti e Unione Sovietica (Accordi START) e nei colloqui sulle armi nucleari e spaziali (NST), Ginevra, 1983-1986
  • Ambasciatore al Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa (CFE), Vienna, 1989-1991
  • Direttore della CIA, 1993–1995
 
Ex direttori della CIA James Woolsey e Michael Hayden nel 2012

Ultimi incarichiModifica

Woolsey è il presidente della Fondazione per la difesa delle democrazie. È presidente dell'Advisory Board presso l'Opportunities Development Group (ODG).[1][2] Attualmente è membro del Board of Advisors del Washington Institute for Near East Policy (WINEP), consigliere dell'Istituto per l'analisi della sicurezza globale, cofondatore del Consiglio per la sicurezza energetica degli Stati Uniti, membro fondatore della Set America Free Coalition e vicepresidente senior presso Booz Allen Hamilton per la Sicurezza Strategica Globale (dal 15 luglio 2002).[3]

È un patrono della Henry Jackson Society, un think tank britannico. Woolsey ha avuto contatti di lunga data con l'Europa centrale e orientale come membro del Board of Advisors della Global Panel Foundation con sede a Berlino, Copenaghen, Praga, Sydney e Toronto. Precedentemente è stato presidente del consiglio di amministrazione della Freedom House. È membro dell'International Advisory Board di ONG Monitor.[4]

Woolsey è membro del Progetto per un nuovo secolo americano (PNAC) ed è stato uno dei firmatari della lettera del 26 gennaio 1998 inviata al Presidente Bill Clinton che ha chiesto la rimozione di Saddam Hussein.[5] Nello stesso anno è stato membro della Commissione Rumsfeld, che ha indagato sulla minaccia dei missili balistici per il Congresso degli Stati Uniti.[6]

Nel 2008, Woolsey è entrata a far parte di VantagePoint Venture Partners come venture partner.[7]

John McCain assunse Woolsey come consulente in materia di energia e cambiamenti climatici per la sua campagna elettorale presidenziale degli Stati Uniti nel 2008. [8]

Nell'aprile 2011, Lux Capital ha annunciato che Woolsey diventerà un venture partner nella società.[9]

Nel luglio 2011, Woolsey, in collaborazione con Robert McFarlane, ha co-fondato il Consiglio per la sicurezza energetica degli Stati Uniti. Attualmente Woolsey fa parte del Board of Advisors per la Fuel Freedom Foundation. [10]

Ha ricevuto un dottorato onorario dall'Istituto di politica mondiale a Washington nel 2011.

Woolsey è stato membro del consiglio di amministrazione e vicepresidente della Jamestown Foundation,[11] e fa parte del comitato consultivo della non profit America Abroad Media.[12]

Attualmente è cancelliere presso l'Institute of World Politics[13] e il direttore indipendente non esecutivo di Imperial Pacific.[14]

Woolsey è diventato consigliere senior del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump a settembre 2016.[15][16] Si è dimesso il 5 gennaio durante l'udienza del Congresso per gli attacchi informatici e per le dichiarazioni pubbliche di Donald Trump critiche nei confronti della United States Intelligence Community.[17]

Il 27 ottobre 2017, il portavoce di Woolsey ha dichiarato a NBC che Woolsey ha collaborato con le indagini dell'FBI e quella del Consigliere speciale Robert Mueller a un incontro che, a settembre 2016, ha tenuto Michael T. Flynn, consigliere della campagna di Donald Trump.[18] Woolsey sostiene che, durante l'incontro, Flynn si è offerta di aiutare i funzionari del governo turco a rimpatriare il dissidente turco Fethullah Gülen in Turchia.[19]

ItaliaModifica

Il 16 febbraio 2018, in un'intervista a Fox News, ha dichiarato che la CIA ha probabilmente influenzato l'esito delle elezioni di alcuni Stati europei per prevenire che i comunisti prendessero il potere durante gli anni quaranta, tra cui le elezioni politiche italiane del 1948 (favorendo la sconfitta del Fronte Democratico Popolare) e in Grecia.[20]

IraqModifica

A poche ore dagli attacchi dell'11 settembre, Woolsey è apparso in televisione parlando di possibile complicità irachena. Nel settembre 2002, mentre il Congresso stava autorizzando il presidente Bush a usare la forza contro l'Iraq, Woolsey disse al Wall Street Journal che credeva che l'Iraq fosse anche collegato all'Attentato di Oklahoma City e al bombardamento del World Trade Center nel 1993.[21]

Nel 2005, Steve Clemons, membro del think tank della New America Foundation, accusò Woolsey di aver tratto profitto dall'aver promosso la guerra in Iraq.[22] Melvin A. Goodman, membro del Center for International Policy e ex capo della divisione della CIA, ha dichiarato al Washington Post che "Woolsey è stato un disastro come direttore della CIA negli anni '90 e ora sta girando per questo paese chiedendo una quarta guerra mondiale per affrontare il problema islamico".[23][24]

Durante il 14 gennaio 2009, intervistato da Peter Robinson su Uncommon Knowledge, Woolsey descrisse l'intelligence della CIA sulle presunte armi chimiche e biologiche irachene come un "fallimento" prima dell'invasione dell'Iraq nel 2003. Ha criticato l'amministrazione Bush per aver raggruppato molti materiali diversi con capacità diverse nell'ambito della vasta categoria di armi di distruzione di massa. Ha descritto il fallimento dell'intelligence americana come un errore ragionevole piuttosto che un atto di incompetenza. [25]

Insieme ad altri sei ex direttori, Woolsey fu uno dei firmatari della lettera del 18 settembre 2009, inviata al presidente Obama che lo esortò ad esercitare l'autorità per invertire la decisione del procuratore generale Eric Holder il 24 agosto di riaprire le indagini sui crimini degli interrogatori della CIA.[26]

AltroModifica

Woolsey crede che la divulgazione delle pratiche segrete dell'intelligence da parte di Edward Snowden abbia arrecato gravi danni alla sicurezza delle nazioni occidentali. Durante un'intervista con Fox News, il 17 dicembre 2013, discutendo l'idea di concedere l'amnistia a Snowden, Woolsey ha dichiarato: "Penso che dargli l'amnistia sia un'idiozia... Dovrebbe essere processato per tradimento. Se condannato da una giuria di suoi pari, dovrebbe essere impiccato per il collo fino alla morte".[27] In un'intervista alla CNN, Woolsey ha dichiarato che "il sangue di molti di questi giovani francesi è sulle mani [di Snowden]" riferendosi agli attentati di Parigi del 13 novembre 2015.[28] Woolsey è stato conosciuto principalmente come un neoconservatore democratico su questioni di politica estera, ma liberale su questioni economiche e sociali.[29][30] Nel 2008 ha supportato il senatore John McCain come presidente e ha ricoperto il ruolo di consigliere di politica estera di McCain.[31]

NoteModifica

  1. ^ Plainsite.org
  2. ^ House.gov
  3. ^ James Woolsey, Right Web.
  4. ^ International Advisory Board of NGO Monitor
  5. ^ Project New American Century : The Indy Voice - "Be the change you want to see in the world…" Archiviato il 26 gennaio 1998 Data nell'URL non combaciante: 22 agosto 2006 in Internet Archive.
  6. ^ Report, Commission to Assess the Ballistic Missile Threat to the United States, 15 luglio 1998. URL consultato il 19 novembre 2015.
  7. ^ VantagePoint Venture Partners adds former CIA director, analyst to cleantech team, VentureBeat, 21 maggio 2008. URL consultato il 30 novembre 2015.
  8. ^ Tim Shipman, John McCain hires former CIA director Jim Woolsey as green advisor, in The Daily Telegraph (London), 21 giugno 2008. URL consultato il 22 maggio 2010.
  9. ^ James Woolsey and Richard Foster join Lux
  10. ^ "Breaking America's Oil Addiction: Fuel Freedom Launches Campaign" Archiviato il 28 giugno 2013 in Archive.is. "Bask Magazine", October 24, 2012
  11. ^ An Interview With The Honorable R. James Woolsey, The Jamestown Foundation, 18 dicembre 2003. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  12. ^ Americaabroadmedia.org Archiviato il 16 luglio 2014 in Internet Archive.
  13. ^ Iwp.edu Archiviato il 22 dicembre 2015 in Internet Archive.
  14. ^ Former CIA director Woolsey named to Imperial Pacific's new advisory committee, in Marianas Variety. URL consultato il 24 maggio 2016.
  15. ^ Jeremy Diamond, Former CIA chief under Clinton joins Trump campaign, in CNN, 12 settembre 2016. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  16. ^ Linton's former CIA director advising Trump on national security, Politico, 12 settembre 2016. URL consultato il 12 settembre 2016.
  17. ^ Philip Rucker, Former CIA director James Woolsey quits Trump transition team, in The Washington Post, 5 gennaio 2017.
  18. ^ Ken Dilanian, Ex-CIA Director Spoke to Mueller About Flynn’s Alleged Turkish Scheme, in NBC News, 27 ottobre 2017.
  19. ^ Greta Van Susteren, Ex direttore della CIA: ‘I Had Nothing to do With General Flynn’, 27 marzo 2017.
  20. ^ (EN) James Woolsey on the Russians' efforts to disrupt elections, in Fox News, 16 febbraio 2018. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  21. ^ Micah Morrison, The Iraq Connection, The Wall Street Journal, 2 settembre 2002. URL consultato il 29 giugno 2008.
  22. ^ Woolsey Needs to Make a Choice Between Being a War Profiteer or War Pundit Archiviato il 30 agosto 2006 in Internet Archive. The Washington Note July 10, 2005
  23. ^ War in Iraq, with Mel Goodman, in The Washington Post, 15 aprile 2003 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2008).
  24. ^ Melvin A. Goodman Staff list Center for International Policy
  25. ^ Intelligence and Security with James Woolsey Archiviato il 6 febbraio 2009 in Internet Archive.. Uncommon Knowledge. Filmed on January 14, 2009. Retrieved July 6, 2009.
  26. ^ Letter to President Obama from Former Directors of Central Intelligence or Directors of the CIA, September 18, 2009
  27. ^ Lucas Tomlinson, Ex-CIA director: Snowden should be 'hanged' if convicted for treason, Fox News, 17 dicembre 2013.
  28. ^ Ex CIA chief: Blood of French people on Snowden's hands, CNN.
  29. ^ Martin Indyk, Innocent Abroad: An Intimate Account of American Peace Diplomacy in the Middle East, Simon and Schuster, 2009, p. 16, ISBN 1-4165-9429-9.
  30. ^ David Halberstam, War in a Time of Peace, Simon and Schuster, 2002, pp. 191–92, ISBN 0-7432-1824-8.
  31. ^ Robert McMahon, McCain's Brain Trust, Newsweek, 3 giugno 2008. URL consultato il 18 giugno 2008.
Direttori della CIA  

Souers | Vandenberg | Hillenkoetter | Smith | Dulles | McCone | Raborn | Helms | Schlesinger | Colby | Bush | Turner | Casey | Webster | Gates | Woolsey | Deutch | Tenet | McLaughlin | Goss | Hayden | Panetta | Morell | Petraeus | Brennan | Park | Pompeo | Haspel

Controllo di autoritàVIAF (EN71368685 · ISNI (EN0000 0001 1214 0527 · LCCN (ENn80131521 · GND (DE124845797