Apri il menu principale

Jarle Halsnes

sciatore alpino norvegese
Jarle Halsnes
Nazionalità Norvegia Norvegia
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Squadra Sauda IL[senza fonte]
Ritirato 1982
Palmarès
Coppa Europa 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Jarle Halsnes (Sauda, 4 maggio 1957) è un ex sciatore alpino norvegese specializzato nelle prove tecniche.

BiografiaModifica

Stagioni 1979-1980Modifica

Jarle Halsnes ottenne i suoi primi risultati di rilievo in Coppa Europa, aggiudicandosi l'edizione del 1979 quando si classificò anche 2º nella classifica dello slalom gigante[1]. In Coppa del Mondo ottenne il primo piazzamento di rilievo l'8 dicembre 1979 sulle nevi di Val-d'Isère, in Francia, giungendo settimo in slalom gigante.

Ai XIII Giochi olimpici invernali di Lake Placid 1980, sua unica presenza olimpica, Halsnes si classificò 11º nello slalom gigante e 16º nello slalom speciale. Pochi giorni dopo, il 26 febbraio a Waterville Valley (Stati Uniti), conquistò in slalom gigante il suo primo podio in Coppa del Mondo: 3º dietro all'austriaco Hans Enn e al liechtensteinese Andreas Wenzel.

Stagioni 1981-1982Modifica

Il 1º febbraio 1981 a Sankt Anton am Arlberg in Austria ottenne, in slalom speciale, il suo secondo e ultimo podio in Coppa del Mondo, classificandosi ancora 3º alle spalle dello svedese Ingemar Stenmark e dello statunitense Phil Mahre.

L'anno seguente partecipò ai Mondiali di Schladming piazzandosi 11º sia nello slalom gigante sia nello slalom speciale. Ottenne l'ultimo piazzamento della sua attività agonistica il 24 marzo seguente con il 12º posto ottenuto nello slalom gigante di Coppa del Mondo disputato a San Sicario, in Italia.

PalmarèsModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 13º nel 1981
  • 2 podi (1 in slalom gigante, 1 in slalom speciale):
    • 2 terzi posti

Coppa EuropaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b ÖSV-Siegertafel, su oesv.at. URL consultato il 4 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Collegamenti esterniModifica