Apri il menu principale

Joe Moody

rugbista a 15 neozelandese
Joe Moody
Joe Moody thumb17.jpg
Dati biografici
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 188 cm
Peso 112 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Squadra Canterbury
Franchigia Crusaders SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2011- Canterbury 26 (15)
Attività in franchise
2013- Crusaders 81 (10)
Attività da giocatore internazionale
2014- Nuova Zelanda Nuova Zelanda 46 (25)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2019

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 1 novembre 2019

Joseph Paul Tamatea "Joe" Moody (Christchurch, 18 settembre 1988) è un rugbista a 15 neozelandese, pilone della squadra provinciale di Canterbury in ITM Cup e dei Crusaders in Super Rugby, campione del mondo 2015 con gli All Blacks.

Cenni biograficiModifica

Prima di passare al rugby a 15 Moody praticò la lotta libera e quella greco-romana fin dall'età di 7 anni[1], vincendo anche titoli juniores a livello continentale e di giochi giovanili del Commonwealth[2] e, successivamente, il rugby a 13[2], disciplina tramite la quale giunse al XV una volta preso atto che per avanzare nella lotta avrebbe dovuto trasferirsi all'estero viste le scarse possibilità di sviluppo in patria[2].

Nel 2011, a 23 anni, debuttò nella provincia di Canterbury in ITM Cup, vincendo la competizione alla prima stagione; bissò il successo alla seconda e nel Super Rugby 2013 debuttò per la franchise collegata alla provincia, i Crusaders.

Convocato a fine 2013 per il tour in Europa degli All Blacks, non poté essere disponibile a causa di una frattura alla gamba occorsagli durante la finale di ITM Cup[3], ciononostante, una volta ristabilitosi, esordì a Sydney nel corso del match del Championship 2014 contro l'Australia[3], terminato in parità 12-12.

Inizialmente escluso dalla rosa dei convocati alla Coppa del Mondo di rugby 2015, fu chiamato dal C.T. Steve Hansen dopo che un infortunio ai muscoli della coscia aveva messo fine alla carriera internazionale del pilone titolare Tony Woodcock[3]. Fu schierato come sostituto nel quarto di finale contro la Francia e successivamente titolare in semifinale contro il Sudafrica e in finale contro l'Australia, laureandosi campione del mondo.

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Patrick McKendry, Rugby: Moody refuses to be counted out, in The New Zealand Herald, 18 febbraio 2014. URL consultato il 2 novembre 2015.
  2. ^ a b c (EN) Tony Smith, Wrestler Joe Moody's new outlet for talents, in Stuff, Fairfax Media, Ltd, 15 luglio 2011. URL consultato il 2 novembre 2015.
  3. ^ a b c (EN) Chris Barclay, All Blacks prop Joe Moody digests surprise World Cup call-up after Tony Woodcock injury, in Stuff, Fairfax Media, Ltd, 11 ottobre 2015. URL consultato il 2 novembre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica